Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Via libera in Puglia al distretto dell´energia

Nascerà in Puglia il primo distretto italiano dell´energia. Coordinato dall´università di Lecce, sarà istituito entro agosto. Frisullo: "Puntiamo a produrre componenti per le rinnovabili".
18 giugno 2008
Fonte: Repubblica

Energie Rinnovabili Nascerà in Puglia il primo distretto italiano dell´energia. Un progetto presentato ieri all´assessorato regionale alle Attività produttive che si avvale della collaborazione di numerosi enti di ricerca e università e che avrà l´obiettivo di completare la filiera dell´energia: non più soltanto impianti, ma anche tecnologia e know-how per fornire anche ai più tradizionali settori produttivi pugliesi una marcia in più.

Il distretto tecnologico dell´energia sarà istituito entro agosto e sarà il quarto distretto creato in Puglia dopo il Dhitech (distretto dell´alta tecnologia) di Lecce, il distretto della Meccatronica di Bari e il Dare (per l´agroalimentare) di Foggia. Coordinato dall´università di Lecce, il nuovo progetto non avrà una sede stabile, ma svolgerà la sua attività di ricerca usufruendo delle strutture dei numerosi enti (dal Cnr all´Enea, dal Politecnico di Milano a quello di Torino e non solo) per realizzare sette linee di studio. Sui sistemi di riduzione e riutilizzo dell´anidride carbonica, sulle tecnologie smart, sui sistemi innovativi per generare energia elettrica da solare, eolico, biomasse, idrogeno e fonte geotermica profonda.

L´obiettivo ultimo è coinvolgere imprese private e nuovi capitali per investire in un settore in cui la Puglia già primeggia a livello nazionale. La produzione di energia in Puglia è infatti pari al dieci per cento dell´intero patrimonio nazionale: due volte il fabbisogno locale.

Negli ultimi anni la Regione ha investito nel settore oltre 38 milioni di euro e dal 2004 a oggi sono state 614 le istanze per la realizzazione di nuovi impianti produttivi (dal solare all´eolico) per una potenza complessiva superiore ai 22 mila megawatt. "La nostra non deve essere solo una regione in cui si produce energia - spiega l´assessore regionale alle Attività produttive, Sandro Frisullo - ma anche una regione in cui l´energia si studi e si possa qui sviluppare anche la produzione di componentistica per le energie rinnovabili". Il distretto tecnologico dell´energia sarà dunque lo strumento che permetterà alla Puglia di essere leader non solo nella produzione, ma anche nell´impiantistica.

Articoli correlati

  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)