Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo
PALESTINA

Il Muro accerchia l'area di Betlemme

30 aprile 2010 - M.C.R.
Fonte: Alternative Information Center - 30 aprile 2010

Un momento della protesta contro la costruzione del Muro I nuovi lavori di costruzione del Muro di separazione tra Israele e la Cisgiordania stanno isolando il distretto di Betlemme. È questa la denuncia di centinaia di attivisti israeliani, palestinesi e internazionali, nei giorni in cui l'esercito israeliano ha ripreso la costruzione della barriera nell'area di Beit Jala e Al-Walaja, paesi nelle immediate vicinanze di Betlemme. Il completamento dei lavori nella zona significherebbe il completo accerchiamento del distretto, che a causa del Muro e degli insediamenti israeliani illegali ha già perso circa un'ampia percentuale della propria originale estensione.
 
Da una settimana ogni giorno centinaia di persone si radunano nel tentativo di fermare la demolizione di case e campi di ulivi da parte dei bulldozer israeliani per permettere la costruzione del Muro. I lavori nell'area erano iniziati nei primi giorni di marzo con la confisca di centinaia di ettari di terra, ma erano stati bloccati per quaranta giorni dalla denuncia presentata dagli abitanti dell'area. La sentenza della Corte suprema israeliana ha di fatto autorizzato la ripresa dei lavori e il 22 aprile l'esercito ha demolito la casa e danneggiato il giardino di Mitri Ghneim, abitante di Beit Jala.
 
Secondo fonti locali, almeno trenta abitazioni sono a rischio di demolizione immediata e centinaia di ettari di terreno e ulivi sotto la minaccia di confisca. La coltivazione dell'ulivo rappresenta una delle principali fonti di reddito per la popolazione della zona. La zona scelta per la continuazione del Muro – il cui tracciato totale supera i 730 chilometri – comprende anche l'unica foresta della zona, il monastero di Cremisan e la cantina dei salesiani il cui vino è stato recentemente presentato all'interno di Vinitaly.

Al-Walaja, secondo paese colpito insieme a Beit Jala dalle costruzioni di questi giorni, è un villaggio palestinese a maggioranza cristiana ad ovest di Betlemme e confina con l'area di Gerusalemme, occupata illegalmente da Israele secondo il diritto internazionale. Nel 1982 la municipalità di Gerusalemme ordinò l'annessione di Al-Walaja e altri paesi, senza però riconoscere agli abitanti la cittadinanza israeliana, che conservano dunque tuttora carta d'identità della Cisgiordania e non possono costruire case nell'area. Ai bambini è negato il diritto all'istruzione nelle scuole di Gerusalemme.
 
L'area è inoltre già frammentata dal passo della strada 60, riservata unicamente ai coloni israeliani. Come denunciato dal comitato popolare di protesta nonviolenta del distretto di Betlemme, in questa settimana di proteste numerosi dimostranti sono stati feriti e arrestati. Mercoledì i dimostranti sono riusciti a bloccare momentaneamente i bulldozer, ma si temono nuove azioni da parte dell'esercito.

 

L'articolo è stato pubblicato sul sito dell'agenzia di stampa Redattore Sociale

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)