Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Paix, Shalom, Pax, Saalam… pace in tante lingue, da tanti popoli, in tante religioni.

Beati gli operatori di pace

Abbiamo bisogno di esempi della nostra potenzialità per cambiare in meglio il mondo. Noi, tutti noi in generale, possiamo contribuire alla costruzione della pace, rendendo il mondo più pacifico. Abbiamo bisogno di incoraggiamenti, come il Premio per la Pace di quest'anno, per vedere che è possibile. È possibile per ICAN: è possibile per tutti noi.
25 dicembre 2017
Fonte: World Council of Churches - http://www.oikoumene.org.
Commenti e libera traduzione di Roberto Del Bianco

 

Dal Vangelo di Matteo, 5:9: “Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio”

 

"’Gli operatori di pace’. Un termine molto bello. Riguarda la parte migliore della nostra umanità, riguarda ciò che ci permette di vivere insieme. Riguarda coloro che sono pacifici. Coloro che creano fiducia e favoriscono buoni rapporti. Che cercano di tirare fuori il meglio di noi. Coloro che tentano di risolvere i conflitti. Coloro che identificano ciò che ci unisce. Sono necessari, come prima, forse mai come prima.”

Inizia così il lungo e profondo intervento del rev. Olav Fykse Tveit, Segretario Generale del Consiglio Mondiale delle Chiese durante la celebrazione organizzata dalla Chiesa norvegese assieme ai rappresentanti di ICAN il 9 dicembre scorso, vigilia dell’assegnazione del Nobel.

È facile dare significato a tutto ciò che è racchiuso nella parola "pace" (shalom, saalam, eirene, pax): comunità, unità, solidarietà, disponibilità a condividere, tutto ciò che fa appartenere a tutti coloro che si prendono cura gli uni degli altri. La pace è benessere, salute, felicità e vita. Abbiamo bisogno di pace per vivere in comunità. E’ ciò che riferisce a ciò che chiediamo quando preghiamo per il "pane quotidiano". Questo è un compito di vita grande e avvincente: proteggere la nostra pace, agire in un modo che ci consenta di essere “uno”, anche se siamo diversi.


E nel concreto, nella risposta all’urlo del mondo verso chi ci può tenere uniti nella pace e nella giustizia, in modo da poter creare un futuro per i nostri figli e nipoti, Abbiamo bisogno di parole che ci possano unire. Abbiamo bisogno di parole che possano stabilire norme e accordi su come le cose dovrebbero essere, anche se le cose non sono in realtà così, non ancora.

Il mondo ha bisogno di accordi internazionali, ma ne abbiamo bisogno ora, non soltanto quando infine saranno tutti d’accordo e ogni problema sia stato risolto.

Ogni nazione può contribuire alla creazione di un mondo senza armi nucleari, la sopravvivenza del più forte non è l'unico modo che debba prevalere, devono essere tentati diversi percorsi verso la pace. Diritti umani e diritto internazionale sono necessari, ed è necessario il rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale. In caso contrario, non ci sarà pace.”

 

Ma più che gli accordi internazionali - resta urgente l’azione immediata - sono gli esempi degli “operatori di pace” a incoraggiare tutti noi al lavoro per “cambiare in meglio il mondo”:

“Abbiamo bisogno di esempi della nostra potenzialità per cambiare in meglio il mondo. Noi, tutti noi in generale, possiamo contribuire alla costruzione della pace, rendendo il mondo più pacifico. Abbiamo bisogno di incoraggiamenti, come il Premio per la Pace di quest'anno, per vedere che è possibile. È possibile per ICAN: è possibile per tutti noi.
Tutti hanno bisogno di pace. Ne abbiamo bisogno nei nostri rapporti più stretti, a livello locale, a livello nazionale, in tutto il mondo, tra diversi gruppi e popoli, tra diversi gruppi etnici e razze, e tra diverse religioni e convinzioni.”

 

Qui il link alla pagina originale:

http://www.oikoumene.org/en/resources/documents/wcc-general-secretary-sermon-in-trefoldighetskirken-oslo-09-12-2017/

Articoli correlati

  • TPAN: una data storica per l’umanità
    Pace
    TPAN. Un’autentica svolta per l’umanità. Uno dei più grandi traguardi del pacifismo mondiale

    TPAN: una data storica per l’umanità

    Il 22 gennaio 2021 entra in vigore a livello mondiale il TPAN- Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, uno dei tanti tasselli del lavoro e del percorso per la pace del XXI secolo
    12 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali
    Disarmo
    Giamaica, Nauru e Honduras gli ultimi Stati firmatari. Il "Nuclear Ban" diventa realtà.

    Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali

    Dichiarazione di IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War - al raggiungimento delle 50 adesioni per l'entrata in vigore del Trattato per la Proibizione delle armi nucleari.
    25 ottobre 2020 - Roberto Del Bianco
  • A un passo dalle 50 ratifiche
    Disarmo
    Una svolta storica si avvicina

    A un passo dalle 50 ratifiche

    Con le ratifiche di oggi di Giamaica e Nauru sono infatti 49 gli Stati che hanno aderito al Trattato di proibizione delle armi nucleari #TPNW: con la prossima ratifica si attiverà il percorso dell'entrata in vigore che si concluderà dopo 90 giorni. E ciò significherà per la prima volta l'esistenza
    23 ottobre 2020
  • Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari
    Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)