Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La guerra è sempre un’avventura senza ritorno

Il Papa: "Digiuno e preghiera, questo è il momento di farlo"

Nella seconda parte dell'Angelus del 15 agosto ha menzionato l'Afghanistan: "Cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo"
16 agosto 2021

Il Papa prega per l'Afghanistan e invoca che cessi il frastuono delle armi

Guardando al dramma dell’Afghanistan, ferito dai recenti attentati e dalla fuga disperata di centinaia di persone, Papa Francesco, dal Palazzo Apostolico per l’Angelus e dalla finestra virtuale del suo account Twitter @Pontifex, ha chiesto ai fedeli del mondo di raccogliersi in preghiera e di astenersi dai pasti. 
“In momenti storici come questo non possiamo rimanere indifferenti, la storia della Chiesa ce lo insegna. Come cristiani questa situazione ci impegna, per questo rivolgo un appello a tutti, a intensificare la preghiera e a praticare il digiuno. Preghiera e digiuno, preghiera e penitenza, questo è il momento di farlo. Sto parlando sul serio, intensificare la preghiera e praticare il digiuno, chiedendo al Signore misericordia e perdono” .

Un appello che torna forte.
Già il 7 settembre 2013 in piazza San Pietro migliaia di persone, non solo cattoliche, si erano raccolte per pregare per la Siria martoriata dopo l'attacco ai civili col gas nervino e sull’orlo di una possibile feroce guerra.
Una grande veglia si era svolta nella Basilica Vaticana quando Papa Francesco aveva chiesto nel 2017 di pregare e digiunare per il Sudan e la Repubblica Democratica del Congo colpiti da fame, sfruttamento, emigrazione, violenze. E per il Libano, dopo la devastante esplosione nel porto di Beirut del 4 settembre 2020. Il Papa ha sempre invitato ad unirsi in preghiera anche i cristiani di altre Chiese e i seguaci delle altre religioni. Il 15 agosto 2021 all’Angelus: "Mi unisco all'unanime preoccupazione per la situazione in Afghanistan, vi chiedo di pregare con me il Dio della pace, affinché cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo”.

“Pregare e digiunare possono sembrare pratiche anacronistiche ma non lo sono affatto” afferma Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, commentando l’iniziativa del Pontefice con Vatican News. “Io credo anzi che nelle nostre chiese si preghi troppo poco per la pace. La domenica non si sente pregare quasi mai per l’Afghanistan o, ad esempio, per il nord del Mozambico con 800 mila rifugiati, o ancora per tante guerre dimenticate. Noi preghiamo poco per la pace, mentre dovremmo avere ogni giorno nelle mani un Rosario con i nomi di tutti i Paesi in guerra per pregare per loro. La preghiera è una forza. Giorgio La Pira diceva: credo nella forza storica della preghiera. Ecco, la preghiera, in qualche misura, diventa il modo di custodire quelli che non si possono custodire affidandoli alla paterna mano di Dio”. E aggiunge "ora ci troviamo di fronte a un dramma come quello dell’Afghanistan che ci chiede solidarietà spirituale e concreta nell’accogliere. Domandiamoci: che società vogliamo costruire? Le società del muro e della paura o le società della speranza e dell’accoglienza? Speranza e accoglienza che si nutrono, appunto, della preghiera. Perché pregare ci rende audaci e anche capaci di pensare formule nuove del vivere insieme".

Cinque anni fa, in un’intervista concessa al quotidiano cattolico francese La Croix, Papa Francesco invitava a interrogarsi sul modo in cui "un modello troppo occidentale di democrazia è stato esportato in Paesi come l’Iraq, dove un governo forte esisteva già in precedenza. Oppure in Libia, dove esiste una struttura tribale". "Non possiamo andare avanti - aggiungeva nell’intervista - senza prendere in considerazione queste culture”. 


Note: Articoli fonte:
https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2021-08/afghanistan-coraggio-pace-fallimento-guerra-papi.html (25 agosto 2021)
https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2021-08/papa-francesco-digiuno-preghiera-afghanistan-andrea-riccardi.html (31 agosto 2021)

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)