Una proposta (una protesta!) originale e divertente. Per dire da che parte stiamo.

Mi vesto di arancione

Un appello di libertà lanciato da 100 donne e uomini su proposta di Daria Colombo e Roberto Vecchioni.
Io mi vesto di arancione. E tu?
9 luglio 2011

Arancione, perché no? E’ il colore che a Milano ha riunito moltitudini di cittadini nella speranza di un’amministrazione diversa e vicina alle loro necessità. E’ il colore della rivoluzione che in altri luoghi ha iniziato azioni di protesta civile e necessaria.

Come civile e (soprattutto) necessaria dovrebbe essere la protesta, anche qui nella nostra Italia cara!

Ed ecco allora la proposta, semplice e, chissà, pure entusiasmante. Avviata da 100 donne e uomini che in questa maniera intendono lanciare un appello di libertà.

Perché se sembra sempre che noi si sia già toccato il fondo, la fantasia perversa di chi ci sta al potere ce lo sposta ancor più in là…

Una maglietta, un nastrino da indossare in questi giorni. Qualcosa che mostri e dimostri da che parte stiamo.

 

Io mi vesto di arancione. E tu?

Note: Vedi su Articolo21.org: http://www.articolo21.org/3510/notizia/tutti-arancioni-per-mandare-a-casa-berlusconi.html
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)