Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il caso Charlie Gard
    Una riflessione critica

    Il caso Charlie Gard

    Charlie Gard è un neonato di dieci mesi ricoverato a Londra per una rara malattia che, secondo i medici inglesi, non può esser curata. Su decisione della High Court britannica Charlie morirà perché qualsiasi altro tentativo di tenerlo in vita sarebbe puro accanimento terapeutico. Sono mamma di un bambino che è stato in una situazione simile. Gemello nato troppo piccolo, complicazioni estremamente gravi. Coma. Danni che sembravano irreparabili, medici che consigliavano per mesi di non alimentarlo più, tutti tranne una neonatologa che con me ci ha creduto, che ha sperimentato una cura assolutamente nuova e che reinventava ogni giorno seguendo un protocollo che non esisteva ancora.
    1 luglio 2017 - Antonia Battaglia
  • Ecodidattica Kids
    Scuola primaria

    Ecodidattica Kids

    Una versione per i più piccoli, molto orientata verso la dimensione laboratoriale del fare
    10 giugno 2016 - Alessandro Marescotti
  • Alice nel paese dei diritti
    GAIA, Periodico dell'Ecoistituto del Veneto "Alex Langer", propone la Recensione:

    Alice nel paese dei diritti

    Libro di MARIO LODI, DANIELE NOVARA, PIA VALENTINIS
    EDIZIONI SONDA, 2013
    6 novembre 2014 - Laura Tussi
  • Kika
    Un'emittente tedesca dedicata solo ai bambini

    Kika

    Mi auguro che un giorno la rivoluzione culturale che dovrà pur avvenire nel nostro Paese possa riguardare anche i bambini, esseri che hanno pur diritto alla cultura, all'informazione, a non esser rincretiniti da pubblicità oppressive di giocattoli e biscotti, atte a creare bisogni che non esistono
    15 settembre 2014 - Antonia Battaglia
A Gianluca erano state prescritte metanfetamine

Non etichettare tuo figlio: ascoltalo

L'associazione "Giù le Mani dai Bambini" ha supportato la famiglia nella battaglia per la libertà di scelta terapeutica, rifiuto degli psicofarmaci e ricerca di strade differenti per affrontare il disagio del piccolo. Ora Gianluca sta bene
Giacomo Alessandroni12 giugno 2008 - Giacomo Alessandroni

Per vedere questa pagina, hai bisogno dell'ultima versione di Adobe Flash Player. Clicca qui per scaricarlo

Il video parla da solo. È una storia di genitori testardi che non si sono fermati davanti alla scelta facile e - spesso - comoda propostagli dal neuropsichiatra: curare l'iperattività del figlio con metanfetamine [il farmaco si chiama Ritalin e lo produce la Novartis].

Quello che spesso non si dice è - diversamente da quanto richiesto nel test ADHD - che ci sono mille modi per gestire la vivacità di un figlio.

Ho - per gioco - fatto il test: mio figlio risulta iperattivo al 78%. Il punto è che le domande mi sembravano veramente ridicole: "suo figlio fa rumore mentre gioca?" "è disposto ad attendere il suo turno?" "parla troppo?" "interrompe la conversazione?".

Forse è grazie a considerazioni analoghe alle mi che il 30 ottobre 2007 la Regione Piemonte ha vietato il test ADHD nelle scuole della Regione: un esempio che lo Stato dovrebbe recepire. Speriamo ne abbia il coraggio.

Note:

Per sostenere le iniziative di Giù le Mani dai Bambini è possibile utilizzare una delle seguenti modalità:

- Conto Corrente Bancario - Codice IBan: IT 06Z 03268 01001 053859331540
intestato a Comitato GiùleManidaiBambnii ONLUS (Codice fiscale 9 765 008 001 9)

- Conto Corrente Postale - n. 67674515
intestato a Comitato GiùleManidaiBambnii ONLUS C.P. 589 - 10121 Torino

- Donazione online con carta di credito (con metodo di pagamento SecurPay di Banca Sella)

- Donazione online con Paypal

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)