Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
Arrestati tre operatori di Emergency a Lashkar-gah

In Afghanistan arrestano non chi spara ai bambini ma chi li soccorre

L'esercito italiano partecipa ad una "missione per la libertà" in Afghanistan e non sa garantire la libertà di movimento a Roberto Saviano in Italia
11 aprile 2010 - Alessandro Marescotti

Akter Mohammed è un bambino afghano. Si è avvicinato alla finestra per vedere i blindati in arrivo.
Un soldato ha intravisto la sagoma dietro il vetro e ha sparato. Il logo di Emergency

"Colpo singolo alla testa. Un proiettile, uno solo, gli ha passato la testa da parte a parte. Un bambino di nove anni. Nove. È ancora vivo e lo stanno operando. Il padre urlava e si dibatteva il petto, non solo per quello che hanno fatto a suo figlio, ma anche per il modo".

A dire queste cose a febbraio è Matteo, uno dei tre operatori di Emergency che è stato appena arrestato in Afghanistan, con l’accusa di avere complottato per uccidere il governatore della provincia di Helmand. "L’accusa ci sembra francamente ridicola", dichiara Emergency.

In guerra il mondo è capovolto: chi aiuta è un criminale, chi è un criminale va aiutato.

E in Afghanistan le cose vanno proprio così: arrestano non chi spara ai bambini ma chi li soccorre.

Non solo.

L'esercito italiano partecipa ad una "missione per la libertà" in Afghanistan.

Ma non sappiamo garantire una vita normale in Italia a Roberto Saviano, minacciato di morte della mafia e costretto a vivere nascosto con la scorta.

Note:

L'arresto dei tre operatori di Emergency è avvenuta a pochi giorni dalla denuncia del fondatore di Emergency, Gino Strada il quale, intervenendo domenica alla trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa" di domenica scorsa, aveva detto che nel cuore della zona dei bombardamenti in Afghanistan le forze dell'Isaf impediscono sistematicamente e intenzionalmente ai feriti di raggiungere gli ospedali attraverso il blocco di macchine e ambulanze, rifiutando di prendere in considerazione ogni proposta di apertura di un corridoio umanitario per l'evacuazione dei feriti. Una condotta che Strada ha bollato come "crimine di guerra da portare davanti alla Corte penale internazionale, in quanto contrario a tutte le convenzioni sull'assistenza dei feriti nei conflitti armati".

Cliccare su http://it.peacereporter.net/articolo/20563/Gino+Strada:+crimini+di+guerra+in+Afghanistan

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)