Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Afghanistan

Cordoglio per Massimo Ranzani

Un altro militare italiano vittima di una guerra a cui ci siamo sempre opposti. "L'Italia ripudia la guerra", recita l'articolo 11 della Costituzione Italiana.
28 febbraio 2011

Articolo 11 della Costituzione Italiana

Ancora un lutto per la guerra. Ancora una vittima di una finta missione di pace. Massimo Ranzani, 37 anni, è un soldato italiano morto in Afghanistan, per una guerra che cinquanta anni fa non avremmo mai fatto. "L'Italia ripudia la guerra", dice la Costituzione, l'articolo 11. Invece oggi i governi italiani pagano dei giovani per mettere a rischio la loro vita, per missioni a 5mila chilometri dalla "patria", missioni che mai verrebbero accettate da un esercito di leva. In Afghanistan ci sono giacimenti di oro, litio, rame, ferro e altri minerali per oltre 3mila miliardi di dollari. Il problema è che sono concentrati in zone controllate dai ribelli talebani. Ma se a morire fossero i figli dei ministri, le truppe italiane sarebbero già a casa da un pezzo.

Note: Sotto i piedi dei talebani oltre 3mila miliardi di dollari in terre rare e metalli pregiati

Articoli correlati

  • Violenza orribile e insensata
    Editoriale
    Ripubblichiamo l'editoriale di PeaceLink dell'11 settembre 2001

    Violenza orribile e insensata

    Venti anni fa scrivevamo: "Ci auguriamo che a questo sangue innocente non se ne aggiunga altro. Quanto è accaduto va condannato con tutta la fermezza possibile ma non può in ogni caso costuire la premessa per dare mano libera ai professionisti della vendetta".
    Associazione PeaceLink
  • "La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"
    MediaWatch
    "Afghanistan venti anni dopo", dibattito a cura della Rete Italiana Pace e Disarmo

    "La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"

    Guerra, verità e impatto sulle popolazioni: il ruolo del giornalismo e della società civile. Video del dibattito fra Stefania Maurizi, Riccardo Iacona, Mao Valpiana e Francesco Vignarca. Si parla della prigionia di Assange che ha svelato la vera guerra in Afghanistan e i narcotrafficanti al governo.
    7 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • E' venuto il momento della resa dei conti dopo il disastro dell'Afghanistan
    Editoriale
    Dobbiamo far capire che è il momento di provare vergogna

    E' venuto il momento della resa dei conti dopo il disastro dell'Afghanistan

    La Campagna Guantanamo è una critica della guerra a partire dai diritti umani. I pacifisti possono promuovere un cambio di paradigma e di narrazione perché i diritti umani sono stati violati proprio dai fautori di questi venti anni di "guerra umanitaria".
    7 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il Papa: "Digiuno e preghiera, questo è il momento di farlo"
    Pace
    La guerra è sempre un’avventura senza ritorno

    Il Papa: "Digiuno e preghiera, questo è il momento di farlo"

    Nella seconda parte dell'Angelus del 15 agosto ha menzionato l'Afghanistan: "Cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo"
    16 agosto 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)