Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Approfondimenti:

PeaceLink propone SCUOLA e DIDATTICA - La Scuola: "Terra di Frontiera"

I Luoghi della Memoria, i territori e le connessioni relazionali.
SCUOLA e DIDATTICA, La Scuola Editrice - n. 10, Giugno 2014
Laura Tussi4 giugno 2014

I Luoghi della Memoria, i territori e le connessioni relazionali. SCUOLA e DIDATTICA, La Scuola Editrice - n. 10, Giugno 2014

La Scuola: “Terra di frontiera”

I Luoghi della Memoria, i territori e le connessioni relazionali

di LAURA TUSSI

La scuola è una terra di frontiera dove ci si percepisce anche stranieri a se stessi. “Straniero” non è infatti solo l'allievo che proviene da altri paesi, ma soprattutto l'insegnante che si sente spaesato, stranito, di fronte all'”altro”, in quanto percepisce che molti pregiudizi, su cui si basano le modalità normali di fare scuola, vengono apertamente messi in discussione. Un insegnante può anche fare tesoro di queste esperienze, trasformandole in occasioni di autoformazione per sé e per tutti gli allievi. [1]La scuola multiculturale è terra di frontiera, da non intendere come linea di confine, di separazione, di demarcazione, rigida e precisa. La scuola non è una “linea di confine”, ma una “terra di frontiera”, ossia un'area ampia e difficile da definire in modo preciso e delimitato, che non per forza deve separare, ma soprattutto deve collegare, mettere in relazione e connessione diverse realtà culturali, etniche, linguistiche, religiose. La scuola come terra di frontiera può essere definita un filtro di alchimie osmotiche,  che non serve a bloccare, a delimitare, ma a far passare, transitare, dove non occorre prendere una posizione definita e definitiva, ma è possibile rimanere sospesi e stare nel mezzo. Alcuni degli allievi migranti, a scuola, accettano lo stile del colloquio, le regole del gioco e si adattano al ruolo, soffrendo però la banalità e il tono delle domande e si avvalgono legittimamente dell'insegnante come esempio e punto di riferimento per iniziare a muoversi nella mappa delle relazioni, che altrimenti sarebbe incomprensibile, dove appunto l'insegnante accogliente funge da avamposto per l'orientamento degli allievi, che si percepiscono estranei, staniati, in quanto provenienti da terre altre e lontane. La differenza tra conoscere e costruire l'altro diventa un presupposto importante durante l'incontro con chi è portatore di una diversità, quando si abbia la volontà di comprendere e accogliere chi chiede aiuto e chi vorrebbe essere considerato per come è in realtà, senza dipendere dal modo con cui viene osservato, giudicato, valutato. Per conoscere l'altro, un contributo necessario consiste nelle tecniche narrative, come gli approcci basati sull'autobiografia e le storie di vita, insieme con altri modi di incontrarsi a scuola, nel gioco, nello studio, nello svago, dove l'insegnante deve “giocare” continuamente con gli eventi per trasformarli in occasioni di conoscenza, di crescita, e diventare così una figura che osserva, progetta, organizza, facilita, valuta. L'educazione interculturale riguarda sempre la scuola nell’ insieme complessivo, come istituzione e comunità di tutti gli allievi, non solo stranieri, in molteplici occasioni, per de-costruire e ri-costruire continuamente le modalità con cui si pratica l'educazione, nei diversi contesti formativi, in cui il percorso di accoglienza e inte(g)razione non finisce solo a scuola, ma nel territorio, nelle reti di relazioni, frequentazioni e conoscenze, in un ambiente che connette, nell'accoglienza, nell'incontro e nell'interazione, a discapito dei fenomeni di esclusione, emarginazione, ghettizzazione, separazione dai contesti dell'esistenza. In uno scenario così complesso la scuola non può pensare di chiudersi in se stessa. La fragilità dei legami fra le persone, la flessibilità sociale, l'insicurezza diffusa, producono, purtroppo, esclusione, anche a prescindere dalle differenze culturali, che sono però oggetto di potenti strumentalizzazioni politiche, e diventano un eufemismo politicamente corretto per scaricare, sui problemi dell'immigrazione, le paure e le incertezze che hanno, invece, origini sistemiche e ataviche. L'antropologia transnazionale e translocale, partendo non solo dalla specificità dei luoghi, ma soprattutto dalle relazioni tra ambienti diversi, come nella metafora della diaspora, dell’osmosi tra culture, insegna che la prospettiva locale va considerata in dimensioni planetarie, internazionali, universali, dove intraprendere percorsi innovativi di dialogo, di relazione tra singoli soggetti e intere culture, per aprire e ampliare le prospettive di conoscenza, tramite dinamiche di educazione alla pace, all'accoglienza, all'ospitalità, oltre gli stereotipi e i pregiudizi dettati dalla non-conoscenza, ossia dall'ignoranza nei confronti dell'altro.

[1] Cfr. Zoletto D., Straniero in classe. Una pedagogia dell’ospitalità, Raffaello Cortina Editore, Milano 2007

Note: su IlDialogo:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/scuola/OpinioniAnalisi_1402334422.htm

Allegati

Articoli correlati

  • Per un'educazione trasformatrice
    Sociale
    Riflessioni sulla scuola e l'empowerment

    Per un'educazione trasformatrice

    Per formare le nuove generazioni alla cittadinanza attiva e globale e planetaria è necessaria la formazione di educatori che siano animati non da una cultura della trincea e dell’arroccamento, ma da una cultura degli avamposti e dunque del rischio, del cambiamento e della trasformazione.
    29 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Scuola e diritto alla pace
    Pace
    Riflessioni pedagogiche

    Scuola e diritto alla pace

    La scuola ha il compito di costruire un’alternativa, un baluardo e un’azione di contropotere, decostruendo e ricostruendo le idee, indicando ai giovani la possibilità di scegliere tra un pensiero conformista e allineato al potere e uno stile di vita libero e divergente
    24 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Asili nido e società “adulto-centrica”: intervista a Gabriella Falcicchio.
    Consumo Critico
    I servizi nella fascia 0-3 anni

    Asili nido e società “adulto-centrica”: intervista a Gabriella Falcicchio.

    E' necessario mandare i bambini al nido per farli essere più "preparati"? In una società arrivista, capitalista e frenetica, anche i bambini devono "stare al passo" degli adulti. La tradizione pedagogica non violenta e "illichiana" possono invece aiutarci a mettere al centro i bambini.
    15 agosto 2020 - Linda Maggiori
  • L'Antifascismo di padre in figlia
    Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)