Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
Il Governo italiano era informato: cronologia degli interventi di Amnesty International

Torture in Iraq: ecco i nomi dei politici italiani che erano stati informati

Berlusconi, Frattini, Boniver, Maroni, Martino, Giovanardi, Buttiglione, Pisanu, Bossi, Castelli, Marzano, Prestigiacomo, Tremaglia: tutti avevano ricevuto le comunicazioni di Amnesty International. Il governo parla invece di assenza di informazioni relative alle torture in Iraq.
14 maggio 2004 - Redazione

CS59-2004 05/12/2004

In relazione alle dichiarazioni odierne di esponenti del Governo italiano sull’assenza di informazioni relative alle torture in Iraq, la Sezione Italiana di Amnesty International riepiloga i contatti e gli incontri principali avuti negli ultimi mesi con rappresentanti del Governo in relazione alla situazione dei diritti umani in Iraq.

24 marzo 2003: Amnesty International (AI) scrive al ministro degli Esteri Franco Frattini e al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ponendo dieci specifiche domande volte a responsabilizzare anche l’Italia sulla necessità di rispettare il diritto internazionale dei diritti umani e il diritto umanitario dei conflitti armati. Nessuna risposta da parte del presidente del Consiglio, il ministro Frattini accetta di incontrare una delegazione di AI.

4 aprile 2003: in un incontro con il ministro Frattini, AI presenta le proprie preoccupazioni relative al trattamento dei prigionieri da parte degli Stati Uniti, denunciando in particolare la situazione dei detenuti di Guantánamo. Al termine dell’incontro, la Farnesina ricorda in un comunicato "il tradizionale impegno dell’Italia nel settore dei diritti umani (...) in particolare per il pieno rispetto delle Convenzioni di Ginevra".

13 giugno 2003: AI invia al ministro Frattini e al presidente Berlusconi un memorandum in vista del semestre di presidenza italiana dell’UE. Tra i punti evidenziati, il problema della tortura e il rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.

18 giugno 2003: AI incontra il ministro Scarante, vice consigliere diplomatico del presidente del Consiglio, per discutere del memorandum relativo al semestre europeo. Tra i temi trattati, il problema della tortura e il rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.

3 luglio 2003: il sottosegretario agli Esteri Boniver risponde a un’interrogazione parlamentare di un deputato (5-02199) che citava le prime denunce di AI sulle torture in Iraq e chiedeva se non ritenesse di "adoperarsi affinché, nel corso del semestre di Presidenza dell’Unione Europea e anche in ragione della presenza di soldati italiani in Iraq, il Governo assuma le opportune iniziative per accertarsi sulle condizioni di detenzione dei prigionieri iracheni, e - nel caso in cui quanto affermato nel rapporto di AI corrispondesse al vero - quali iniziative intenda assumere affinché sia assicurato a tali prigionieri un trattamento rispettoso dei diritti umani e conforme al diritto internazionale". Il sottosegretario Boniver cita ampiamente, nella risposta, le denunce di AI.

16 luglio 2003: AI incontra il sottosegretario agli Esteri Margherita Boniver per discutere del memorandum sul semestre europeo. Tra i temi trattati, le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.

16 luglio 2003: AI invia nuovamente il memorandum sul semestre europeo al presidente Berlusconi e ai ministri Frattini, Maroni, Martino, Giovanardi, Buttiglione, Pisanu, Bossi, Castelli, Marzano, Prestigiacomo, Tremaglia. In risposta, AI riceve una lettera del ministro Frattini che rassicura sull’importanza dei diritti umani nella politica estera italiana e una lettera del capo di gabinetto del ministro Martino che afferma di aver inoltrato la documentazione al ministero degli Affari esteri.

5 agosto 2003: AI incontra l’ambasciatore Castellaneta, consigliere diplomatico del presidente del Consiglio, per discutere del memorandum sul semestre europeo. Tra i temi trattati, anche le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq. In quella occasione, in particolare, vengono evidenziate le preoccupanti informazioni che AI sta ricevendo dall’Iraq e descritte nel rapporto di luglio, incluso nella documentazione consegnata all’ambasciatore.

27 agosto 2003: AI incontra l’ambasciatore Aragona, direttore generale per gli Affari politici multilaterali e i diritti umani del ministero degli Affari esteri. Tra i temi trattati anche le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq. In quella occasione, in particolare, AI ribadisce ed evidenzia le preoccupanti informazioni che sta ricevendo dall’Iraq e documentate nel rapporto di luglio, incluso nella documentazione consegnata all’ambasciatore.

gennaio - marzo 2004: AI dialoga con la Farnesina sulla situazione dei diritti umani nel mondo, in vista della imminente sessione della Commissione Onu sui diritti umani. Tra i temi prioritari sui quali viene fornita documentazione, vi sono violazioni compiute dalle forze armate angloamericane su persone sotto loro custodia.

10 marzo 2004: AI viene ricevuta - insieme a numerose altre organizzazioni non governative - dal sottosegretario Boniver, per un incontro in vista della Commissione Onu sui diritti umani. In quella occasione, AI non solo ribadisce le preoccupazioni e denunce sulla situazione in Iraq, inclusi i casi di tortura, ma si dichiara scandalizzata per la scelta dell’Unione Europea di ignorare il problema in sede internazionale e chiede all’Italia di attivarsi in tal senso. L’Iraq è infatti rimasto fuori dall’agenda della Commissione Onu sui diritti umani, nonostante i ripetuti appelli di AI.

11 marzo 2004: nell’illustrazione dell’interpellanza urgente 2/01095, presentata alla Camera dei Deputati il 2 marzo, vengono nuovamente riproposte all’attenzione del governo (rappresentato anche in quella occasione dal sottosegretario Boniver) le denunce di AI.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)