Palestina

Nel 2012, un anno dopo la morte di Vittorio, nasce la Fondazione Vittorio Arrigoni "Vik Utopia"

Sulle orme di Vittorio: intervista a Egidia Beretta Arrigoni

La Fondazione Vittorio Arrigoni “Vik Utopia” Onlus: “Al di là delle latitudini e delle longitudini, apparteniamo tutti alla stessa famiglia, che è la famiglia umana”
Laura Tussi4 novembre 2020

Alla cara amica Egidia

Intervista a Egidia Beretta Arrigoni di Laura Tussi

 

Egidia, puoi parlarci della Fondazione Vittorio Arrigoni "Vik Utopia"?

Nel 2012, un anno dopo la morte di Vittorio, nasce la Fondazione Vittorio Arrigoni “Vik Utopia” Onlus.

Si voleva trovare un modo sia di preservare la memoria di Vittorio, il suo lascito etico e intellettuale, sia di proiettarci, nel suo nome, verso quei mondi, a lui cari, dove la povertà e le ingiustizie ledono i diritti universali dell’uomo.

La Fondazione ci è parsa la scelta migliore e su questa strada ci siamo avviati.

Nel 2013 otteniamo la qualifica di Onlus e iniziamo il nostro percorso “per onorare la memoria di Vittorio Arrigoni e continuare la sua azione disinteressata di impegno civile a servizio del bene comune, dei diritti umani e della giustizia”. Così recita lo Statuto della Fondazione e, da questa premessa fondamentale, si sviluppano le nostre azioni.

 

Per quali motivazioni e ideali è nata la Fondazione?

Quel “Vik Utopia”, con cui spesso Vittorio si firmava, ci muove a cercare i luoghi e le situazioni dove far confluire il nostro sostegno, tenendo sempre presente che “al di là delle latitudini e delle longitudini, apparteniamo tutti alla stessa famiglia, che è la famiglia umana”.

Per questo i progetti che finanziamo abbracciano non solo la Palestina, così cara a Vittorio, ma raggiungono i più disparati angoli del mondo, là dove riteniamo di poter contribuire ad azioni concrete di solidarietà verso i più deboli e spesso dimenticati.

E chi, fra questi, se non principalmente, i bambini e quindi le famiglie e le comunità?

Dalla Striscia di Gaza, al Congo, alla Romania, alla Turchia, al Benin, all’Afghanistan, al Nicaragua, all’Argentina, all’Uganda, alla Cisgiordania, dal 2013 a oggi, abbiamo sostenuto, secondo le nostre pur non grandi disponibilità finanziarie, ospedali, scuole, mense, borse di studio, serbatoi d’acqua, reparti maternità…

 

Quali sono le attività più importanti della Fondazione?

La Fondazione non agisce direttamente sul posto; lo fa attraverso Onlus o ONG  già presenti con i propri operatori e i loro partner locali, selezionando con cura i progetti man mano proposti.

Proprio pensando ancora ai bambini, nel 2016 la Fondazione accoglie e fa propria l’idea di un libro loro dedicato. 

Sabina Antonelli, insegnante di scuola dell'infanzia a Spoleto, già autrice di libri per bambini, amica della Fondazione, scrive e illustra un libro per raccontare i sogni di Vittorio ai più piccoli. Nasce così “Il Bambino che non voleva essere un lupo”. Parafrasando proprio ciò che Vittorio scrisse a sette anni, "non ho zanne perché non sono un lupo”, è sbocciata una storia che racconta un mondo diverso dove un uomo non è mai lupo per un altro uomo, ma semplicemente fratello.

Edito da “Segni e Parole” di Novara, il libro è distribuito direttamente dalla Fondazione alla quale vanno tutti i proventi delle vendite.

Anche in questo modo, cerchiamo di promuovere e diffondere la cultura della giustizia e della pace, anch’essa tra i nostri principi fondanti.

Con lo stesso spirito, abbiamo patrocinato le edizioni 2018 e 2019 del NAZRA Palestine Short Film Festival, promosso dalle organizzazioni Restiamo Umani con Vik (Venezia), École Cinéma (Napoli) e Centro Italiano di Scambi Culturali-VIK (Striscia di Gaza – Palestina), con l’istituzione di un premio denominato “Vittorio Arrigoni Prize”  da assegnare all’opera che, “pur narrando un contesto di occupazione e prevaricazioni, meglio rappresenti lo spirito di resistenza, le azioni positive, solidali e di emancipazione mirate alla promozione dei diritti umani universali in Palestina”.

Dal 2016 è attivo inoltre un sito internet: www.fondazionevikutopia.org  ricchissimo di testimonianze, scritti di e per Vittorio, video, foto, dedicazioni, oltre ad una pagina dedicata ai progetti. Un modo, per chi volesse, di conoscere o approfondire la sua vita.

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)