Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un'altra vittima del terrorismo. Ma non solo.

Per quanto ancora dovremo piangere?

La morte di Baldoni ripropone il tema di come la guerra non risolva i problemi ma serva solo a svegliare altra violenza. Eppure l'Italia potrebbe mostrare la sua saggezza ritirando l'esercito dall'Iraq e dedicandosi alla mediazione in nome della pace.
27 agosto 2004
Santi Greco

Un altro evento doloroso ha colpito l'Italia. La morte del giornalista free-lance Enzo Baldoni è giunta improvvisa a scuotere gli ultimi giorni di vacanze estive degli italiani.
Un altro colpo del terrorismo islamico, un'altra occasione perduta, da entrambe le parti, di offrire un segnale di saggezza. Forse aspettarsi un atto di bontà dai terroristi è esagerare con la speranza, ma attendersi un gesto di saggezza dal nostro mondo occidentale non sarebbe stato fuori luogo.
E' vero: non si può cedere al ricatto del terrorismo. Su questo si può solo essere d'accordo. Ma soffermarsi un istante sulla situazione avrebbe potuto far vedere le cose con un occhio diverso. Nessun paese democratico può cedere al terrorismo, ma nessun paese democratico può entrare in guerra contro un altro stato, senza aver provato a risolvere i contrasti con esso usando tutte le vie possibili, fingendo di volerlo aiutare col suo intervento, senza essere stato invitato a farlo. E' grave aver fondato un intervento bellico su menzogne, così come è gravissimo continuare a mascherare interessi economici sotto il velo dell'intervento umanitario.
Nessuno potrà mai convincere i familiari di Baldoni, e con essi quelli degli altri caduti di questa guerra assurda, che la morte del loro congiunto è un prezzo onesto da pagare per i vantaggi che potremo trarre dalla conquista di nuove fonti energetiche. Il dio petrolio continua a guidare le decisioni dei governi; continua ad acquistare sempre più valore, mentre la vita continua a svalutarsi.
Col non cedere al ricatto l'Italia ha mostrato il suo coraggio e la sua forza contro le minacce terroristiche. Adesso è il momento di mostrare lo stesso coraggio e la stessa forza nel cambiare comportamento: via il nostro esercito da una terra che non ci appartiene.
Se davvero vogliamo portare la pace in Iraq, ritiriamo il nostro esercito e mettiamo in atto una politica di mediazione. Chi ha stabilito che ogni iniziativa deve partire dagli Stati Uniti? Che l'Italia colga questa occasione per mostrare che un'altra via di pace e di risoluzione delle controversie è possibile. Questa sarebbe l'occasione propizia per mettere in evidenza la propria saggezza ed indipendenza di pensiero.

Articoli correlati

  • Nobel per la Pace a Riace
    Pace
    Appello: nomina del Comune di Riace per il Nobel della pace

    Nobel per la Pace a Riace

    Dopo il Premio Nobel per la Pace 2017 a ICAN - Campagna internazionale per l'abolizione degli ordigni nucleari, è quanto mai necessario il Premio Nobel al modello Riace
    15 gennaio 2019 - Il Comitato promotore
  • L'Italia Liberata. Storie Partigiane: un progetto di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni
    Pace
    Crowdfunding dal 2 febbraio al 2 aprile 2019 sulla piattaforma Becrowdy

    L'Italia Liberata. Storie Partigiane: un progetto di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni

    Realizzato in collaborazione con Associazione Arci Ponti di memoria e il sostegno morale di Arci nazionale, Coop Lombardia, Matera 2019 Open Future, Comune di Milano e di numerosi circoli Anpi sparsi nel territorio, tra cui ANPI Sezione Emilio Bacio Capuzzo - Nova Milanese
    17 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Con Mimì Lucano per una nuova umanità
    Pace
    Appello . Una proposta unitaria per le elezioni europee

    Con Mimì Lucano per una nuova umanità

    In Europa hanno clamorosamente fallito le terapie di austerità, ma appaiono pericolose le derive sovraniste e nazionaliste, che sconfinano nel fascismo e nel razzismo
    15 gennaio 2019
  • Giuseppe Pinelli, il ferroviere di San Siro
    Pace
    Presentazione del Libro:

    Giuseppe Pinelli, il ferroviere di San Siro

    Dalla lotta partigiana al movimento anarchico e alla non violenza, Pino era un ottimista che viveva con entusiasmo quel tempo di speranze e di profondi cambiamenti. Con la sua tragica morte è diventato un simbolo dei diritti negati e dei connotati violenti che può assumere il potere
    13 gennaio 2019 - Laura Tussi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)