Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Arrestati tre operatori di Emergency a Lashkar-gah

In Afghanistan arrestano non chi spara ai bambini ma chi li soccorre

L'esercito italiano partecipa ad una "missione per la libertà" in Afghanistan e non sa garantire la libertà di movimento a Roberto Saviano in Italia
11 aprile 2010

Akter Mohammed è un bambino afghano. Si è avvicinato alla finestra per vedere i blindati in arrivo.
Un soldato ha intravisto la sagoma dietro il vetro e ha sparato. Il logo di Emergency

"Colpo singolo alla testa. Un proiettile, uno solo, gli ha passato la testa da parte a parte. Un bambino di nove anni. Nove. È ancora vivo e lo stanno operando. Il padre urlava e si dibatteva il petto, non solo per quello che hanno fatto a suo figlio, ma anche per il modo".

A dire queste cose a febbraio è Matteo, uno dei tre operatori di Emergency che è stato appena arrestato in Afghanistan, con l’accusa di avere complottato per uccidere il governatore della provincia di Helmand. "L’accusa ci sembra francamente ridicola", dichiara Emergency.

In guerra il mondo è capovolto: chi aiuta è un criminale, chi è un criminale va aiutato.

E in Afghanistan le cose vanno proprio così: arrestano non chi spara ai bambini ma chi li soccorre.

Non solo.

L'esercito italiano partecipa ad una "missione per la libertà" in Afghanistan.

Ma non sappiamo garantire una vita normale in Italia a Roberto Saviano, minacciato di morte della mafia e costretto a vivere nascosto con la scorta.

Note: L'arresto dei tre operatori di Emergency è avvenuta a pochi giorni dalla denuncia del fondatore di Emergency, Gino Strada il quale, intervenendo domenica alla trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa" di domenica scorsa, aveva detto che nel cuore della zona dei bombardamenti in Afghanistan le forze dell'Isaf impediscono sistematicamente e intenzionalmente ai feriti di raggiungere gli ospedali attraverso il blocco di macchine e ambulanze, rifiutando di prendere in considerazione ogni proposta di apertura di un corridoio umanitario per l'evacuazione dei feriti. Una condotta che Strada ha bollato come "crimine di guerra da portare davanti alla Corte penale internazionale, in quanto contrario a tutte le convenzioni sull'assistenza dei feriti nei conflitti armati".

Cliccare su http://it.peacereporter.net/articolo/20563/Gino+Strada:+crimini+di+guerra+in+Afghanistan

Articoli correlati

  • Violenza orribile e insensata
    Editoriale
    Ripubblichiamo l'editoriale di PeaceLink dell'11 settembre 2001

    Violenza orribile e insensata

    Venti anni fa scrivevamo: "Ci auguriamo che a questo sangue innocente non se ne aggiunga altro. Quanto è accaduto va condannato con tutta la fermezza possibile ma non può in ogni caso costuire la premessa per dare mano libera ai professionisti della vendetta".
    Associazione PeaceLink
  • "La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"
    MediaWatch
    "Afghanistan venti anni dopo", dibattito a cura della Rete Italiana Pace e Disarmo

    "La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"

    Guerra, verità e impatto sulle popolazioni: il ruolo del giornalismo e della società civile. Video del dibattito fra Stefania Maurizi, Riccardo Iacona, Mao Valpiana e Francesco Vignarca. Si parla della prigionia di Assange che ha svelato la vera guerra in Afghanistan e i narcotrafficanti al governo.
    7 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • E' venuto il momento della resa dei conti dopo il disastro dell'Afghanistan
    Editoriale
    Dobbiamo far capire che è il momento di provare vergogna

    E' venuto il momento della resa dei conti dopo il disastro dell'Afghanistan

    La Campagna Guantanamo è una critica della guerra a partire dai diritti umani. I pacifisti possono promuovere un cambio di paradigma e di narrazione perché i diritti umani sono stati violati proprio dai fautori di questi venti anni di "guerra umanitaria".
    7 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il Papa: "Digiuno e preghiera, questo è il momento di farlo"
    Pace
    La guerra è sempre un’avventura senza ritorno

    Il Papa: "Digiuno e preghiera, questo è il momento di farlo"

    Nella seconda parte dell'Angelus del 15 agosto ha menzionato l'Afghanistan: "Cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo"
    16 agosto 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)