Palestina

Le iniziative del REC (Remedial Educational Center)

Ricordare Hiroshima a Gaza

Qualche anno fa, il 6 agosto, la spiaggia di Gaza era un tripudio di palloncini colorati, quelli lanciati dai bimbi del REC (Remedial Educational Center) idealmente verso i bimbi di Hiroshima. Quando la scuola è stata distrutta, i soldati israeliani hanno scritto sulla lavagna: "Sorry ragazzi, abbiamo distrutto i vostri giocattoli. Siete nati nel posto sbagliato nel momento sbagliato".
6 agosto 2014
Francesca Ciarallo

Il 6 agosto del 1945 veniva sganciata la bomba atomica su Hiroshima, qualche giorno dopo
sarebbe toccato a Nagasaki. La Nonviolenza salverà il mondo

Qualche anno fa, il 6 agosto, la spiaggia di Gaza era un tripudio di palloncini colorati,
quelli lanciati dai bimbi del REC (Remedial Educational Center) idealmente verso i bimbi
di Hiroshima che avevano subito la stessa tragedia. La condivisione, anche del dramma,
aiuta a sentirsi meno soli e negletti.

Il REC è una piccola Ong guidata da una grande persona, Husam Hamdouna. Il REC è un
esperimento educativo all'avanguardia, una sorta di Barbiana palestinese. E' nel campo
profughi di Jabalia, a Gaza city, il posto più densamente popolato al mondo. Se penso a
Jabalia non ho tante definizioni, è semplicemente impensabile.

Indipendente e laica, il REC insegna a bambine e bambini a sviluppare senso critico e
partecipazione, accettare le differenze e aprirsi al mondo. Insegna la nonviolenza e a
non odiare l'altro, l'israeliano.
 
Quando la scuola è stata distrutta, i soldati israeliani hanno scritto sulla lavagna:
"Sorry ragazzi, abbiamo distrutto i vostri giocattoli. Siete nati nel posto sbagliato nel
momento sbagliato".
 
Husam ha organizzato un incontro con le famiglie e ha chiesto di non dire ai bambini che
gli israeliani avevano deliberatamente distrutto i loro giochi: per non instillargli
desiderio di vendetta. "Non vogliamo allevare una generazione che odia". Il rapporto con
le famiglie è essenziale, soprattutto con le madri, "le donne hanno la vita dentro, loro
sono davvero capaci di cambiare la società".
"Ma ai media, ai politici, alla comunità internazionale ... a chi interessa il REC? - mi
chiedeva Husam - Palestina fa rima con terrorismo".

A chi interessa il REC?
Allora questo 6 agosto vorrei ricordarlo così, con questi bimbi. Vorrei dire loro che non
sono soli.
Perchè la memoria è un atto di libertà. Fa sì che il futuro non sia schiavo del passato.

"Se voi però avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò
che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in
diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. Gli uni son la
mia Patria, gli altri miei stranieri".
Don Lorenzo Milani

Articoli correlati

  • "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"
    Storia della Pace
    Dall'enciclica "Pacem in terris" di papa Giovanni XIII

    "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"

    Il Papa scriveva nel 1963: "Giustizia, saggezza ed umanita' domandano che venga arrestata la corsa agli armamenti, si riducano simultaneamente e reciprocamente gli armamenti gia' esistenti, e si mettano al bando le armi nucleari".
    6 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il nuovo Hibakusha
    Editoriale
    Ma la storia continua, come i danni e le sofferenze per tutti i test nucleari succeduti negli anni.

    Il nuovo Hibakusha

    Una piccola notizia che passa in secondo piano, mentre commemoriamo il bombardamento di Hiroshima il 6 agosto di 76 anni fa. Che però ribalta l’anniversario al di là del solo ricordo storico e lo riporta ancora una volta alla sua concretezza.
    6 agosto 2021 - Roberto Del Bianco
  • "Hiroshima, non dovevamo"
    Storia della Pace
    Analisi del libro del filosofo John Rawls

    "Hiroshima, non dovevamo"

    Il guaio grave e' che negli Stati Uniti ancora prevale la tesi ufficiale che giustifico' accanitamente le bombe di Hiroshima e Nagasaki. Clinton disse: "Truman ha fatto quel che si doveva fare". La maggioranza degli americani riteneva che gli Usa non dovessero presentare scuse al Giappone.
    6 agosto 2021 - Peppe Sini
  • Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche
    Pace
    Comunicato del MIR nell’anniversario delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

    Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche

    Anche quest’anno tutti quanti ripetono: “Non deve mai più succedere”. Ma la minaccia atomica permane, perché ancora 13.000 testate nucleari sono pronte a distruggere le città come fu per Hiroshima e Nagasaki. Per questo sosteniamo il Trattato dell’ONU di proibizione delle armi nucleari (TPAN).
    6 agosto 2021 - Pierangelo Monti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)