Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
Tranne poche eccezioni, il movimento pacifista non ha reagito colpo su colpo alle bugie di guerra

Libia, una sconfitta bruciante

Sul web non è stata fatta controinformazione ed è prevalsa una grave pigrizia, nonostante in molti dispongano di un collegamento Internet 24 ore su 24 e possano fare veloci ricerche su Internet
3 novembre 2011 - Alessandro Marescotti

Guerra in Libia: una sconfitta bruciante

 

Sul web non è stata fatta controinformazione ed è prevalsa una grave pigrizia, nonostante in molti dispongano di un collegamento Internet 24 ore su 24 e possano fare veloci ricerche su Internet

 

Bandiera della Pace

Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza. Portate alla luce del giorno questi segreti, descriveteli, rendeteli ridicoli agli occhi di tutti e prima o poi la pubblica opinione li getterà via. La sola divulgazione di per sé non è forse sufficiente, ma è l'unico mezzo senza il quale falliscono tutti gli altri”. Questo scriveva il grande giornalista Joseph Pulitzer. Ma durante la guerra in Libia noi abbiamo svelato l'inganno e il trucco? Come mai ha preso piede un'imponente informazione manipolata? Nell'era di Internet non avrebbe potuto diffondersi se i manipolatori avessero avvertito il fiato sul collo dell'intera comunità web.

 

Purtroppo la guerra in Libia ha segnato la più bruciante sconfitta del movimento per la pace. Bisogna prenderne atto. Dobbiamo capire cosa è successo. Qui cercherò solo di analizzare il web. Durante il conflitto si sono diffuse infinite bugie di guerra che hanno conquistato il web senza incontrare resistenza. Senza una controinformazione da parte dei siti web pacifisti. Se si faceva il “giro del web”, si scopriva che i siti della “nostra area” erano per buona parte non aggiornati. Alcuni neppure riportavano che eravamo in guerra con la Libia! Occorreva ribattere colpo su colpo, smentire ogni falsa informazione in tempo reale, cioè in giornata, sapendolo fare, ovviamente. Tutto questo è mancato, se si fa eccezione per alcune limitare aree di resistenza critica, animate soprattutto dalla giornalista Marinella Correggia.

 

E' circolata l'idea che una volta iniziata la guerra non ci fosse nulla da fare. Invece il potere che ci sovrasta sa di essere permeato di bugie e teme di essere ridicolizzato. Leggete qui. Il ministro degli Esteri Frattini il 21 marzo 2011 ha dichiarato: "In Libia non ci deve essere una guerra, ma la piena implementazione della risoluzione 1973 Onu. L'Italia ha accettato di fare parte della coalizione internazionale proprio per fare rispettare il cessate il fuoco, fare fermare le violenze e proteggere la popolazione". Il segretario del PD Bersani lo stesso giorno al TG1 ha espresso "il sostegno all'Italia strettamente nei limiti della risoluzione, che non prevede la guerra, che non prevede l'abbattimento del regime di Gheddafi". Era così difficile smontare queste bugie? No, per nulla. Eppure non lo abbiamo fatto. Basta cercare su Google con pazienza e annotarsi le bugie.

 

Diciamola tutta: molti pacifisti hanno pigramente delegato ad altri il compito di ricercare. Controllare è faticoso. Occorreva passare settimane e settimane a verificare le notizie manipolate: erano la stragrande maggioranza. Anche Rainews ha passato informazione manipolata. Controllare le bugie di guerra richiede ore per confrontare e cercare le fonti. Alla fine si scoprono le incongruenze. Molti questa cosa non l'hanno fatta. E così la propaganda di guerra è passata.


Pur avendo il computer collegato a Internet per 24 ore al giorno, quanti hanno dedicato qualche ora per fare controinformazione?

E' assurdo. Non c'è giustificazione: ci siamo macchiati di una responsabilità orrenda. Potevamo fare e non abbiamo fatto. Gli stessi strateghi della guerra mediatica si sono stupiti della nostra pigrizia. E hanno vinto a tavolino.

Alessandro Marescotti

www.peacelink.it

Note:

Questo articolo è stato pubblicato sul mensile Mosaico di pace www.mosaicodipace.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)