Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. (Art. 1. Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

Una coda colorata lunga venti chilometri.

Una di queste sere dall’alto dell’autorevolezza di un programma di approfondimento televisivo, non sarà difficile trovare uno dei tanti tuttologi che li definirà illusi o ipocriti. Fatto è che domenica camminando da solo in mezzo al “Popolo della Pace”, mi sono sentito molto meno solo.
26 settembre 2011 - Ernesto Celestini

Bandiera della Pace Erano tutti padri e madri di famiglia, ragazzi, bambini delle scuole e pensionati che formavano una coda lunga venti chilometri tra Perugia e Assisi.  Non ho sentito parolacce o gente che gridava, qualcuno suonava la chitarra o un tamburello e la musica era rasserenante, quasi sommessa e intonata con i colori e con l’atmosfera del posto, erano gli striscioni e le bandiere ad essere intransigenti, quasi aggressive, quando sventolavano per pretendere di essere intese con il loro vero significato : Pace come sistema di vita  e come mezzo per  vivere meglio.

Anche i ragazzini, i bambini delle scuole, che issavano cartelli e portavano striscioni colorati forse sentivano il fascino avvolgente del paesaggio umbro e non piagnucolavano, non si lamentavano per la fatica, non erano né invadenti, né maleducati e intanto macinavano chilometri .

Era il vero spirito di un popolo  quello che sfilava in una bella giornata di sole, ieri nel cinquantenario della Marcia della Pace, appena rinfrescata da qualche gocciolone di pioggia sull’ultima salita verso la rocca di Assisi.

Persone per bene, educate e rispettose del prossimo, che lavorano per portare avanti una famiglia senza arroganza e senza approfittarsi del prossimo. Non conoscendosi,  spesso ci si dava del Lei, anche se appena ci si guardava negli occhi si sentiva di essere nella stessa sintonia e spontaneamente si passava a darsi del tu.

Sì, mi sono sentito veramente in mezzo a gente amica e sono tornato a casa sicuramente più convinto delle mie idee, condivise da migliaia di persone che non camminavano in rappresentanza di un partito politico o di un interesse particolare, non era un popolo a favore  o contro il governo,  erano solo persone consapevoli che le loro idee devono riuscire a far parte del lessico del Parlamento ed essere abbracciate dal Governo.

Diritti umani da difendere in tutto il mondo

E hanno voluto ricordarlo, senza alzare troppo la voce, perché gridare non significa avere ragione. Hanno voluto esprimere, con la loro fatica fisica, che non vogliono più   vivere rispettando abitudini sbagliate, imposte da faccendieri, prestati alla politica a tutela delle fabbriche di armi e degli interessi finanziari di banchieri e speculatori, che vegetano  trafficando con i soldi di chi lavora.

“Pacifista” non è un mestiere e non lo è nemmeno "Oppositore alla guerra",  e tutte le persone viste ieri,  per qualche secondo forse anche in televisione,  sono già tornate alla loro routine quotidiana, probabilmente con qualche vescica da curare, ma soddisfatte di sé e confortate dalla conferma che esiste una società più vera di quella che appare in televisione, una  società che sente un impegno civile e agisce per sostenere i suoi principi di giustizia, di pace, di lealtà.

Non credo che se ne parlerà molto sui “media” ma a conclusione della Perugia-Assisi  2011, è stato lanciato un Nuovo appello per la pace e la fratellanza dei popoli.

Fa riferimento al primo articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e riassume in due paginette concetti che nessun uomo di buona volontà potrà mai contraddire.

Sono parole  tanto oneste e normali che non si capisce perché non siano ancora alla base di un programma politico o di governo.  Basterebbe scriverci qualche numero accanto per trasformarlo da “ teoria pacifista” in  una scelta di "politica economica" riducendo tutte le spese dannose per l’uomo e l’ambiente e reinvestendo  gli stessi soldi per creare occupazione in campi che potranno sicuramente migliorare la qualità dalla vita.

Potrebbe essere più facile se nei Parlamenti di tutti i paesi del mondo sedessero uomini che guardano lontano e pensano al bene dei nostri figli e non al problema che dovrebbero risolvere se scontentassero una lobby o  qualcuno dei “loro” elettori. 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)