Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Pescara. 30 militari in arrivo per rafforzare la vigilanza sulle strade

Meno Sociale=Più Penale

Il sindaco Mascia e l’Amministrazione Comunale, nel dare parere positivo alla proposta del Ministero, ci prospettano una città controllata manu militari: noi siamo convinti, sulla scorta di anni di lavoro, che il disagio sociale debba esprimersi e risolversi con la partecipazione attiva dei cittadini.
23 luglio 2011

città

La scelta dell’Amministrazione Comunale di accettare la proposta del Ministero degli Interni per il reclutamento di 30 militari per rafforzare la vigilanza dimostra, ancora una volta, il totale disinteresse per le problematiche sociali che la città di Pescara sta soffrendo.

Il sindaco Mascia e l’Amministrazione Comunale, nel dare parere positivo alla proposta del Ministero, ci prospettano una città controllata manu militari: noi siamo convinti, sulla scorta di anni di lavoro, che il disagio sociale debba esprimersi e risolversi con la partecipazione attiva dei cittadini.

Le nostre associazioni sono impegnate da anni nei territori cosiddetti “ai margini” offrendo, anche in forma volontaria, un’esperienza volta all’inclusione e all’ascolto delle cause di emarginazione e dei conflitti che vive la comunità.

Da anni chiediamo ai nostri amministratori di lavorare insieme a noi per la risoluzione dei tanti problemi derivanti dal disagio, contrastando le forme di criminalità con l’offerta di servizi integrati che favoriscano una maggiore assunzione di responsabilità da parte dei cittadini.

In questi ultimi mesi i nostri amministratori hanno contribuito a transennare e chiudere con cancelli quanto era, invece, da spalancare e rendere fruibile. In un territorio, com’è quello dei quartieri pescaresi, che ha bisogno di essere “in relazione”, si aprono strade per il traffico ma non per l’incontro; si fingono accoglienze ma si tolgono panchine; si spendono soldi per interventi culturali di élite ignorando le esigenze socio culturali dei giovani.

E’ attraverso la partecipazione attiva e non militarizzando che si pone fine a forme di controllo e atti di forza che trovano terreno fertile laddove la vita sociale è assente!

La mancanza di politiche sociali, che sta caratterizzando la prassi politica di questa Amministrazione, è la causa dell’arrendevole decisione di reclutare militari anziché concertare con le realtà sociali quegli interventi d’inclusione che potrebbero rendere la nostra città il luogo che la rete di associazioni di cittadini cerca di costruire da tempo.

Chiediamo al sindaco Luigi Albore Mascia e a tutta l’Amministrazione Comunale un incontro con le Associazioni per discutere sulle reali condizioni dei quartieri e sulla programmazione sociale urgente da attuare, per garantire la sicurezza di tutti i cittadini, emarginati compresi.

Cooperativa Sociale Pralipé
Consorzio Forcoop
Deposito dei Segni
Coop Sociale Horizon 2 Pescara
FaCeD - Famiglie contro l’Emarginazione e la Droga
Associazione FORM-ART
Pax Christi, Punto Pace di Pescara
PeaceLink Abruzzo
Ass. Antimafia Rita Atria
Federazione Romanì
RomSinti@Politica
Coop. Strada Facendo
Associazione Kabawil
Abruzzo Social Forum
Asinichevolano -Ass. di promozione sociale

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)