Alla vigilia della Festa della Repubblica i Toscani si ritrovano per le vie del centro di Firenze con una fiaccolata notturna per difendere le Costituzione.

2 giugno 2005
Tiziana Saracco

L’appuntamento organizzato dalla Cgil per la sera del 1° giugno ha visto confluire a Firenze cittadini da tutta la Toscana.
Tante fiaccole, bandiere rosse della Cgil e gonfaloni dei Comuni toscani hanno sfilato da Piazza Santissima Annunziata a Piazza della Signoria.
Le cifre riguardo ai partecipanti sono, come sempre, contraddittorie: 5 mila secondo la questura e 20 mila per il Segretario della Camera del lavoro Alessandro Gramolati .
Manifesto CGIL


Luciano Silvestri, Segretario Regionale della Cgil, dando inizio al comizio ha salutato la Piazza dicendo che non era scontata una tale partecipazione, anche se il Presidente della Regione Toscana, Claudio Martini, nel suo discorso, ha dichiarato di aver già notato la particolare sensibilità dei cittadini Toscani alla salvaguardia della Carta Costituzionale, durante la campagna elettorale per le regionali.
Inoltre in conclusione del comizio e della manifestazione ha aggiunto”Trovo disdicevole che nel 60° della Liberazione si facciano modifiche confuse che attentano a valori e principi fondamentali”. Il sindaco di Firenze, Leonardo Dominici, ha sottolineato, in relazione al primo articolo della Costituzione italiana (“L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.”), l’importanza del lavoratore fisso, in contrasto con la realtà attuale, nella quale predomina il lavoratore precario ed ha apprezzato e ringraziato il grande interesse dimostrato dai lavoratori toscani a difesa della Carta Costituzionale. La Fiaccolata è stata preceduta da una serie di iniziative, come la distribuzione a tutti i cittadini della Carta Costituzionale che i Consiglieri Comunali ritengono “Una guida sicura, per i valori di libertà, di pace, di giustizia e di solidarietà che esprime, ed è necessario che soprattutto i giovani la conoscano e ne approfondiscano il testo” ed il recapito di oltre 100 mila cartoline a Silvio Berlusconi “in modo che non abbia dubbi sulla contrarietà dei toscani sulla riforma della Costituzione”.
La campagna promossa dalla Cgil è volta a dare un segnale forte a difendere la Costituzione “seriamente minacciata – come sostiene la Confederazione – dall’approvazione in prima lettura della riforma voluta da Berlusconi e dalla sua maggioranza.”.

Note: Fonti:
www.cgil.it/firenze/2005/cgil4.htm
www.repubblica.it

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)