Pace

RSS logo

Mailing-list La nonviolenza è in cammino

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista La nonviolenza è in cammino

...

Articoli correlati

  • A cinquanta anni dalla morte di don Lorenzo Milani
    Il 26 giugno 1967 moriva il priore di Barbiana

    A cinquanta anni dalla morte di don Lorenzo Milani

    Ricordo una infuocata discussione nella mia sezione del PCI: occorreva disobbedire ad un ordine militare contrario alla propria coscienza? Mi vennero alla mente le parole di don Milani, la sua lettera ai giudici.
    23 giugno 2017 - Alessandro Marescotti
  • Agenda "Giorni Nonviolenti 2014" - EDIZIONI QUALEVITA
    EDIZIONI QUALEVITA:

    Agenda "Giorni Nonviolenti 2014" - EDIZIONI QUALEVITA

    E' disponibile l'Agenda "Giorni Nonviolenti 2014" - EDIZIONI QUALEVITA
    17 dicembre 2013 - Laura Tussi
  • "GIORNI NONVIOLENTI"- La Forza della Fragilità- AGENDA 2013, Edizioni QUALEVITA.
    E' disponibile l'agenda per il 2013 "GIORNI NONVIOLENTI"- La Forza della Fragilità- Edizioni QUALEVITA.

    "GIORNI NONVIOLENTI"- La Forza della Fragilità- AGENDA 2013, Edizioni QUALEVITA.

    Con una frase al giorno, tratta dai testi dei maestri della nonviolenza, offre spunti giornalieri di riflessione. Ne risulta una sorta di «Antologia della Nonviolenza» che ogni anno viene aggiornata e completamente rinnovata.
    9 novembre 2012 - Laura Tussi
  • Chi ha servito la pace ha servito la Patria
    Per 150 anni d'Italia dobbiamo non solo "celebrare" ma anche coltivare la coscienza critica

    Chi ha servito la pace ha servito la Patria

    "Abbiamo dunque preso i nostri libri di storia e siamo riandati cento anni di storia italiana in cerca d'una «guerra giusta». D'una guerra cioè che fosse in regola con l'articolo 11 della Costituzione. Non è colpa nostra se non l'abbiamo trovata", scrisse mezzo secolo fa don Lorenzo Milani. A 150 anni dall'Unità d'Italia rileggiamo don Lorenzo Milani, la lettera ai cappellani militari, in cui si ricostruisce la storia dal 1861 in poi. E' un discorso di pace e di difesa della memoria di tutti coloro che, nella storia nazionale, si sono rifiutati di combattere per opprimere altri popoli. Fino agli anni Settanta questo testo non veniva pubblicato dalla casa editrice Mondadori perché poteva costituire "apologia di reato". Era una sorta di "istigazione" a commettere un reato, nonostante fosse un testo a favore della pace. Disobbedire alla guerra nella storia d'Italia è stato un reato, farla - invece - paradossalmente non lo fu. Occorre dire oggi che in questi 150 anni chi ha servito la pace ha servito la Patria e che l'articolo 11 della nostra Costituzione repubblicana ("l'Italia ripudia la guerra") rimane il fermo riferimento a cui ispirarsi.
    16 marzo 2011 - Alessandro Marescotti
Quest'anno è dedicata a don Lorenzo Milani

Giorni nonviolenti 2017

Anche quest'anno è disponibile la storica agenda edita da Qualevita. Un'agenda che riporta aforismi e riflessioni. E' un riferimento importante per chi fa educazione alla pace.

Anche quest'anno è disponibile la storica agenda edita da Qualevita. Un'agenda che riporta aforismi, vignette e riflessioni. E' un riferimento importante per chi fa educazione alla pace. Agenda Giorni Nonviolenti 2017

Quest'anno è dedicata a don Lorenzo Milani. Nel 2017 ricorrerà infatti il cinquantesimo della sua morte.

"I care", mi sta a cuore. Un invito a non essere indifferenti di fronte a ciò che accade nel mondo. Don Lorenzo Milani e i suoi ragazzi di Barbiana sono stati un riferimento per un'intera generazione ed è importante che a don Milani venga dedicata l'agenda Giorni Nonviolenti 2017.

Don Milani è un riferimento più che mai attuale in un'epoca in cui la riappropriazione della sovranità popolare, attraverso la cittadinanza attiva, è il problema politico fondamentale. E' il nodo della politica che sempre più tende a espropriare la gente dei propri diritti, in primo luogo quello alla partecipazione e alle scelte. 

Il priore di Barbiana ricordava che bisogna "avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l'unico responsabile di tutto".

In questa agenda si trovano tanti stimoli per partecipare e riportare la sovranità nelle giuste mani, per fare della partecipazione lo strumento di esercizio degli interessi diffusi e di tutela dei beni comuni.

Ogni giorno dell'agenda, in alto, riporto un evento storico o un libro da leggere. In basso un aforisma.

Fra tutti mi ha colpito la frase di don Primo Mazzolari:

"Il mio Natale: dar da mangiare senza affamare nessuno, vestire senza denudare nessuno, far vivere senza uccidere nessuno".

Ma anche quella di Bertrand Russel: "Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa, non è affatto una prova che non sia completamente assurda".

Un invito ad andare controcorrente in nome della giustizia e della ragione.

Note:

Per avere l'agenda contattare Pasquale Iannamorelli: cell. 349.5843946 oppure tel. 0864.460006.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)