Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

  • Presidente, da Lei attendiamo un segnale
    Lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

    Presidente, da Lei attendiamo un segnale

    Le Sue parole ci fanno ben sperare su un Suo concreto impegno, a livello personale e politico. Abbiamo bisogno di un esempio forte e coraggioso, che sia di monito a tutto il mondo della politica e a tutta la società civile. A tal proposito volevamo ricordarLe quanto è accaduto in Uruguay con il presidente Josè Mujica che, accettando l'incarico presidenziale, ha rinunciato al 90% del suo stipendio.
    3 febbraio 2015 - Chiara Mastroserio e Maria Teresa Tarallo
  • Cento passi

    10 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • "La Vita contro il Profitto"
    Stiamo giocando la partita de

    "La Vita contro il Profitto"

    La tutela della proprietà intellettuale delle aziende farmaceutiche mette a rischio la ricerca scientifica e le conseguenze sono state tragiche in tutto il mondo. Il profitto è diventato più importante della stessa vita umana
    15 maggio 2013 - Joseph Stiglitz
  • La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava
    Selex ES mette in mobilità volontaria per 580 dipendenti

    La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava

    l'industria della difesa "non è un settore industriale come gli altri. La sua natura strategica la rende un caso speciale”
    23 febbraio 2013 - Rossana De Simone
E' stata lanciata una petizione

Cittadini liberi e attivi contro la corruzione

Proposta di legge di Libera e CittadinanzAttiva contro la corruzione
11 agosto 2004 - Alessio Di Florio

Nel 1995, subito dopo la sua fondazione, Libera si impegnava in una grande campagna di civiltà. Con una petizione si chiedeva l'approvazione di una legge che decidesse di confiscare i beni di provenienza illecita, sia mafiosa che da corruzione, e venissero resistuiti alla collettività. L'impegno dell'associazione fondata da don Luigi Ciotti sfociava e veniva premiato con la legge 109/96. Ma durante l'iter legis una parte della proposta venne stralciata. La legge definitiva si riferiva ai soli mafiosi, togliendo qualsiasi riferimento a fenomeni di corruzione. In seguito a questa legge Libera ha dato vita al Consorzio Libera Terra- Cooperativa Placido Rizzotto. Nei terreni confiscati alla mafia la cooperativa ha portato avanti progetti di coltivazione biologica. La pasta di Libera è diventata negli anni il simbolo della Sicilia che rinasce, ed ha scavalcato i confini nazionali. Ma la pasta è solo uno degli esempi dei prodotti della cooperativa, che produce anche altri prodotti biologici nei terreni che le sono stati affidati. I benefici della legge 109/96 sono ormai sotto gli occhi di tutti. Terreni e proprietà, prima simbolo del giogo mafioso, sono stati liberati e restituiti alla collettività. Oggi quelle proprietà dimostrano che esiste per la Sicilia un futuro migliore, senza la presenza della mafia. Stimolati dai successi ottenuti don Ciotti e Libera sono tornati alla carica. Nel 2002 insieme ad Arci e Avviso Pubblico presentavano una petizione ai presidenti delle Camere per includere tra i soggetti della legge 109/96 anche i colpevoli di corruzione(e concussione). Ma anche questa volta ciò non è avvenuto. Per questo insieme a CittadinanzAttiva Libera si rivolge direttamente ai cittadini italiani. Per questo nei mesi scorsi ha lanciato una petizione popolare per fare pressione sui parlamentari affinché la legge 109/96 venga modificata. Troppo spesso si vedono processi per corruzione in cui assistiamo alla beffa dei beni frutto di illecito rimanere nelle mani dei colpevoli. Corruzione che, a detta della Corte dei Conti e di un'indagine di Confesercenti, è addirittura aumentata. Per questo è necessaria ancora una volta una rivolta morale contro questa tremenda piaga di illegalità. Ancora una volta i cittadini sono chiamati a sostenere una lotta democratica e giusta contro la corruzione. Abbiamo visto in questi anni i benefici della legge sui beni dei mafiosi. Tantissime associazioni di volontariato, cooperative sociali e comunità di recupero ne hanno potuto beneficiare. Questi beni non solo sono stati sottratti all'illegalità, ma sono anche diventati teatro di iniziative sociali, con grandi e benefiche ricadute sulla collettività. Per questo la petizione di Libera e CittadinanzAttiva vuole la sua estensione ai reati di corruzione.

Note:

Per firmare la petizione sul sito di CittadinanzAttiva è stata realizzata una form apposita. http://www.cittadinanzattiva.it/form_legge_corruzione.php?idp

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)