Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Licenziata una dipendente del Pentagono

Il Pentagono vieta la diffusione di qualsiasi immagine di bare di soldati

Il divieto è stato introdotto nel 1991 dal presidente George Bush padre, ai tempi della prima Guerra del Golfo, ed è stato poi ribadito nel marzo 2003 da George W. Bush, all'inizio del secondo conflitto in Iraq.
23 aprile 2004
R. E.
Fonte: Corriere della Sera 23 aprile 2004

Una foto delle bare di 20 soldati americani morti in Iraq è costata il posto di lavoro a una donna impiegata in una società che gestisce per il Pentagono, in Kuwait, il trasporto in patria delle salme dei caduti. Tami Silicio, 50 anni, un'americana dello Stato di Washington, aveva fatto avere (senza chiedere compenso) al quotidiano Seattle Times una foto scattata agli inizi di aprile che mostrava le bare allineate nella stiva di un aereo cargo diretto negli Stati Uniti, ognuna coperta da una bandiera a stelle e strisce. L'immagine, scattata all’aeroporto di Kuwait City, è stata pubblicata domenica dal quotidiano di Seattle e ha subito cominciato a circolare sui siti Internet.
Il Pentagono vieta la diffusione di qualsiasi immagine di bare di soldati condotte in patria: il divieto è stato introdotto nel 1991 dal presidente George Bush padre, ai tempi della prima Guerra del Golfo, ed è stato poi ribadito nel marzo 2003 da George W. Bush, all'inizio del secondo conflitto in Iraq. La Silicio lavorava per la Maytag Aircraft, una società che ha in appalto dal Pentagono servizi di trasporto dall’area di crisi nel Golfo. Su pressioni del ministero della Difesa, l'azienda ha licenziato la donna e suo marito.
La pubblicazione della foto ha riaperto il dibattito sul divieto di diffusione di immagini di questo genere negli Usa, che è da anni al centro di polemiche da parte dei media. Il direttore del Times è apparso ieri allo show della tv Abc «Good Morning America» difendendo la sua decisione di mostrare l’immagine e affermando che il giornale ha ricevuto numerosi messaggi email e telefonate sul caso, in maggioranza favorevoli alla pubblicazione.
«Quello che vogliamo - ha ribattuto una portavoce del Pentagono, Cynthia Colin - è essere sicuri che non ci sia alcuna copertura giornalistica sulle bare fino a quando non raggiungono la loro destinazione finale», per rispetto alle famiglie dei caduti. Ma c’è chi sostiene che nascondere il rientro dei caduti sia una mossa per ridurre l’opposizione all’intervento in Iraq.
L'autrice della foto ha detto di aver voluto diffondere la foto proprio per mostrare alle famiglie con quanta cura e rispetto siano trasportate le salme dei loro cari. La donna ha lavorato in passato come decoratrice a Seattle e come guidatrice di camion in Kosovo.
Le bare dei soldati morti in Iraq arrivano quasi tutte alla base dell’Air Force a Dover, nel Delaware, dove ha sede il più grande obitorio del Dipartimento della Difesa. Da ieri centinaia di simili foto «proibite» circolano online .

Note: Approfondimento a cura di PeaceLink

Vi è un precedente licenziamento che richiama alla mente i divieti del governo Usa quando si tratta di rivelare la dimensione del dolore. Infatti un'impiegata della Casa Bianca, Elisabeth Osborn, fu licenziata in tronco all'inizio del marzo 1992 per aver divulgato le "stime" ufficiali dell'Amministrazione americana relative alle perdite di civili iracheni durante "Desert Storm"; in base a tali dati, nel corso dei bombardamenti e a seguito delle epidemie e della carestia del dopo guerra avrebbero perduto la vita circa 158 mila civili, fra cui 39.612 donne e 32.195 bambini.
Fonte: http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_2237.html

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)