Pace

RSS logo

Mailing-list La nonviolenza è in cammino

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista La nonviolenza è in cammino

...

Articoli correlati

  • Crisi Ucraina

    No alla guerra

    Occorre una insurrezione morale delle intelligenze e delle coscienze in difesa della vite umane, della legalita' e della democrazia, per richiamare l'Unione Europea e i governi degli stati che la compongono al rispetto della Dichiarazione universale dei diritti umani, al rispetto della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea stessa, e per quanto riguarda il nostro paese anche al rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana.
    9 febbraio 2015 - Peppe Sini
  • Nato, guerra al terrore degli USA e militarizzazione dell’Europa
    la presenza di aziende militari al vertice NATO

    Nato, guerra al terrore degli USA e militarizzazione dell’Europa

    il conflitto in Ukraina sta portando l’Europa in una direzione fortemente militarista e sta dimostrando la sua incapacità di guadagnarsi una indipendenza dagli Stati Uniti in ambito geostrategico e militare
    16 settembre 2014 - Rossana De Simone
  • Ci sono ancora speranze in Ucraina?
    Le guerre dei nostri giorni

    Ci sono ancora speranze in Ucraina?

    Kiev, come Israele, bombarda le case dei civili "per stanare i terroristi". I separatisti, assediati, lanciano una sanguinosa controffensiva. Sale la tensione ancora di più per la voce (infondata) di un'invasione russa. Eppure, malgrado tutto, appaiono remoti segnali di fine ostilità in Ucraina. Speranza o chimera?
    29 agosto 2014 - Patrick Boylan
  • Granturco contaminato da diossina arrivato in Italia: PeaceLink chiede al Governo Italiano se la notizia risponde a verità
    Diossina dall’Ucraina, come se non ci bastasse la nostra

    Granturco contaminato da diossina arrivato in Italia: PeaceLink chiede al Governo Italiano se la notizia risponde a verità

    Sarebbe scattata un'allerta sanitaria del Rapid Alert System for Food and Feed (RASFF). Si tratterebbe di oltre 20 mila tonnellate per uso zootecnico già commercializzate. Superati i limiti di legge per le diossine di quasi quattro volte.
    19 giugno 2014 - Alessandro Marescotti

Il testo diffuso dai colleghi del giornalista italiano Andrea Rocchelli

Il gruppo Cesuralab, un collettivo di fotografi co-fondato nel 2008 dal giornalista ucciso sabato scorso in Ucraina, racconta in questo testo chi era Andrea
27 maggio 2014 - Lidia Giannotti

Il gruppo Cesura – un collettivo di fotografi co-fondato nel 2008 dal giornalista Andrea Rocchelli, ucciso sabato scorso a Sloviansk, in Ucraina – ha diffuso un testo in cui racconta chi era Rocchelli. La sua morte, avvenuta nella regione di Donetsk, una delle più filo-russe di tutto il paese, era stata riportata sabato da alcuni media russi e poi confermata domenica mattina dal ministero degli Esteri italiano, che non ha fornito ulteriori dettagli. Rocchelli lavorava da tempo in Ucraina e stava producendo storie per Cesura. Lo scorso marzo pubblicò sul Post alcune fotografie scattate a Kiev durante gli scontri di febbraio.

Andy Rocchelli, fondatore di "Cesura"

Andy Rocchelli è stato un fotografo italiano e fondatore di Cesura, gruppo di fotografi nato nel 2008.
Si è occupato di fotogiornalismo per otto anni sempre animato da grande passione e determinazione nello svolgere il suo mestiere, dimostrando grande tatto e intuito giornalistico.
In Ucraina aveva seguito gli scontri di piazza a Kiev ed era ritornato da dieci giorni sul territorio per seguire le vicende del Paese.
Era accompagnato dal grande amico Andrey Mironov, uno dei migliori giornalisti e attivisti russi, esperto del territorio e dell’est Europa, ed era lui stesso un veterano delle aree di conflitto.
Non ha mai peccato di imprudenza e siamo certi che non l’abbia fatto neanche questa volta.
A portarcelo via è stata la guerra che, a dispetto di un altalenante interesse mediatico, aveva deciso di seguire con coraggio e spirito di sacrificio.
Andy era la colonna portante del nostro gruppo. Quando si è freelance, con una vita che si arricchisce di responsabilità, e di fronte alle difficoltà sempre crescenti nel fare fotografia a un certo livello, scoraggiarsi è sempre un’opzione a portata di mano.
Andy ne era immune. Il nostro è sempre di più un lavoro proibito e proibitivo, soprattutto nell’epoca del “siamo tutti fotografi”.
In questo mare di rumore e di scorie Andy era una goccia di purezza.
Lavorava praticamente sempre, sempre con la testa li alle storie, alle foto, ai suoi viaggi, i suoi libri, i suoi progetti.
Era un esempio di integrità, correttezza e dedizione costante per noi, che lo amavamo e lo amiamo come un fratello: il fratello minore che dimostra più grinta di te, e ti costringe a fare lo sbruffone per stare al passo.
Lui però sbruffone non lo era, era un giornalista onesto.
Viveva il suo lavoro fisicamente, ne penetrava il senso subito e se lo portava a casa.
Poi chiusa quella storia li, era subito un’altra.
Andy era testardo, Andy è un testardo, e lo sarà sempre.
Ci sbatteva sempre la testa, su tutto, con tutti.
Ogni cosa che faceva, ogni cosa che noi facevamo con lui era un’iniezione di grinta.
Quando ti faceva incazzare, quando ti sorrideva, quando lavoravi con lui, ogni volta era un batticuore. Ogni volta venivi spronato ad andare oltre, a correre più veloce di lui. Raramente lo superavi.
Ora lui ci ha superati tutti quanti, per sempre.
Andy era il più bravo e il più coraggioso di noi e adesso non c’è più.
Andy lascia la sua compagna e suo figlio.
Siamo inconsolabili nel piangere una perdita incolmabile per noi di Cesura e per il panorama giornalistico.
Insostituibile pietra accendi fuoco.
Una grande virtù: crear di molto da quel poco.
Ciao Andy
Cesura

Note:

Il testo su "il POST"
http://www.ilpost.it/2014/05/26/cesura-andrea-rocchelli/

Il fotografo francese William Roguelon, che era con Andrea Rocchelli e il suo amico e interprete russo Andrey Mironov, anch'egli ucciso, ha affermato di aver visto esplodere fra i 40 e i 60 colpi di mortaio
«http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2014/05/25/ARNuxwP-rocchelli_italiano_reporter.shtml

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)