Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Una lettera al Presidente della Regione Puglia

Caro Nichi Vendola, ti esprimiamo la nostra preoccupata contrarietà ai dragaggi

Sul Mar Piccolo di Taranto si gioca una partita che poco ha a che fare con l'ecologia. E' soprattutto una partita economica. Ed è un favore alla Marina Militare che avrà un maggiore pescaggio per navi e sottomarini. Chi sta dettando le linee guida della Regione Puglia sulla controversa questione?
29 dicembre 2005

Al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola

Caro Presidente,
da quanto apprendiamo per vie informali la Regione Puglia sembra essere favorevole ai dragaggi nel Mar Piccolo di Taranto.

Francamente non comprendiamo chi in questo momento stia dettando le linee guida della Regione Puglia sulla controversa questione dei dragaggi.

Ti ribadiamo la nostra preoccupata contrarietà a tali dragaggi.

Scienziati, ambientalisti e operatori del settore sono concordi con noi sul fatto che i dragaggi riporterebbero in sospensione i pericolosi inquinanti che attualmente giacciono in forma insolubile nei fondali. Dopo aver analizzato il problema, sulla scorta dei pareri di autorevoli esperti in materia, ci siamo persuasi del fatto che l'intervento migliorativo stia nel censimento e nella rimozione delle fonti inquinanti che costantemente degradano l'ecosistema del Mar Piccolo. Viceversa i dragaggi avrebbero effetti devastanti e imprevedibili anche con un monitoraggio in corso d'opera. Anche a La Spezia le associazioni ambientaliste si sono opposte ai dragaggi.

A Taranto l'entità del progetto, gli interessi economici in gioco e le informazioni di cui siamo entrati in possesso ci spingono a ritenere che intorno a quello che viene presentato come un intervento di tutela ambientale si muovano in realtà ben altre intenzioni. Noi riteniamo che ogni intervento nel Mar Piccolo di Taranto debba rispondere all'interesse generale e non ad interessi particolari di carattere economico e privatistico.

Siamo altresì preoccupati nel constatare che autorevoli funzionari, come il dott. Luca Limongelli dirigente dell'Assessorato all'Ecologia della Regione Puglia, sembrino sostenere il progetto di dragaggio minimizzandone i gravi e documentati rischi.

Ti chiediamo l'accantonamento del progetto dei dragaggi e la riscrittura del bando affinché si proceda ad una reale messa in sicurezza di emergenza del Mar Piccolo mediante una efficace individuazione ed eliminazione delle fonti che lo inquinano quotidianamente. Perché il principale inquinamento sta negli scarichi e non dai fondali, se essi non vengono smossi.

Te lo chiediamo in sintonia con quei principi di partecipazione e di esercizio della cittadinanza attiva a cui ti ispiri.

In attesa di una risposta ti auguriamo buon lavoro e buon 2006.

Carlo Gubitosa - segretario di PeaceLink - c.gubitosa@peacelink.it
Alessandro Marescotti - presidente di PeaceLink - a.marescotti@peacelink.it

Articoli correlati

  • Dragaggi, rivediamo la normativa
    Taranto Sociale

    Dragaggi, rivediamo la normativa

    Il sindaco Stefàno scrive ai ministri all’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e delle Infrastrutture, Altero Matteoli, per rilanciare lo sviluppo del porto di Taranto. «La centralità e la strategicità del porto di Taranto nel complessivo sistema portuale sono fattori pienamente riconosciuti. Va sbloccata una situazione legislativa che, così come pensata, non rende giustizia alla voglia di riscatto e alla necessità di crescita e di sviluppo economico dell’intero sistema portuale»
    19 settembre 2008
  • Dragaggi al Porto, ancora tutto fermo
    Taranto Sociale

    Dragaggi al Porto, ancora tutto fermo

    Ieri mattina il convegno della Società di chimica italiana. L’attribuzione degli agenti inquinanti alle fonti di emissione. E’ questa la nuova frontiera della lotta all’inquinamento, annunciata dal direttore generale dell’Arpa Puglia, Giorgio Assennato. E’ fondato il timore che la lobby delle discariche sia in agguato per accaparrarsi milioni di metri cubi di sedimenti.
    19 marzo 2008 - Michele Tursi
  • «Ministero e Regione insieme per un accordo sull'AIA ILVA»
    Taranto Sociale

    «Ministero e Regione insieme per un accordo sull'AIA ILVA»

    Pecoraro Scanio ieri a Palazzo di Città. «Le nuove norme sui lavori nelle aree portuali in un decreto che sarà pronto in questo mese». E sull’Ilva il ministro dice: Regione coinvolta per un accordo sull’Autorizzazione integrata ambientale. L’Aia consentirà di tutelare la salute dei cittadini e di rispettare le norme europee. Pecoraro Scanio chiede l’accordo di programma. Dragaggi al porto, nel mese il decreto che li sblocca
    2 marzo 2008 - Domenico Palmiotti
  • Dragaggi, pressing sul ministro
    Taranto Sociale
    Vico vs Pecoraro Scanio, sollecitiamo l’emanazione del decreto attuativo

    Dragaggi, pressing sul ministro

    La vicenda dei dragaggi al porto di nuovo all’attenzione del ministro per l’ambiente. Dopo le polemiche di questi giorni, ad incalzare Pecoraro Scanio è l’onorevole Ludovico Vico. Il parlamentare ionico ripercorre tutto il procedimento legislativo sulle operazioni di dragaggio
    23 febbraio 2008
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)