Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Carovana della Pace 2004

A Varese la Carovana incontra il mondo universitario e i sindacati e i sindacati delle industrie della difesa

I giovani della carovana interrogano l'università e pongono domande sulla realtà delle industrie belliche, confrontandosi con i percorsi di pace percorribili partendo da questa realtà.
10 settembre 2004
Fonte: Carovana della Pace 2004 "Vita piena per tutti: adesso non domani"

Debutto varesino della Carovana Nord-ovest

Sotto la Tenda della Pace in piazza Monte Grappa, nel centro di Varese, ha preso inizio la prima tappa della Carovana Nord-ovest. Nella frenesia della città, questa tenda è un luogo di incontro e accoglienza per le persone che desiderano conoscere l'esperienza della Carovana, consultare il materiale informativo, aderire agli appelli e alle campagne che sosteniamo o anche semplicemente per fermarsi a fare quattro chiacchiere… Inoltre sotto la tenda sono ospitate diverse realtà che già operano sul territorio varesotto: Rete di Lilliput, Anolf, La pulce, Vivere l'Africa, Acli, Associazione Comunità e Famiglia. Non possiamo dimenticare la collaborazione dei novizi comboniani della vicina casa di Venegono, degli Scout di Varese, della protezione civile di Fagnano Olona e delle numerose famiglie che ci stanno ospitando per la notte. È proprio da questi gesti semplici, di aprire la propria casa, di offrire il proprio tempo, di voler conoscere e incontrare l'altro…, che cominciamo ad assaporare la vera accoglienza e condivisione. Sono passati anche alcuni giornalisti delle testate locali, che hanno dato visibilità al programma della tappa.
Tra i 16 carovanieri sono presenti due testimoni del sud del mondo: padre Joseph dal Congo e padre Justino dalla Spagna. La loro presenza è una ricchezza per noi e per la società civile e anche un'opportunità di maggiore apertura per la chiesa locale che, in un territorio non sempre accogliente, si è dimostrata molto disponibile e ospitale. Un grazie particolare a don Peppino Maffi, prevosto di Varese, che partecipa attivamente agli incontri di questa tappa.

La Carovana va all'università

Niente laurea onoris causa per i carovanieri, ma un vivace e partecipato incontro all'Università dell'Insubria di Varese, coordinato dal dott. Saverio Clementi, direttore del settimanale Luce, padre Rossano Breda, comboniano e Alessandra Cesario della Carovana e introdotto dalla testimonianza di mons. Antonio Menegazzi, vescovo di El-Obeid, nel Darfur, in Sudan. Nell'aula magna, inaspettatamente piena, don Fabio Corazzina di Pax Christi (che è stato recentemente a Baghdad e conosce personalmente Simona Torretta e Simona Pari) ci ha aiutati a focalizzare l'attenzione sull'attuale situazione in Iraq, e in particolare sul ruolo centrale dell'informazione. Citando direttamente documenti e fonti ufficiali, don Fabio ha smontato le motivazioni via via addotte dalle forze della Coalizione per sostenere la guerra in Iraq e la lotta al terrorismo, che sembra essere diventata la giustificazione di ogni intervento militare. Si è poi soffermato sui costi di questa guerra (oltre 40mila civili uccisi, 1000 soldati americani morti, 130 milioni di dollari spesi, incalcolabili danni materiali) e sui profitti attesi dai lucrosi appalti per la ricostruzione. Infine, don Fabio ci ha invitati ancora una volta a riflettere sul legame tra pace e democrazia e sulla necessità di essere protagonisti attraverso l'informazione alternativa e la partecipazione attiva nelle nostre realtà quotidiane. Un mondo di pace richiede certo scelte politiche ed economiche coerenti, ma prima di tutto un cambiamento nel nostro comportamento. Come ricorda Ronald Rumsfeld, infatti, questa guerra serve a difendere il nostro stile di vita!
Ci aspetta una bella sfida! E il nostro metterci in cammino è un modo per raccoglierla e farla conoscere.

Si è svolto nel pomeriggio un incontro tra i Carovanieri e alcuni delegati di fabbrica e segretari sindacali provinciali (Fim, Fiom e Uilm) di aziende varesine del comparto della difesa, promosso dal nodo varesino della Carovana della Pace per creare un momento di confronto sul tema della Pace con i rappresentanti di una realtà sociale e industriale rilevante per questo territorio.
A partire da alcune domande sui temi della trasparenza, del controllo del commercio delle armi, della questione etica e della riconversione industriale, i ragazzi della Carovana hanno ascoltato le esperienze e le riflessioni dei loro interlocutori, che hanno richiamato il ruolo di stimolo critico avuto dal sindacato in questi ultimi anni.
Il clima sereno e disteso dell'incontro ha permesso un confronto proficuo che ha portato a individuare alcuni cammini possibili di collaborazione tra sindacato e mondo della pace. Nel rispetto delle diversità di ruolo, è parso evidente ai partecipanti che solo un'azione comune, in particolare sui temi del controllo e della trasparenza del commercio di armi potrà portare a risultati positivi per tutti.

Articoli correlati

  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita?  Non proprio.
    Disarmo
    Come leggere una notizia giornalistica criticamente – un caso studio.

    Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita? Non proprio.

    Secondo gran parte dei mass media, il governo M5S/Lega avrebbe fatto votare, mercoledì scorso alla Camera dei Deputati, uno “stop alle esportazioni di armi ai sauditi per l'uso in Yemen”. In realtà, le cose non sono andate proprio così. Vediamo perché.
    1 luglio 2019 - Patrick Boylan
  • Sanità di Frontiera, progetto "I colori del mondo"
    Migranti
    Testimonianza di un medico di frontiera

    Sanità di Frontiera, progetto "I colori del mondo"

    Un ambulatorio volontario, gratuito, per gli stranieri senza permesso di soggiorno, a Varese lavora alla luce del sole dal 2009, seguendo i dettami della legge Bossi-Fini, che prima fu Turco-Napolitano
    16 giugno 2019 - Laura Tussi
  • “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia
    Disarmo
    Le iniziative del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni)

    “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia

    L’accordo per la cooperazione scientifica e tecnologica si integra con quello specificamente militare poiché le armi sono sempre più legate allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica
    31 marzo 2019 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)