Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Quasi in duemila al raduno per Bradley Manning a Fort Meade

Bradley Manning Support Network
Tradotto da Gabriele Cometa per PeaceLink

Manifestanti a Fort Meade

Quasi duemila sostenitori del soldato statunitense Bradley Manning si sono radunati e hanno manifestato questo pomeriggio a Fort Meade, in Maryland, a favore del giovane informatore.


Sotto un sole torrido, Daniel Elisberg, ex soldato che rivelò i documenti segreti del Pentagono, Sarah Shourd, ex prigioniera politica e sostenitrice dei diritti umani, Dan Choi, attivista del movimento LGBT e tenente dell’esercito USA, e Ann Wright, colonnello dell’esercito USA in pensione, hanno guidato i manifestanti verso la base di Llewellyn Gate, dove si trova l’aula del tribunale militare.

La manifestazione, durata diverse ore, si è tenuta due giorni prima della data d’inizio prevista per il processo di Manning a Fort Meade, il 3 giugno, e tre anni dopo il suo arresto. Il governo accusa Manning di aver indirettamente "aiutato il nemico" rilasciando migliaia di diari di guerra, cablogrammi diplomatici, e video militari a Wikileaks, sito web che archivia documenti riservati.

Manning sperava, come lui stesso ha ammesso, che le sue rivelazioni avrebbero “innescato un dibattito nazionale sul ruolo dell’esercito e della nostra politica estera in generale e, in particolare, con riferimento alle missioni in Iraq e in Afghanistan."

Una dozzina di autobus hanno condotto in Maryland i sostenitori provenienti da tutto il nord-est, tra cui tre autobus da New York City. Veterani militari e attivisti sono arrivati da tutto il Nord-America, alcuni addirittura dal Michigan, da Montreal e da Città del Messico.
"La gente è arrivata da molto lontano per sostenere un vero eroe americano", ha dichiarato Jeff Paterson, direttore del Bradley Manning Support Network, sito web che appoggia il soldato. "Dal contegno di Bradley in tribunale, si capisce che lui prende forza dalla nostra vicinanza e dal nostro sostegno."

La manifestazione di oggi si è svolta con la collaborazione di molte organizzazioni nazionali, ONG impegnate contro la guerra e i crimini di stato, tra cui: Veterans for Peace, Iraq Veterans Against the War, CODEPINK Women for Peace, World Can’t Wait, e Courage to Resist.

Oltre che per l’odierna manifestazione, il “Fondo per il sostegno a Bradley Manning” è anche responsabile per il 100% delle spese legali del soldato. Ventimila sostenitori hanno versato più di 1,25 milioni di dollari dal momento dell’arresto (avvenuto in Iraq nel maggio del 2010) come contributo per la difesa di Manning e per gli sforzi legati alla sensibilizzazione pubblica sulla questione.

Tradotto da Gabriele Cometa per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Chelsea Manning e Julian Assange hanno scelto la verità
    MediaWatch
    Crimini di guerra

    Chelsea Manning e Julian Assange hanno scelto la verità

    Il coraggio di Manning e Assange meritano l’impegno di tutti contro la loro persecuzione, così come contro tutte le menzogne e le guerre. In questa pagina web potete vedere “Collateral murder”, il video dell’uccisione di 18 civili da parte di militari americani in una strada di Bagdad
    Lidia Giannotti
  • The Assange case erupts today at the International Journalism Festival in Perugia
    PeaceLink English
    It’s not just the freedom of one man at stake, but our very freedom of speech.

    The Assange case erupts today at the International Journalism Festival in Perugia

    From the stage Stella Morris, Julian Assange's wife, and the investigative journalist Stefania Maurizi will urge the journalists present to defend the founder of Wikileaks. While outside the hall, a group of FREE ASSANGE Italia activists will tell journalists that their freedom is also at stake.
    9 aprile 2022 - Patrick Boylan
  • Il caso Assange irrompe oggi al Festival del Giornalismo di Perugia
    MediaWatch
    E’ in ballo non solo la libertà di un uomo bensì la libertà di espressione

    Il caso Assange irrompe oggi al Festival del Giornalismo di Perugia

    Dal palco Stella Moris, moglie di Julian Assange, e la giornalista investigativa Stefania Maurizi esorteranno i giornalisti presenti a difendere il fondatore di WikiLeaks. Mentre per strada, un gruppo di attivisti di FREE ASSANGE Italia, diranno ai giornalisti che anche la loro libertà è a rischio.
    9 aprile 2022 - Patrick Boylan
  • Il caso va archiviato
    Pace
    Estradizione di Julian Assange

    Il caso va archiviato

    L’Occidente giustamente condanna il bavaglio ai media russi. Sarebbe tuttavia più persuasivo se il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, fosse libero
    22 marzo 2022 - Bernd Pickert
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)