Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Occorre un nuovo modello di sviluppo non violento

La cocente disfatta USA è la sconfitta di un esercito invasore

Il problema dei crimini di guerra commessi dai 160 mila mercenari americani esentati a priori dal rispetto delle leggi internazionali. E quello del ritorno alla funzione originaria dell’ONU: liberare l’umanità dal flagello della guerra.
22 agosto 2021
Antonino Drago

Dopo venti anni di guerra all’Afganistan, occorrerebbe ricordare quello che tutto il mondo religioso dovrebbe sapere: il 12 settembre, il giorno dopo il crollo delle tre torri a New York,  il papa gridò: “Non vendetta, ma giustizia!”

Purtroppo non è stato ascoltato; e la vendetta per 3mila morti è diventata guerra da 200.000-1.000.000 morti e devastazione del mondo islamico. (https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_in_Afghanistan_(2001-in_corso))

E nemmeno è stato ascoltato l’ONU. Né è stato possibile procedere col Tribunale Penale Internazionale per i crimini di guerra commessi (https://serenoregis.org/2019/04/01/gli-usa-vietano-lingresso-agli-investigatori-del-tribunale-penale-internazionale-matthew-lee/), se non altro quelli commessi dai 160.000 mercenari USA esentati a priori (essendo dei soggetti privati) dalle leggi internazionali.

Ora che la vendetta è stata cosumata, con un enorme disastro e con una sconfitta per l’invasore, ora che Biden dopo venti anni di guerra definisce a suo comodo quali erano i fini di questa guerra, che cosa si vuole dire in giro, che l’ONU è nato per i diritti umani, quelli che occorreva esportare in Afganistan? Il logo dell'ONU come è visibile all'ingresso

In realtà la carta dell’ONU dice chiaro quale è il suo scopo: “per liberare le nuove generazioni dal flagello della guerra”. Quindi il compito dell’ONU è quello di evitare la guerra. Poi, alla costituzione dell’ONU è stata aggiunta la dichiarazione dei diritti; ma essa è divisiva, perché esprime una concezione occidentale della vita; il mondo islamico ha sempre rivendicato una sua maniera di intendere i diritti in dipendenza della comunità e della etica (shariia); e Gandhi diceva che sua madre gli aveva insegnato che prima vegono i doveri e poi i diritti (già il nostro Mazzini lo insegnava), altrmenti i diritti sono privilegi. La sua non violenza, come insegnamento etico, è al di sopra dei diritti, non una conseguenza dei tribunali che dovrebbero applicare e far rispettare i diritti.

La sconfitta degli USA in Afganistan segna la sconfitta della politica dei diritti-privilegi esportati in tutto il mondo. E’ tempo di ritornare alla politica di eliminare la guerra a cominciare dalle sue armi principali (quelle nucleari e quelle di distruzione di massa), ora condannate solennemente dall'ONU e dal papa, sia nel loro uso sul campo sia nel loro possesso per poter minacciare altri stati di bombardare le loro popolazioni.

Come ha scritto Lanza del Vasto nel 1959 “l’eroe occidentale” è così potente che si sconfigge da solo (per suo fatalismo attivo, come nel mito di Edipo). Come ha scritto Galtung già nel 2002 l’impero USA è destinato a crollare dal 2020.

Guardiamo allora oltre la attuale cocente sconfitta USA e del militarismo occidentale. Questo è il tempo della uscita dai monismi (una sola risoluzione dei conflitti mediante le armi, una sola superpotenza, un solo modello di sviluppo) affinché nascano le alternative e si realizzi un pluralismo di più modelli di sviluppo nel mondo; quel pluralismo che, dopo il millennio della civiltà occidentale, caratterizzerà la civiltà universale del terzo millennio. E’ quindi il tempo della nascita del modello di sviluppo non violento in forme sociali concrete.

 

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)