Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
Città assediate in Libia

Come bombardare di domande l'ufficio stampa della NATO

L'appello di Marinella Correggia ai giornalisti per bombardare di domande l'ufficio stampa della NATO a Bruxelles.
Segue testo in italiano.
14 settembre 2011 - Associazione PeaceLink

Nato - Rasmussen If you watch sometimes the NATO press briefings you will see that the international press only asks for stupid/easy/nondisturbing questions. BUT NATO must know that when/if they bomb the besieged cities, some media of the world know that they are not doing it to protect civilians, but they are helping (illegally) the Abdel Jalil forces.

I already did an interview to the Nato command where they answered non-sense. 

Please send (as independent journalists) to Nato's press office in Brussels moc@hq.nato.int and oup.media@gmail.com. I think that if a lot of press, websites and so, do a question bombing, it can disturb them a (little) bit.  Send the questions to the mainstream press. 

 

URGENT QUESTIONS ON LYBIA FROM THE (here PUT THE MEDIA NAME)

1) Why is Nato bombing Bani Walid and other besieged cities this time? (They are besieged by the Abdel Jalil forces; therefore Nato should try to protect the civilians inside from the aggression of Abdel Jalil forces: INDEED, when civilians were inside Misrata and the city was besieged by Libyan army, Nato bombed heavily that army).

2) Is it not that Nato regularly helps Ntc? All the times, the advances of Ntc were made possible by Nato. The so-called "rebels" admitted that without Nato they could have achieved nothing. Regime change, so?

3) Is Nato bombing Sabha and Sirte too? Why? What about civilians?

 4) Why isn’t Nato concerned about the lack of basic things inside the besieged cities?  Civilians are suffering and trapped inside; Ntc armed people admitted (to Reuters) that civilians inside Sabha don’t have money and fuel to escape.

5) Why isn’t Nato concerned about protecting civilians from the Ntc as in Tripoli and elsewhere a lot of African migrants, and Black Libyan are killed and harassed...?

6) Why did the Ntc Buhajar (in charge of the man-hunt...) say that Nato bombed Birak because Qadafi was there? It means that Nato participates to the man-hunt and regime change...

7) Nato countries sent their men on the field to help Ntc. Do you coordinate with them? And what about the 1973 resolution?

8) Are you aware that many lawyers are starting filing Nato for war crimes and for 1973 violation (when Nato bombs Libyan army without a direct threat to civilians, this is illegal, it is a regime change)?

 

Thanks

Marinella Correggia

contributor of "il manifesto", "altreconomia", various websites.

Testo in italiano:

Se vi è capitato di assistere ad alcuni briefing della NATO per la stampa, vi sarete accorti che la stampa internazionale pone solo domande stupide/facili/inoffensive. Ma la NATO deve sapere che quando/se bombarda le città assediate, alcuni media nel mondo sanno che non lo sta facendo per proteggere i civili, ma per aiutare (illegalmente) le forze di Abdel Jalil.

Io ho già fatto un’intervista al comando NATO, ma ho ricevuto risposte senza senso.

Mi rivolgo ai giornalisti indipendenti: per favore, mandate le seguenti domande all’ufficio stampa della NATO a Bruxelles: moc@hq.nato e oup.media@gmail.com.

Credo che se buona parte della stampa, dei siti web e così via, metterà in atto un vero e proprio bombardamento di domande, la cosa potrà quanto meno provocare (un po’ di) fastidio. Mandate le domande alla stampa ufficiale.

 

DOMANDE URGENTI SULLA LIBIA DA PARTE DI (inserire qui il nome del giornale, sito web, etc.):

 1) Perché la NATO questa volta sta bombardando Bani Walid e altre città assediate? (Esse sono assediate dalle forze di Abdel Jalil; dunque la NATO dovrebbe cercare di proteggere i civili all’interno dall’aggressione delle forze di Abdel Jalil: INFATTI, quando I civili erano dentro Misurata e la città era assediata dall’esercito libico, la NATO ha bombardato pesantemente quell’esercito).

2) Non è che la NATO aiuta regolarmente il CNT? Tutte le volte, l’avanzata del CNT è stata possible grazie alla NATO. I cosiddetti “ribelli” hanno ammesso che senza la NATO non avrebbero raggiunto nessun obiettivo. Cambio di regime dunque?

 3) La NATO sta bombardando anche Sebha e Sirte? Perché? E I civili?

 4) Perché la NATO non si preoccupa della mancanza di beni di prima necessità nelle città assediate? I civili stanno soffrendo e sono intrappolati all’interno; i guerrieri armati del CNT hanno ammesso (alla Reuters) che i civili dentro Sebha non hanno denaro né carburante per poter scappare.

 5) Perché la NATO non si preoccupa di difendere i civili dal CNT dato che a Tripoli e ovunque molti migranti africani e libici di pelle scura vengono perseguitati e uccisi?

 6) Perché Buhajar del CNT (responsabile della caccia all’uomo…) ha detto che la NATO ha bombardato Birak perché Gheddafi era lì? Ciò significa allora che la NATO partecipa alla caccia all’uomo e al cambio di regime...

 7) I paesi NATO hanno mandato i loro uomini sul campo per aiutare il CNT. Vi coordinate con loro? Cosa ne è della Risoluzione 1973?

 8) Siete consapevoli che molti avvocati stanno cominciando a schedare la NATO per accusarla di crimini di guerra e per la violazione della Risoluzione 1973 (quando la NATO bombarda l’esercito libico senza che vi sia una reale minaccia per i civili, questo è illegale, è un cambio di regime)?

 

Grazie

 

Marinella Correggia

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)