Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Non si può ottenere il bene facendo del male

Ai signori della guerra e del terrorismo

Con il pensiero rivolto ai tre italiani sequestrati in Iraq e alle vittime di tutte le guerre e le violenze, scrivo una lettera aperta che non so come recapitare ai destinatari, perché purtroppo sono troppi.



1 maggio 2004
Pierangelo Monti

Signori delle guerre e dei terrorismi,

ascoltate la gente che soffre per le tragedie causate dalle vostre ottuse e
malvagie azioni violente!

Rinunciate ai vostri piani di guerra e di terrorismo!

Abbiate il coraggio di rimettere la spada nel fodero!

Quante persone dovranno ancora morire, essere ferite, quante rimarranno
vedove e orfane, quante senza casa, cibo, scuola, lavoro, cure mediche, a
causa dei conflitti armati?

Quanti anni ancora i popoli del Medio Oriente e dell'Africa dovranno
aspettare per vivere in pace?

Guardate i risultati delle vostre strategie!

Non vedete che i giorni migliori sono quelli senza azioni di guerra e senza
attentati terroristici?

Con la vostra politica state impegnando uomini e risorse nella
fabbricazione delle armi, altri uomini e capitali nelle operazioni
belliche, ed altri ancora per ricostruire quello che avete distrutto.

Intanto si accrescono odio e povertà, e miliardi di persone mancano del
necessario.

Non si può ottenere il bene facendo del male.

Come potete sperare di avere i popoli dalla vostra parte?

La falsità e la demagogia dei vostri messaggi non dureranno a lungo.

Mentre voi cercate il consenso popolare, noi pacifisti nonviolenti
chiediamo a tutti di non collaborare con i violenti, incoraggiamo a credere
nel dialogo e nel diritto, nella solidarietà e nel perdono, chiediamo di
ripudiare le azioni violente e i lavori che alimentano arsenali di morte.

Perché se si vuole la pace bisogna lavorare per la pace.

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • La battaglia di Aleppo
    Conflitti
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • Laboratorio di scrittura

    Era il 2 agosto 1980

    2 agosto 2016 - Alessandro Marescotti
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano
    Conflitti

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)