Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Missione italiana in Iraq

Chiedi un voto per la pace

No alla presenza di forze armate italiane al fianco di delle truppe di Bush. Comunica ai parlamentari la tua opinione contro la missione italiana. Il 19 febbraio il Parlamento vota per la prosecuzione (o no) della missione italiana in Iraq.
13 febbraio 2004
Redazione
Fonte: Rete Lilliput

In occasione del rifinanziamento della missione italiana in Iraq, alla luce dei fatti accaduti in questo ultimo anno, torniamo a chiedere di terminare il coinvolgimento italiano nell'occupazione dell' Iraq.

Clicca su http://www.retelilliput.net/Segreteria/TemiCaldi/TemiCaldiDx/votopace e i parlamentari del tuo collegio riceveranno il messaggio via e-mail.

Questo è il messaggio che il sistema di invio telematico di Rete Lilliput spedisce ai parlamentari.

---

Gentile Parlamentare,
Le scrivo per chiederle di votare affinché la missione militare e civile in Iraq non venga rifinanziata: nonostante l'uso dell'espressione "missione umanitaria" si tratta di una missione sotto il comando di una forza di occupazione, nel quadro di un'operazione di guerra specificamente vietata dalla nostra Costituzione.
Si unisca alla maggioranza della popolazione italiana, si faccia portavoce dei milioni di bandiere di pace che ancora sventolano dai balconi delle nostre città. Faccia un gesto che contribuisca con chiarezza a ripristinare la legalità internazionale. Saremo in tanti, ma proprio tanti, a camminare al suo fianco.
Mai una guerra fu tanto contestata, prima ancora di essere scatenata, al suo solo annuncio, come la guerra all’Iraq. Oggi, gli stessi massimi responsabili di quella guerra riconoscono che l’accusa delle "armi di distruzione di massa" che l’Iraq avrebbe posseduto, era priva di fondamento; lo stesso Segretario di Stato degli USA, Colin Powell, ammette che forse la guerra non era necessaria… Sono tutte cose che Lei sa, non può non saperle, vista la responsabilità di cui è investito. Le chiedo di considerarle, serenamente ma responsabilmente.
Le forze di occupazione non riescono a garantire la sicurezza nemmeno a sé stesse, e di fatto tutelano solo un numero ristretto di presidi economici, militari e delle comunicazioni, oltre agli impianti di estrazione petroliferi. Tutte le infrastrutture civili sono esposte all’abbandono e al saccheggio, nell’indifferenza o nell’assenza delle forze di occupazione. Gli approvigionamenti alimentari, l’erogazione di acqua potabile e luce elettrica, i servizi sanitari, tutto è compromesso e deficitario. Queste cose da sole non fanno la libertà, ma senza tutte queste cose, quale popolo può dirsi libero? Senza queste cose la vita è quotidiana sofferenza ed umiliazione.
E’ amaro e tragico doverlo ammettere, per chi crede nella democrazia e ha in odio la dittatura –e sono certo che in questo io e Lei coltiviamo profondamente gli stessi sentimenti- è amaro doverlo ammettere, dicevo, ma la popolazione irakena oggi sta peggio di quanto non stesse sotto il regime di Saddam Hussein: vive molto peggio. E anche chi, nella variegata società civile irakena, era nei primi mesi di occupazione "rimasto alla finestra", oggi si oppone con forza crescente alla occupazione. E’ tempo di ammetterlo: in Iraq non c’è nessuna "missione di pace".
Non c’è nessuna "forza" di pace, se non quelle (la cui "forza" poggia sull’umanità e sulla natura preziosa del servizio che prestano a comunità bisognose), dei volontari civili umanitari, delle strutture di cooperazione impegnate nella ricostruzione di infrastrutture civili o nei presidi elementari di sanità, in quelle di monitoraggio sul rispetto dei diritti umani. Saprà che l’ultimo voto in materia del Parlamento di cui Lei fa parte, ha tolto risorse a questo tipo di interventi –cioè alla cooperazione internazionale delle Organizzazioni Non Governative- per riversarle sulla missione militare (chiamandola "di pace"). E’ un errore, è una beffa, è una grave e imperdonabile offesa alla giustizia e alla verità. La prego di fare ciò che è in suo potere, perché il nostro Parlamento cancelli quell’errore, ponga fine alla complicità italiana nell’umiliazione del popolo irakeno e nella copertura di una guerra e di una occupazione ingiuste e disgraziate.
Non c’è nessuna "missione di pace" in Iraq: non prenda, il Parlamento, in giro con leggerezza e cinismo gli italiani, non prenda in giro con leggerezza e cinismo i militari tuttora là impiegati e le loro famiglie, non prenda in giro il sentimento della maggior parte dei cittadini italiani, amanti della democrazia, della pace, della solidarietà, ed alieni a ogni comportamento o pregiudizio coloniale o neocoloniale.
Le chiedo scusa per la lunghezza, che le avrà sottratto un po’ del suo tempo, ma credo che comprenderà. Per chi non ha voluto ascoltare voci che potevano –lo comprendo- parergli di parte, c’erano quei milioni di bandiere a ricordarlo per mesi e mesi: le ragioni della pace e della non aggressione sono le ragioni della maggior parte degli Italiani.
Per tutti questi motivi, Le chiedo un voto che sia NO alla guerra, NO all’ulteriore coinvolgimento italiano in una occupazione ingiusta e nefasta. NO a compromessi ambigui (astensioni o uscita dall’aula) che guardino agli equilibri fra partiti, alle alchimie verbali, e neghino la realtà, e le responsabilità che essa comporta. Non tradisca questa richiesta. Non deluda l’attenzione con cui io –e tanti, come me e con me- guardo a ciò che il Parlamento dirà e a ciò che verrà deciso.
La ringrazio.

Articoli correlati

  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Caporale dell'esercito britannico protesta contro la guerra in Yemen
    Disarmo
    Le parti coinvolte nel confitto commettono gravi violazioni del diritto internazionale

    Caporale dell'esercito britannico protesta contro la guerra in Yemen

    "Presto servizio nell'esercito britannico dal 2017, ma ho giurato di proteggere e servire questo Paese non di far parte di un governo corrotto che continua ad armare e sostenere il terrorismo"
    8 ottobre 2020 - Maria Pastore
  • Nel 1995 Michael Jackson scrisse Earth Song, canzone di denuncia dalla bellezza ipnotica
    Cultura
    5 giugno Giornata Mondiale dell'Ambiente

    Nel 1995 Michael Jackson scrisse Earth Song, canzone di denuncia dalla bellezza ipnotica

    Le ferite della Terra trovano musica e parole. Chi non conosce Earth Song la ascolti prima di vederne il video o le riprese del concerto live in cui Jackson trovò anche il modo di onorare gli studenti di Piazza Tienanmen
    5 giugno 2020 - Lidia Giannotti
  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)