Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Educazione come primo abito mentale democratico

Le potenzialità educative

"L'educazione liberatrice da sola non produce il cambiamento sociale. Ma non potrà esserci cambiamento sociale senza un'educazione liberatrice" (Paulo Freire)
Laura Tussi31 ottobre 2020

L'educazione liberatrice per il cambiamento sociale

Sentirci provocati dal gruppo di educande e educandi con cui lavoriamo è il primo abito mentale democratico che possiamo assumere per generare condizioni e disposizioni di apprendimento, per creare la possibilità per la produzione e costruzione della conoscenza: essere consapevoli che non sappiamo necessariamente tutto sui contenuti da trattare.

Sapere che il gruppo ha le sue conoscenze, i suoi punti interrogativi, le sue esigenze, ma anche sapere che possiamo affrontare la sfida perché ci siamo preparati nel miglior modo possibile. Sapere che abbiamo criteri, strumenti e metodi di lavoro per affrontare l’argomento con creatività e spirito critico.

In sintesi ci poniamo con un atteggiamento dialogico, plurale, complesso di educatori-allievi.

Quindi possiamo provocare il gruppo: con domande, proposte metodologiche, materiali di supporto per includere più elementi di informazione e nuove prospettive; discutendo le affermazioni e negazioni; generando un dibattito attorno alle percezioni; apportando nuovi contenuti grazie alla nostra padronanza dell’argomento; contribuendo a sintetizzare idee; portando avanti un processo di riflessione progressivamente più complesso e profondo.

È necessario incoraggiare la capacità critica, la ricerca, l’investigazione e la costruzione di apprendimenti individuali e collettivi, plurali e complessi, di cui anche noi beneficiamo.

Così ogni provocazione che proponiamo genererà una nuova risposta che diventerà di nuovo una nuova sfida per noi educatori e educatrici, provocatori e provocatrici.

Freire fa continuamente riferimento a questa relazione non-dicotomica, non-dualistica, tra educatore e educatrice e educanda e educando, che si spinge oltre la visione di orizzontalità e dialogo che deve esistere tra loro.

Freire si spinge oltre le apparenze, prospettando un’unità dialettica tra l’insegnante e lo studente, sintetizzandolo nel seguente modo: “chi insegna impara nell’insegnare e chi impara, insegna nell’apprendere”.

E va anche oltre.

Mette in relazione i ruoli dei soggetti attivi in questo processo. Assumere quest’ottica come sfida, alla ricerca di una coerenza etica e politica e pedagogica è fare del nostro meglio per costruirci come esseri umani che si pongono un paradigma altro nella costruzione del sapere, opposto rispetto al paradigma dominante, autoritario, verticale, assoluto teso alla riproduzione asettica della conoscenza.

La presa di posizione pedagogica che si esprime in questa prospettiva della provocazione reciproca si ispira a una profonda convinzione etica e politica che riprendiamo di nuovo da Freire: "In quanto umani siamo esseri storici e la storia non è determinata, ma è piuttosto un tempo di possibilità in cui noi possiamo diventare soggetti trasformatori, costruttori del futuro che vogliamo e non soltanto oggetti della storia che altri hanno deciso". Pertanto la coerenza che cerchiamo di mettere in pratica come provocatori e provocati nel dare impulso a processi che generano condizioni e disposizioni di apprendimento, richiede una rigorosità metodologica che in nessun caso potrà tradursi in una ricetta, uno schema, un modello o un complesso di tecniche da applicare, ma è piuttosto una forma di espressione, di rigorosità etica e di comportamento, di esempio e paradigma.

Scegliere un’educazione liberatrice è una scelta per un cambiamento sociale di cui questa stessa nuova educazione fa parte: una scelta che significa anche credere, aspettarsi che i valori etici si possono concretizzare nella Storia, e che noi educatori e educatrici abbiamo una responsabilità nel loro conseguimento.

Articoli correlati

  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
  • Italia da morire
    Cultura
    I delitti eccellenti e misteriosi che hanno fatto la storia

    Italia da morire

    Adele Marini sostiene che il suo libro è profondamente antifascista. Infatti il 25 Aprile è una ricorrenza molto sentita da quella parte di sinistra politica che esiste ancora, ma purtroppo assistiamo al ritorno del fascismo e al revanchismo dell’estrema destra
    16 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa
    Pace
    Il diritto internazionale è la nonviolenza efficace

    La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa

    La nonviolenza efficace è capace di risolvere in modo determinante i conflitti politici reali secondo una strategia che sa trasformare i gruppi umani “nemici” in gruppi umani “amici”
    3 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)