Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Si chiama Ali Orgen e in Turchia è stato ripetutamente torturato

Curdo del PKK arrestato in Italia rischia di essere estradato in Turchia

Sabato 4 settembre 2010 dalle ore 17,30 presidio presso il carcere di Benevento. Una corriera per Benevento partirà dalla Concattedrale di Taranto alle ore 13,30. Il costo del biglietto è di 10 euro a persona.
1 settembre 2010
RadioPopolare Salento

E' nato il "Comitato di solidarietà ad Alì Orgen", curdo arrestato a Taranto su mandato di un tribunale turco. Radio Popolare Salento si mobilita

In un comunicato la redazione di "RadioPopolare Salento/PopolareNetwork" fa sapere che associazioni, sindacati, partiti e singoli cittadini si stanno mobilitando per solidarizzare con Alì Orgen, il ragazzo curdo arrestato dalla Questura di Taranto su mandato di un tribunale Turco il 18 agosto scorso, che adesso rischia l'estradizione nelle prigioni della Turchia.
Curdi, distribuzione geografica


"Non si può capire l'arresto e la richiesta di estradizione di Ali Orgen se non parliamo del Kurdistan - recita il comunicato - un paese negato che invece ha un suo popolo, suoi confini, una sua lingua, una sua cultura.

Un paese di quaranta milioni di persone che ha subìto e subisce il genocidio perpetrato da quegli stati che, come la Turchia, ma anche l'Iran, l'Iraq e la Siria, ne occupano le terre e ne vogliono distruggere la storia. Ali Orgen è di Bismil.

Quotidianamente la Turchia, paese occupante, incarcera, tortura, ammazza, usa armi chimiche, reprime tutti i curdi che lottano per l'indipendenza e per la creazione di una società nuova. Per il solo fatto di parlare il curdo, si rischia la prigione.

Ogni formazione politica curda è bandita. Del resto, Amnesty International e altre 'ong', giuristi democratici, parlamentari di tutto il mondo, hanno denunciato e denunciano ripetutamente questo sistema repressivo turco nei confronti dei curdi. Ali Orgen ha scelto come tanti altri curdi di manifestare e lottare per la liberazione del proprio popolo, il riconoscimento dei suoi diritti e l'indipendenza dallo Stato turco.

Per questo, nel novembre del '96 è stato arrestato. Dopo tre anni di carcere duro, in cui è ripetutamente torturato, è condannato a morte, benché non sia mai stato accusato di alcun fatto di sangue. La condanna è poi tramutata in ergastolo e poi in sei anni di reclusione.

È un processo farsa, che si svolge senza un avvocato difensore. Al momento della condanna, ad Ali manca da scontare un residuo di pena, ma gli è abbuonato. Dal 2003 Ali vive in Italia. Ha scelto di vivere a Taranto, città in cui ha sempre lavorato e in cui ha creato solide e molteplici relazioni sociali.

Da un paio d'anni aveva aperto un phone center, il primo della città, per permettere a tutti gli stranieri di chiamare a prezzi modici nei propri paesi.

Il centro, ribattezzato 'Alicenter', è diventato un punto di riferimento per tutti i migranti di Taranto e provincia. Nel 2005, in sua assenza, il processo è riaperto, e in base alla riforma del codice penale turco, è condannato a scontare quel presunto residuo.

Quando quest'anno richiede un nuovo passaporto turco per rinnovare il permesso di soggiorno, per tutta risposta insieme al diniego arriva la richiesta di estradizione.

La mattina del 18 agosto Ali è arrestato. Su di lui pende una richiesta di estradizione totalmente ingiustificata. Ali rischia di finire nelle carceri turche, in cui perdurano le torture, in cui i curdi sono detenuti in condizioni disumane e spesso vengono uccisi. Questo è Ali Orgen.

Non quello dipinto come un 'terrorista' dai mass media imbeccati dalle note dell'Interpol e dell'Ucigos, silenziosi complici, insieme al governo italiano, del sistema repressivo turco. Per ulteriore chiarezza ribadiamo che Ali Orgen non è affatto coinvolto nell'inchiesta sul cosiddetto 'terrorismo curdo' in Italia, che peraltro si è conclusa in un nulla di fatto, né su questo si basa la sua richiesta di estradizione.

Negli anni novanta, Ali è stato vittima di un processo ingiusto. Oggi è vittima di un'ingiusta richiesta di estradizione che si basa sull'assurda applicazione di una nuova legge liberticida. Per questi motivi è nato il Comitato di Solidarietà ad Ali Orgen. Questo comitato porrà in essere una serie d'iniziative pubbliche per la sua scarcerazione e invita i singoli cittadini e tutte le organizzazioni che sostengono i diritti umani e i diritti dei popoli ad attivarsi per sostenere questa causa e per impedire l'estradizione".

Note: Su questa vicenda "RadioPopolare Salento/PopolareNetwork" ha realizzato uno "speciale" che può essere ascoltato e "scaricato" dal sito www.radiopopolaresalento.it.

"RadioPopolare Salento/PopolareNetwork" può, inoltre, essere ascoltata sui 93.5 mhz (Lecce) e sui 107.3 mhz (Taranto).

Info su http://comitatodisolidarietadaliorgen.blogspot.com

Questa la notizia data dalla Gazzetta del Mezzogiorno dell'arresto di Ali Orgen:
http://tinyurl.com/39fzl4g

Articoli correlati

  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita
    Disarmo
    Turchia

    Sistemi missilistici russi S-400, merce ambita

    Quando si vendono e si comprano armamenti, petrolio e gas, il manicheo rituale “buoni/cattivi” e “amici/nemici” viene messo elegantemente da parte
    23 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)