Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Si conclude con un appello e una campagna per la buona conoscenza il IV Simposio Internazionale:

Verso la scoperta dell’Umano. Dal mondo dello stabilito alla libertà

Laura Tussi2 novembre 2014

Nonviolenza

Gianluca Frustagli, membro del Coordinamento Mondiale del Centro di Studi Umanisti,  ha concluso i lavori del IV Simposio Mondiale organizzato dal Centro Studi Umanisti “Verso la scoperta dell’Umano. Dal mondo dello stabilito alla libertà” con il lancio della campagna mondiale per la Buona Conoscenza.

 

 "La Buona Conoscenza diffonde l'atteggiamento della nonviolenza attiva come modo per superare l'immoralità di coloro che vogliono utilizzare la conoscenza per immobilizzare, controllare o distruggere la vita umana."

"Propone la trasformazione sociale e personale simultanea per disarmare ogni fattore involutivo e collocare la vita umana nella sua dimensione esistenziale, permettendo ad ogni Essere Umano di domandarsi liberamente sul senso della sua vita."

"La Buona Conoscenza, in sintesi, proclama la magnifica prospettiva e la necessità di fare dell'Umanizzazione del mondo un progetto condiviso. L'immagine di una Nazione Umana Universale è l'orizzonte che sintetizza le migliori intenzioni dell'Essere Umano in cammino verso la felicità, la compassione, la libertà e l'immortalità." Conclude la Dichiarazione.

 

Il simposio ha visto la partecipazione di studiosi, studenti, ricercatori di vari passi del mondo riuniti al Parco di Studi e Riflessione di Attigliano intorno ai temi della crisi e della proposta di soluzione basata su una nuova definizione e valorizzazione dell’umano e della sua azione nel mondo.

Ulteriori informazioni sono disponibili a: http://europa2014.worldsymposium.org/

 

Simposio

Verso la scoperta dell’Umano
Dal mondo dello stabilito alla libertà 
Attigliano - Italia (TR) - Dal 1 al 2 Novembre 2014


In quest’epoca di grandi cambiamenti gli individui, le istituzioni e la società si trovano in situazioni di crisi. Viviamo in tempi di urgenze e possibilità.

Ciò che è “stabilito” non permette più di fornire risposte adeguate, tuttavia non si riesce ancora a scorgere ciò che verrà in tutta la sua pienezza.

Trasformazioni accelerate spazzano via il paesaggio sociale nel quale si sono formate le generazioni precedenti, creando abissi di incomprensione e insicurezza. Il vecchio mondo se ne è andato, il mondo nuovo non è ancora arrivato.

Il futuro si presenta incerto ma va progressivamente guadagnando spazio la certezza che sia necessario realizzare cambiamenti intenzionali e profondi per la sopravvivenza e l’evoluzione della specie umana. Soprattutto sta diventando chiaro che non ci sarà progresso se questo non sarà di tutti e per tutti.

Si tratta quindi di operare una trasformazione strutturale, rivoluzionaria, del modo in cui gli esseri umani vivono insieme e nel proprio ambiente.

Per operare questo cambiamento sarà imprescindibile scoprire ciò che è alla base di questo mondo che muore, ciò che effettivamente è in crisi: un tipo specifico di sguardo sull’Essere Umano.

L’Essere Umano non è un oggetto tra gli altri, un’entità data, sterile e immobile. Se si riduce l’umano al naturale o al puramente biologico, se lo si sottomette alla logica di ciò che è stabilito, finito e definitivo, si elimina il fondamento di ogni creatività e di ogni libertà.

Se, in questo momento, l’Essere Umano rappresenta appena un consumatore per il capitale e una coscienza ingenua per i mass media; se per un certa politica menzognera è solo un numero e per le fazioni religiose un eterno colpevole; se -in definitiva- le legittime aspirazioni umane vengono asfissiate, represse o manipolate in ogni angolo del mondo, chi può meravigliarsi allora del fatto che, sorgendo dalla parte più profonda dell’umanità, si manifesti oggi, nelle strade e nelle piazze, una giustificata ribellione?

Una ribellione che, insieme a un nuovo progetto comune, ha bisogno di scoprire e coltivare un nuovo sguardo su noi stessi.

Uno sguardo che prenda come punto di partenza la propria esistenza umana e la necessità di superare il dolore e la sofferenza.

Uno sguardo che rappresenti l’intenzionalità dell’Essere Umano, la sua capacità di dare direzione alla propria vita come individuo e come insieme e che proclami la sua capacità di scegliere, la sua libertà, la sua tendenza verso il non-determinismo.

Uno sguardo che non definisca l’Umano a partire da fattori esterni a sé ma che, allo stesso tempo, comprenda la sua connessione strutturale con l’ambiente nel quale gli tocca muoversi, superando il falso dualismo tra l’immorale oggettivazione di se stesso e degli altri e l’ingenua soggettivazione del mondo.

Uno sguardo che affermi la dinamica sociale e storica di ciò che è umano, come costruzione permanente della sua propria natura e sua corrispondente trasformazione.

Uno sguardo che comprenda come la violenza sia, alla sua radice e in ogni sua manifestazione, la negazione dell’umano negli altri e in noi stessi, e che affermi un atteggiamento di nonviolenza attiva come punto di partenza verso l’Essere Umano del futuro.

Uno sguardo che metta in contatto le potenzialità umane con il trascendente, sfidando l’assurdo che contrappone la materia allo spirito, il denso al sottile, ciò che è terreno a ciò che è eterno.

In definitiva, uno sguardo che collochi l’Umano come valore e preoccupazione centrale in una rinnovata scala di valori, mettendo in guardia sul fatto che, precedendo in altro modo, si finirebbe per giustificarne la sottomissione, apponendo il marchio del nonsenso su tutta l’azione cosciente.

Per questo, proclamando la possibilità di questo nuovo sguardo, avanzando verso l’urgente trasformazione che i grandi insiemi oggi reclamano e avvertendo l’impossibilità di passare a un’altra tappa dell’Umanità senza che questa scopra il suo illimitato potenziale e la libertà del suo destino, il Centro Mondiale di Studi Umanista invita al suo IV Simposio Internazionale “Verso la scoperta dell’Umano - dal mondo dello stabilito verso la libertà

Invitiamo a partecipare attivamente a questa collettiva e imprescindibile riflessione sullo sguardo che abbiamo su noi stessi, sugli altri e sul fenomeno umano in generale.

Invitiamo a considerare le rivoluzionarie implicazioni che questa scoperta dell’Umano potrebbe avere nei diversi campi dell’azione umana.

Invitiamo a risvegliare la fede nella possibilità di portare avanti una trasformazione simultanea del mondo e di noi stessi, ponendo come asse un nuovo sguardo sul fenomeno umano.

Aspiriamo a che questo sia un Simposio di incontro, di interscambio e di esperienza su un’Umanità che sta iniziando a scoprire se stessa e a scoprire nuovi cammini per la sua liberazione.

In sintesi, invitiamo a sintonizzarci in un viaggio di andata verso il futuro.

Note: su ILDialogo.org:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/cultura/AppelliInterventi_1415041038.htm

Articoli correlati

  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)