Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Poteri e mafie in Francia. La morte misteriosa di Nicolas Giudici

13 settembre 2012 - Bruna Iacopino
Fonte: Articolo 21

Un caso sconvolgente e tuttavia taciuto in Francia da oltre undici anni. Nicolas Giudici, saggista e giornalista corso, indaga su un affare di corruzione e di vizi inconfessabili a Nizza e nella Costa Azzurra. Questo affare, noto come caso Kamal, ha suscitato uno vero e proprio scandalo internazionale e ha provocato forti tensioni tra la Giustizia francese, finita nell’occhio del ciclone, e quella degli Stati Uniti. Pochi giorni prima della pubblicazione di questo libro-denuncia, presso la casa editrice Grasset di Parigi, Giudici viene ucciso misteriosamente. Subentra quindi un fitto silenzio, che con il trascorrere degli anni assume i toni di un segreto di Stato. Il libro, Viol judiciaire, che doveva andare in stampa sotto forma di memoriale di un protagonista, Karim Kamal, amico da lunga data di Giudici, non viene più pubblicato, né in Francia né altrove. Finisce semplicemente nel nulla. Il magistrato che istruisce il procedimento imbocca sin da subito la pista del delitto privato. L’assassino viene individuato in un balordo, che sin da subito si dice e continuerà a dirsi estraneo al delitto. Si tratta di Didier Sialelli, un giovane teppista dell’Alta Corsica, che va incontro a uno strano e tragico destino: scarcerato prima che si celebrasse il processo, appena due mesi dopo è ucciso a sua volta, facendo cadere una pietra tombale sul caso Giudici. Anche la morte di Sialelli finisce poi nel nulla. Foto di Nicolas Giudici

Carlo Ruta ha scoperto il caso, lo ha investigato, ha raccolto testimonianze e indizi che consentono di estrapolare una chiave di lettura, apportando elementi nuovi alla ricerca delle possibili responsabilità. Ne ha tratto un libro d’inchiesta, dal 27 settembre 2012 nelle librerie italiane. S’intitola Il caso Giudici. Nicolas Giudici: la misteriosa morte del giornalista che indagò i poteri forti di Francia, ed è pubblicato da Alpine Studio di Lecco, nella collana di libri d’inchiesta “A Voce Alta”. Lo storico e giornalista siciliano non si limita a narrare il mistero di questa uccisione. Spiega il lavoro antropologico e sociologico che Nicolas Giudici ha fatto sulla Corsica e sul Mediterraneo. Anche questo impegno del resto, pur tenuto in alta considerazione nell’università della Corsica e in altre francesi, è oggetto curiose rimozioni. Il saggista corso nei mesi prima dell’uccisione stava lavorando a diverse opere, di cui una aveva per oggetto il nazionalismo in Europa. Era il periodo della guerra in Kossovo. E anche questo lavoro, presente nell’hard-disk del computer di Giudici, che è stato sequestrato a Cannes dagli investigatori, è finito nel nulla. Cosa è allora il caso Giudici, realmente? Qualcuno ha voluto l’assassinio del giornalista?

Sullo sfondo di questa storia, complessa e stupefacente, il rapporto travagliato tra la Corsica e la Francia, le motivazioni e le derive del nazionalismo, la corruzione degli uffici pubblici nel Mezzogiorno del Paese, le collusioni della politica. Nell’ultimo capitolo, un’ampia conversazione dell’autore con Jean-François Gayraud, analista di geopolitica dei fenomeni criminali.

 

Carlo Ruta, "Il caso Giudici. Nicolas Giudici: la misteriosa morte del giornalista che indagò sui poteri forti di Francia", Alpine Studio, Lecco, pp. 130, euro 10,00.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)