Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un'altra vittima del terrorismo. Ma non solo.

Per quanto ancora dovremo piangere?

La morte di Baldoni ripropone il tema di come la guerra non risolva i problemi ma serva solo a svegliare altra violenza. Eppure l'Italia potrebbe mostrare la sua saggezza ritirando l'esercito dall'Iraq e dedicandosi alla mediazione in nome della pace.
27 agosto 2004
Santi Greco

Un altro evento doloroso ha colpito l'Italia. La morte del giornalista free-lance Enzo Baldoni è giunta improvvisa a scuotere gli ultimi giorni di vacanze estive degli italiani.
Un altro colpo del terrorismo islamico, un'altra occasione perduta, da entrambe le parti, di offrire un segnale di saggezza. Forse aspettarsi un atto di bontà dai terroristi è esagerare con la speranza, ma attendersi un gesto di saggezza dal nostro mondo occidentale non sarebbe stato fuori luogo.
E' vero: non si può cedere al ricatto del terrorismo. Su questo si può solo essere d'accordo. Ma soffermarsi un istante sulla situazione avrebbe potuto far vedere le cose con un occhio diverso. Nessun paese democratico può cedere al terrorismo, ma nessun paese democratico può entrare in guerra contro un altro stato, senza aver provato a risolvere i contrasti con esso usando tutte le vie possibili, fingendo di volerlo aiutare col suo intervento, senza essere stato invitato a farlo. E' grave aver fondato un intervento bellico su menzogne, così come è gravissimo continuare a mascherare interessi economici sotto il velo dell'intervento umanitario.
Nessuno potrà mai convincere i familiari di Baldoni, e con essi quelli degli altri caduti di questa guerra assurda, che la morte del loro congiunto è un prezzo onesto da pagare per i vantaggi che potremo trarre dalla conquista di nuove fonti energetiche. Il dio petrolio continua a guidare le decisioni dei governi; continua ad acquistare sempre più valore, mentre la vita continua a svalutarsi.
Col non cedere al ricatto l'Italia ha mostrato il suo coraggio e la sua forza contro le minacce terroristiche. Adesso è il momento di mostrare lo stesso coraggio e la stessa forza nel cambiare comportamento: via il nostro esercito da una terra che non ci appartiene.
Se davvero vogliamo portare la pace in Iraq, ritiriamo il nostro esercito e mettiamo in atto una politica di mediazione. Chi ha stabilito che ogni iniziativa deve partire dagli Stati Uniti? Che l'Italia colga questa occasione per mostrare che un'altra via di pace e di risoluzione delle controversie è possibile. Questa sarebbe l'occasione propizia per mettere in evidenza la propria saggezza ed indipendenza di pensiero.

Articoli correlati

  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)