PeaceLink

Lista News

Archivio pubblico

Edizioni Apogeo 1996

Telematica per la pace

E' stato il primo libro in Italia su come usare la telematica per attività di pace, ecologia e cooperazione internazionale. Qui trovate in libera condivisione i file PDF dei vari capitoli.

L'introduzione al libro "Telematica per la pace" è di Howard Rheingold, uno dei primi studiosi del fenomeno delle Telematica per la pace

comunità virtuali.

Rheingold aveva scritto nel 1994 il libro "Comunità virtuali. Parlare, incontrarsi, vivere nel ciberspazio" (Sperling & Kupfer). Un libro che era stato molto letto dal mondo degli attivisti telematici che si riunivano attorno alle bacheche elettroniche dette BBS, bulletin board system.

A metà degli anni Novanta Rheingold vedeva nella telematica dal basso un'occasione storica di cambiamento.

Nella sua introduzione così esordisce: " Le tecnologie della comunicazione sono strumenti politici e armi politiche: i prodotti di tali tecnologie non sono servizi o merci materiali, ma percezioni e considerazioni umane. Il cuore stesso della democrazia, il fatto che la gente sia capace di realizzare autogoverno, è un prodotto del saper leggere e scrivere. Gli analfabeti, chi non possiede la libertà di esprimere le proprie opinioni, quanti non hanno accesso a libri e documenti – costoro non sono in grado di governare sé stessi. Per far funzionare una democrazia occorrono tutti e tre gli elementi di ogni sistema di comunicazione pubblico: saper leggere e scrivere, libertà, possibilità d’accesso. Le nuove tecnologie della comunicazione producono dei cambiamenti politici. Coloro che solitamente avevano il potere, non lo avranno più. La gente che non aveva mai avuto potere, l’otterrà improvvisamente".

Ne conseguiva, negli anni Novanta un'impostazione "politica" dell'alfabetizzazione telematica, vista come uno strumento di ampliamento degli strumenti di cittadinanza. Oggi la chiameremmo cittadinanza digitale. Dossier PeaceLink

Pertanto "Telematica per la pace" si inseriva nel solco dei libri di alfabetizzazione telematica che si diffondevano allora, ma vi aggiungeva una prospettiva visionaria che per molto tempo ha animato le comunità virtuali nate dal basso. L'alfabetizzazione telematica era percepita e proposta come occasione storica per cambiare i rapporti di potere. E i computer erano visti con la carica dirompente della stampa di Gutenberg.

Eravamo poche decine di persone e per noi il problema era raggiungere una sufficiente massa critica.

Nella prima pagina del libro raccoglievo e condividevo l'utopia concreta di Rheingold e scrivevo: "A volte si sogna di essere tutti uniti e solidali. A volte mi sento stanco, solo, debole. A volte sento che ho bisogno di un aiuto. E ricerco i mezzi che mi diano più forza, che diano più probabilità di realizzazione ai miei progetti. Credo che l'emozione dei sogni stia oggi anche nell'emozione di immaginare migliaia di persone intente a cooperare ogni giorno per costruire azioni e culture di pace, a scambiarsi pareri e resoconti del loro lavoro quotidiano, a costituire una rete di comunicazioni, a scegliere i mezzi più adatti ed efficienti per diventare costruttori di pace. E quindi a usare le telecomunicazioni e i computer, in una parola a usare la telematica per la pace".

Questa prospettiva si è avverata per tanti aspetti, sotto il profilo della capacità concreta di imparare a gestire le tecnologie, che era allora come la sfida più ardua da gestire e promuovere. Quello che non si è avverato - contraddicendo molte delle nostre speranze - è stata la capacità di padroneggiare consapevolmente le tecnologie, di usarle in maniera critica per cambiare i rapporti di potere.

Allegati

Articoli correlati

  • Un dischetto ribelle nel mio personal computer
    PeaceLink
    Come è nata PeaceLink

    Un dischetto ribelle nel mio personal computer

    Era il 1991 e con un nuovissimo computer portatile giravo per raccogliere informazioni, organizzarle e condividerle tramite dischetti. Nasceva il pacifismo digitale e, aggiungendo il modem, quelle informazioni potevano viaggiare lontano. Era un'idea di rete telematica mentre in tanti usavano il fax
    Alessandro Marescotti
  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021
    Editoriale
    Il nostro impegno dalla A alla Z

    Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021

    Dizionario delle azioni e delle campagne di informazione portate avanti da gennaio a dicembre. Decine di iniziative che hanno portato all'attenzione dell'opinione pubblica le tematiche importanti e scottanti del nostro tempo. Per combattere il male dell'indifferenza.
    20 dicembre 2021 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink oggi al TG3 Puglia
    Taranto Sociale
    Sulla vicenda ILVA

    PeaceLink oggi al TG3 Puglia

    Al centro una relazione di PeaceLink sui picchi di benzene nel quartiere Tamburi e la richiesta al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani di non concedere ad Acciaierie d'Italia ritmi di sfornamento più veloci per il carbon coke nello stabilimento siderurgico si Taranto.
    21 dicembre 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)