Schede

Il 16 marzo in via Fani c'era un alto ufficiale collegato a Gladio

Gladio e il rapimento di Moro

La questione Gladio è probabilmente quella più scottante al centro della vicenda del rapimento di Moro
13 aprile 2020

Nel 1991 l’onorevole Luigi Cipriani, membro della Commissione stragi, raccolse la testimonianza di Pierluigi Ravasio, ex agente del Sismi ed ex appartenente a Gladio, essendo stato addestrato a Capo Marrargiu, il quale rivelò che un suo superiore, il colonnello del Sismi Camillo Guglielmi, la mattina del 16 marzo 1978, intorno alle ore 9, si trovava nei pressi di via Fani, dove fu organizzato l’agguato ad Aldo Moro. I magistrati militari Sergio Dini e Benedetto Roberti hanno rintracciato documenti comprovanti i legami del colonnello Guglielmi con il Sismi fin dagli anni 1972-1973, oltre al suo ruolo di istruttore in corsi speciali organizzati dal Sid, presso la base di Gladio a Capo Marrargiu. Dall’inchiesta dei due magistrati emerse altresì che Guglielmi si era recato in via Fani su richiesta del generale Pietro Musumeci, sulla base di una informazione fornita da un infiltrato dei servizi segreti nelle BR.

Fonte : Wikipedia e Stefano Grassi, Il caso Moro, Mondadori, 2008

La rilevanza del ruolo di Gladio nella ricostruzione del rapimento di Ando Moro sta:

A proposito della provenienza dei proiettili delle BR usati in via Fani, Luca Longo sul sito linkiesta.it scrive: "In via Fani vengono rinvenuti gli 89 bossoli dei brigatisti e i 2 esplosi in risposta dall’agente Iozzino, vengono uccisi tutti i membri della scorta ma Moro, al centro della strage, rimane illeso. Si scoprirà che le munizioni – con un trattamento superficiale protettivo e senza matricola – provengono da un arsenale militare come quelli in dotazione a Gladio: i “depositi Nasco”".

Che la questione Gladio fosse probabilmente quella più scottante al centro della vicenda del rapimento di Moro la sia evince dal datto che la mattina del 24 febbraio 1992 i magistrati Dini e Roberti, saliti nei loro uffici della Procura Militare di Padova, avevano trovato ad attenderli un maresciallo e due appuntati che dicono: «Siamo venuti a prendere il fascicolo su Gladio per portarlo a Roma».

Le tesi dei periti balistici è che in via Fani le Brigate rosse usarono proiettili provenienti dai "Nasco", ossia i nascondigli di Gladio. E un ufficiale di Gladio era presente in via Fani la mattina del rapimento di Aldo Moro: il colonnello Camillo Guglielmi.

Per il generale Inzerilli, durante il caso Moro, «Guglielmi abitava a Modena, e dirigeva i carabinieri di quella città». Non la pensa così il membro della Commissione, Gero Grassi: «Guglielmi abitava in via Stresa 117, nei pressi di via Fani, il suo nome è sull’elenco telefonico del tempo». Manipolazione

Articoli correlati

  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus
    Français PeaceLink
    Ce qui a été découvert et ce qui reste à découvrir

    Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus

    Alors qu'en 1978, les Brigades rouges avaient assassiné Aldo Moro, la mafia tue Peppino Impastato. Depuis ces événements, de nombreux détails et inconfortables vérités ont émergées
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Caso Moro
    Non è la piazza che accusa il palazzo, ma il palazzo che accusa sé stesso

    Il Memoriale Moro trovato nel covo di via Montenevoso a Milano

    A chiare lettere ci sono scritte cose terribili sulla storia italiana e sui segreti della DC. E noi sappiamo, e pur sapendo non facciamo niente e non ce ne importa niente. Sappiamo e continuiamo a vivere nella più totale e oscena indifferenza.
    Riccardo Lestini
  • Caso Moro
    Era il 1978 e Moro, prigioniero delle BR, scrisse un memoriale che i brigatisti non diffusero

    "Tutto verrà reso noto al popolo", ma non fu così

    Nel comunicato n. 1 i brigatisti parlano di un Tribunale del Popolo e che tutto quello che avrebbe detto Moro sarebbe stato "trattato pubblicamente". Nel comunicato n.5 i brigatisti annunciano che "tutto verrà reso noto al popolo e al movimento rivoluzionario"
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)