Processo Ilva

Taranto da ascoltare

Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto

Ascoltiamola questa città, seria, coraggiosa e competente, sempre più equilibrata di chi ha spacciato per razionale l'intollerabile (interviste di "RadioVera" del 4 giugno)
6 giugno 2021

Carla Luccarelli, Michele Riondino, Alessandro Marescotti, Francesco Casula, Rosa D'Amato, Valentina Petrini, Angelo Bonelli, Leonardo La Porta, Fracesco Rizzo (sostituito da Alessandro D'Amone) intervistati da Luciano Manna in "Maratona Ambiente Svenduto", Radio Vera 4 giugno 2021.

Ascoltiamola questa città, che nell'affrontare una delle più lunghe e amare storie di inquinamento, corruzione e indifferenza, si è dimostrata seria e tenace. Nessuno tace o dimentica le lacerazioni, spesso frutto di dolore abituato al silenzio, di anni di paure sul futuro, o di condizioni sociali complicate. Ma proprio per questo, il cammino fatto è ora scavato nella roccia.

La città, insieme a chi le è stata affianco, è stata più equilibrata di chi continua a spacciare per razionali scelte intollerabili, sotto il profilo umano e della "sostenibilità" legislativa e politica.

C'è un tessuto sociale che ha complessivamente retto nei suoi strati alle tensioni. Non sappiamo cosa sarebbe accaduto in una città diversa. Si può comunque parlare di un'esperienza per certi versi unica; migliaia di cittadini si sono mobilitati per la causa dell'ambiente e della vita, e tra loro ci sono molti giovani, lavoratori dell'ex Ilva, donne di tutte le età. Deve aver contato non poco poter fare riferimento a persone che hanno manifestato impegno e qualità eccezionali, in un circuito virtuoso che ha richiamato a sé altri cittadini con varie competenze e qualità, andati via da tempo o di altra provenienza.

Le 8 interviste di Luciano Manna, andate in onda dopo la sentenza della Corte d'Assise del 31 maggio 2021 su Radio Vera venerdì 4 giugno, sono tutte da ascoltare. Si esprimono valutazioni a caldo, sentimenti, si danno informazioni. E' un ascolto che rassicura per la sua limpidezza, distante dai toni di alcune dichiarazioni aprioristiche contro la sentenza, senza farci dimenticare il cammino difficile che ci aspetta.      

Ecco la registrazione delle interviste a Michele Riondino, Rosa D'Amato (minuto 23"), Alessandro Marescotti (37"), Carla Luccarelli (55"), Angelo Bonelli (1,05"), Francesco Casula (1,20"), Leonardo La Porta (1,28"), Alessandro D'Amone (1,47"): https://radiovera.org/2021/06/04/maratona-ambiente-svenduto-4-6-21/

Ascoltandola sulla piattaforma facebook, è possibile vedere alcune immagini:
 

Articoli correlati

  • Il benessere avvelenato del pianeta acciaio
    Cultura
    Il primo libro dopo la sentenza

    Il benessere avvelenato del pianeta acciaio

    Il libro "Ambiente Svenduto" di Angelo Carrieri, con prefazione di Pino Aprile, presenta la vicenda ILVA di Taranto partendo da una una attenta disamina di quanto già scritto e aggiungendo ciò che è stato acquisito con il processo e le condanne durissime inflitte ai Riva e ai politici coinvolti.
    12 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?
    Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)