Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio
  • Cento passi

    10 maggio 2014 - Lidia Giannotti
Mancata perquisizione del covo di Riina. Il processo si farà.

Si proceda

Nonostante il parere contrario del pm Ingroia il gip ha deciso che il processo contro chi arrestò Riina va celebrato
18 febbraio 2005 - Alessio Di Florio

"La burokrazia è il fronte interno della lotta alla mafia". Con queste parole il Capitano Ultimo si riferiva alle connivenze, ai patti scellerati, alle ambiguità col potere mafioso che vivono all'interno delle istituzioni. Dodici anni fa, il 15 gennaio 1993, Ultimo e la sua squadra, il CRIMOR, ponevano fine al terrorismo stragista di Salvatore Riina. Dopo le stragi e gli attentati dell'anno precedente fu una straordinaria vittoria nella lotta alla mafia. La speranza martoriata e massacrata sull'asfalto di Capaci e nella Via d'Amelio sventrata, rifioriva. Parafrasando una frase cara propria al Capitano, la primavera non era stata fermata. Ma per lui e il CRIMOR non arrivarono gloria e onori, decorazioni e complimenti. Perché la burokrazia implacabile si mise in moto.
Ostacolato ed intralciato, il CRIMOR si dovette sciogliere quattro anni dopo. L'egemonia del palazzo, il grigiore dei burokrati decise di stroncare il sogno degli ultimi. Ma non finì qui.
Perché il palazzo negli ultimi mesi è tornato ad occuparsi di quel sogno. Il dossier sul sito http://www.capitanoultimo.it , "il Mistero dei Misteri", parla da solo. L'accusa lanciata al Capitano e al generale Mario Mori di favoreggiamento mafioso, in merito alla mancata perquisizione del covo di Riina, nasce da una dichiarazione spontanea dello stesso Riina e da un'indagine giornalistica. Il caso, esploso nuovamente qualche mese fa, è giunto alla Procura di Palermo. Il pm competente, Antonio Ingroia, l'ultimo allievo di Paolo Borsellino. Ingroia, che da anni si occupa di lotta alla mafia, ha studiato il caso. E poche settimane fa ha formulato la richiesta di archiviazione. Chiunque a questo punto penserebbe che la vicenda sia conclusa, considerando che persino chi dovrebbe rappresentare "la pubblica accusa" l'ha dichiarata infondata. E invece no! Colpo di scena! Il solerte gip ha deciso comunque di portare in tribunale Ultimo e Mori. Nonostante tutto vuole andare avanti.
E in tutto questo l'assordante silenzio delle istituzioni.
Nelle ultime settimane abbiamo assistito a linciaggi mediatici, a manifestazioni di piazza contro i giudici. Persone delle istituzioni hanno scatenato campagne mediatiche nei confronti della magistratura, per difendere campagne xenofobe e razziste d'odio. In tante, troppe occasioni, abbiamo sentito dal palazzo gridare allo scandalo, alle sentenze abnormi.
Oggi nulla. Nessuno si è degnato di una parola, di un sospiro.
Non chiediamo demagogici populismi incivili, non ci interessano. Crediamo nella legalità e nella giustizia.
Ma il silenzio su una vicenda, la lotta alla mafia, che è parte integrante della Storia del nostro Paese, ci stupisce.
Dopo gli scontri alle manifestazioni anti-G8 di Genova l'Italia fu tappezzata di manifesti. CON LE FORZE DELL'ORDINE, SEMPRE vi campeggiava a lettere cubitali. Chi lo ha prodotto occupava posti importanti del palazzo. Li occupa tutt'ora. Ma ha deciso di non tener fede a quell'impegno. Palermo non è Genova, difendere gli accusati di abusi su manifestanti inermi non è come esprimere solidarietà a chi arrestò Riina.
Ah, ma dimenticavo!! Non si deve parlare di mafia, rovina l'immagine della Sicilia, che non è solo mafia. E' anche tantissimo altro, non bisogna parlare di mafia ...

Note:

http://www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=52449

Un approfondimento della vicenda da parte di Antimafia 2000:
http://lists.peacelink.it/mafia/msg00101.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)