Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Donne in Iran

"Io sono Saba e ho vent'anni". In carcere perché rifiuta il velo

L’ultimo giorno di libertà in Iran, per le donne e non solo, è in alcuni scatti straordinari di Hengameh Golestan a Teheran. Dal giorno dopo, 8 marzo 1979, l'uso della hijab fu imposto per legge.
8 marzo 2020

7 marzo 1979 a Teheran

Il 7 marzo 1979 centomila manifestanti si riversarono nelle strade di Teheran, in grandissima parte donne. Il giorno dopo sarebbe entrato in vigore l’obbligo per legge di indossare sul capo un velo, dando il via a restrizioni e controlli sempre più umilianti per le donne e all'applicazione di pene pesantissime.

E' difficile sapere quale fosse il modo di vivere e di vestire delle iraniane negli anni Settanta, in mancanza di testimonianze, volutamente distrutte dal regime Khomeinista. Anche per questo le donne ritratte dalla fotografa iraniana Hengameh Golestan, allora  ventisettenne, esprimono una forza straordinaria, anche se nulla potè quella imponente manifestazione contro l'intolleranza della rivoluzione antimodernista degli Ayatollah.

Contro l'obbligo di usare la hijab. Saba e la madre

In una situazione sempre più cupa nel paese, il cammino delle iraniane per uscire dall’oppressione è fatto di gesti coraggiosissimi, contrastati da una repressione feroce, difficile da accettare.

Saba e sua madre Raheleh avevano promosso una campagna per l’uguaglianza di genere fatta di gesti che in Occidente farebbero sorridere. Ma il regime, comunque sempre violento con le donne, è infastidito dalle manifestazioni di questi ultimi anni, iniziate nell'Università di Teheran. Saba è stata arrestata nell’agosto del 2018 durante una protesta pacifica, costretta in isolamento per 11 giorni e pressata durante gli interrogatori con false informazioni riguardanti Raheleh.

Da un video dell'iraniana Saba-Kord Afshari

Sua madre l’ha sostenuta pubblicamente, ha registrato video insieme ad altre donne ed ha mostrato il proprio volto e dichiarato il proprio nome per lasciare una testimonianza, sapendo di potere essere presto arrestata. In un video si rivolge a un giudice, disperata e incredula dopo avere saputo della richiesta di una condanna a 24 anni di carcere a carico della figlia. Saba-Kord Afshari sta oggi scontando una pena pesantissima, conseguenza di accuse infamanti coniate sui comportamenti delle donne, e anche sua madre Raheleh Ahmadi è in carcere, condannata ad una pena di 4 anni. Pressoché tutte le donne che hanno manifestato, che prestano assistenza legale o che fanno parte di organizzazioni attive nel campo dei diritti civili, hanno subito la stessa sorte. Il regime persegue tenacemente il suo obiettivo di stroncare sul nascere qualsiasi sogno di libertà.

Note: Le foto di Hengameh Golestan (video di vanilla magazine)
https://www.vanillamagazine.it/8-marzo-1979-10-fotografie-dell-ultimo-giorno-senza-velo-in-iran/?fbclid=IwAR0Y_pUlAleFmBxs3mobJBVT5goRywnVEbWJNfIbky-SCzQJKTqA9mH_aww

Articoli correlati

  • Canzone per un ergastolano e un cantautore diverso
    Sociale
    Carmelo Musumeci condannato all'ergastolo coraggiosa battaglia per l'eliminazione del carcere a vita

    Canzone per un ergastolano e un cantautore diverso

    In questi giorni è uscito il filmato Canzone per un ergastolano, un brano nato dalla collaborazione tra Marco Chiavistrelli e Carmelo Musumeci che compaiono insieme nel video a suggellare un profondo rispetto e una bella amicizia.
    25 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030
    Europace
    Italia: meno del 5% di strade intitolate a donne, in prevalenza madonne e sante

    Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030

    Se metà della popolazione mondiale è composta da donne come mai quasi tutto lo spazio pubblico è dedicato agli uomini e alle loro imprese?
    6 novembre 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)