Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Letture dopo il capitalismo

Dal primo, del 1956, al postumo «War, Inc.», i libri di Seymour Melman
8 gennaio 2005
Mario Pianta
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il primo libro di Seymour Melman è del 1956, sull'organizzazione della produzione nell'industria dell'auto, Dynamic factors in industrial productivity (Wiley), basato sui suoi studi di dottorato, seguito da una serie di analisi sui processi decisionali, le gerarchie nella produzione e la produttività dell'industria. In parallelo, di fronte all'affermarsi della guerra fredda, Melman inizia il suo lavoro sul disarmo: nel 1958 cura il libro Inspection for disarmament, nel 1961 scrive The Peace Race, un termine che sarà preso in prestito dal presidente Kennedy, prima della drammatica crisi dei missili a Cuba, poi scrive Disarmament: its politics and economics. Contro la guerra in Vietnam cura nel 1968 In the name of America: clergy and laymen concerned about Vietnam e affronta in Pentagon capitalism (1970) la prima analisi sistematica del complesso militare industriale Usa, un tema sviluppato in The permanent war economy: American capitalism in decline (1974 e 1985) e nel volume a più autori The war economy of the United States (1971). Insieme alle sue lucide analisi, Melman va alla ricerca di proposte concrete che diano una risposta ai problemi che il disarmo creerebbe alle industrie militari e ai lavoratori Usa. Nasce da qui l'importante lavoro sulla riconversione dell'industria militare, prima con i sei volumi di Conversion of industry from a military to a civilian economy (1970), poi con il rapporto per le Nazioni Unite, Barriers to economic conversion (1980) e con decine di articoli, studi e rapporti sull'esperienza degli Stati Uniti, dell'Unione Sovietica e di altri paesi.

L'analisi delle trasformazioni dell'economia Usa è sviluppata in Profits without production (1983), scritto in un periodo di stretta collaborazione con il sindacato americano, in cui lo svuotamento della capacità produttiva statunitense, alimentato delle spinte alla globalizzazione e alla finanziarizzazione dell'economia, viene messo in relazione alla concentrazione di risorse nelle produzioni militari.

Le strategie politiche per il disarmo e la riconversione sono presentate in The demilitarized society (Harvest House, 1990), che fa il punto sui movimenti per la pace degli anni Ottanta e sulle possibilità di cambiamento alla fine della guerra fredda, con la prospettiva - mai realizzatasi - dei «dividendi della pace».

Ma il suo lavoro più impegnativo, sintesi di una vita di lavoro, è After capitalism. From managerialism to workplace democracy (Knopf, 2001), che non ha mai trovato un editore in Italia. L'analisi della produzione capitalistica, con le sue gerarchie manageriali, alienazione e mercificazione, si intreccia agli effetti negli Stati uniti della deindustrializzazione e dell'accumulazione di potere militare. Le strade per le alternative sono nel recupero di controllo da parte dei lavoratori - la riscoperta della democrazia economica - nella «disalienazione» del lavoro, in una produzione al servizio della società anziché del potere militare.

Il libro è diventato un grande sito web (www.aftercapitalism.com) che oltre ad ampie parti del volume e informazioni sull'autore, presenta i suoi testi principali, dagli anni Cinquanta ad oggi, una vasta raccolta di articoli sul disarmo, la crisi dei missili a Cuba, la guerra in Vietnam, i movimenti per la pace, e poi l'economia di guerra e le strategie di riconversione possibili, per finire con il programma del corso sull'economia di guerra che Melman ha tenuto per decenni alla Columbia University, ricevendo anche il premio per il miglior docente dell'università.

In italiano sono stati tradotti alcuni suoi libri, ora tutti introvabili: La corsa alla pace (Einaudi, 1965), Il capitalismo militare (Einaudi, serie viola, 1974), Fabbriche di morte: è possibile riconvertirle (Pironti, 1982). Nel 1990 è stato visiting professor all'università di Firenze e i materiali del suo corso sono raccolti in un Quaderno del Forum per i problemi della pace e della guerra, L'economia militare: effetti della produzione militare e problemi di riconversione. Un suo testo su «La riconversione dell'economia militare: problemi, argomenti, ipotesi» è pubblicato nel volume La riconversione dell'industria militare curato da Mario Pianta e Alberto Castagnola per le Edizioni Cultura della Pace (Firenze 1990), fortemente voluto allora da Ernesto Balducci. E' di prossima pubblicazione per Città Aperta Edizioni l'ultimo libro, War, Inc.: The Rise and Fall of America's Permanent War Economy, di cui traduciamo alcune parti qui accanto. mi.pi

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)