Palestina

l'opinione

Il sogno infranto dell'infanzia normale

22 luglio 2006
Raffaele K. Salinari (Presidente Terre des Hommes)
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il tempo gioca a favore di una radicalizzazione di un conflitto che oramai coinvolge tutto il «grande Medioriente» come pensato nella strategia della guerra permanente totale dell'amministrazione Bush. L'arco di crisi che parte dall'Afghanistan e arriva a Gaza passando per Beirut è, infatti, oggi un unico grande fronte sul quale non sembra più esserci spazio per un dialogo civile e il rispetto dei più elementari diritti umani. Cosa succede esattamente dietro questo fronte fatto di sanguinosi attacchi suicidi e di ancora più feroci rappresaglie, chi e cosa muore quotidianamente nel «tempo della guerra»?
Se guardiamo la realtà dal nostro osservatorio nei campi profughi nel sud del Libano, ma anche da Gaza o da Baghdad, se parliamo con i bambini che ogni giorno cercano un pezzo di terra sicuro sul quale svolgere il sogno di un'infanzia «normale» cioè giocosa, la risposta è drammaticamente chiara, è questo sogno infantile che muore e con esso un mondo di pace. Non è un caso che questa guerra totale faccia più vittime tra i civili che tra i militari, perché è esattamente questo che si vuole, è il sogno che bisogna abbattere, ancora prima della democrazia o dei diritti umani. In questo Hezbollah o Tachalal sono alleati, come lo sono Bush e al Qaeda. Nessuno di loro può oramai vivere un tempo di pace perché la loro stessa ragione di esistere scomparirebbe, e la pace è un sogno che si forma nell'infanzia appunto, nella ricerca di un luogo adatto giocare senza saltare in aria.
L'Onu lanciato una ennesima proposta di interposizione in Libano senza però poter dire, a causa della politica Usa e dell'inconsistenza europea, quando tutto questo dovrebbe concretizzarsi. Tutti sappiamo che in politica una buona idea è nulla senza il tempo giusto e che quando il tempo non viene nominato si vuole soltanto che la politica prenda atto dei fatti compiuti. Le forze dell'Onu sono in Libano da anni, come lo sono in Palestina e sul Golan, senza che questo abbia mai impedito alle parti di fare ciò che meglio credevano.
Le soluzioni rapide ci sono e molte sono nelle mani della Ue, a partire dalla denuncia degli accordi di preferenza con Israele per arrivare all'applicazione immediata delle clausole in rispetto dei diritti umani in tutti gli accordi commerciali vigenti con quel gruppo di paesi, Siria , Iran e Libano inclusi. Il nostro paese deve più sganciarsi risolutamente dal pantano afghano come abbiamo deciso di fare in Iraq, dato che il fronte è realmente lo stesso. Il parlamento ha ora dei mesi per ridiscutere la missione Nato, è un tempo sufficiente per farlo e deve essere fatto, pena la connivenza italiana con la logica della guerra come strumento principale della globalizzazione liberista, e dunque non solo in aperta contraddizione con l'articolo 11 della Costituzione ma anche con la maggioranza della pubblica opinione. Infine una parola di chiarezza sui corridoi umanitari per il Libano richiesta da più parti. La nostra organizzazione continua a rimanere in Libano non solo per scopi umanitari ma soprattutto per assicurare il diritto del popolo libanese all'autodeterminazione, perché l'umanitario non diventi la scusa per lavare una coscienza politica che spende tanto più in aiuti quanto meno si impegna per la giustizia.

Articoli correlati

  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)