Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Secondo protocollo aggiuntivo del 1977 alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati non internazionali

Per il testo completo in italiano cliccare su http://www.admin.ch/ch/i/rs/0_518_522/index.html
14 maggio 2004
documento internazionale

Nel preambolo di questo protocollo aggiuntivo si ricorda l'importanza dei principi umanitari consacrati nell’articolo 3 comune alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 e che "gli strumenti internazionali relativi ai diritti dell’uomo offrono alla persona umana una protezione fondamentale, sottolineando la necessità di assicurare una migliore protezione alle vittime dei conflitti armati in questione".
Inoltre si rammenta che "la persona umana resta sotto la salvaguardia dei principi di umanità e delle esigenze della pubblica coscienza".

Questo secondo protocollo aggiuntivo del 1977 (come pure il primo del 1977) non è stato sottoscritto da alcune nazioni, fa cui gli Stati Uniti.

Note: L'elenco completo delle convenzioni internazionali per la protezione delle vittime della guerra è su http://www.admin.ch/ch/i/rs/0.5.html#0.510

Approfondimenti sul libro "Crimini di guerra" (ed. Contrasto - Internazionale, la.redazione@internazionale.it ).

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)