Europace

Dal sito

  • Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Svolta storica nel diritto internazionale

    Da oggi le armi nucleari diventano illegali

    Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
    22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Un evento online promosso da Abolition 2000

    All’entrata in vigore del TPAN, ricordando la prima Risoluzione delle N.U.

    Ecco dei giorni che sembrano incastrarsi in un incrocio di eventi e di opportunità per l’obiettivo del disarmo atomico. Il nuovo Presidente U.S.A. Biden. Il TPNW. E il 75° anniversario della Risoluzione 1 (1) delle Nazioni Unite
    21 gennaio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi

L’Europa del Trattato. E l’Europa dei cittadini

Commento sul voto referendario in Irlanda
7 luglio 2008 - Fabrizio Tarantino

Commenti

Re: Europa sì, Europa no

Fab T. - 18 luglio 2008
Gentile Paolo,

sono l’autore dell’articolo e ti ringrazio per l’interesse che manifesti.

Naturalmente, un singolo pezzo non pretende di essere esaustivo e non può entrare nel merito di ogni possibile analisi. Le tue osservazioni, ad ogni modo gradite, ricalcano esattamente le questioni che avevo messo in evidenza.

Per convenzione e necessità di semplificazione giornalistica, s’intende con “Trattato di Lisbona” il complesso documentale che comprende il Trattato sull’Unione Europea, il Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, la Carta dei diritti fondamentali dell’Ue e i protocolli aggiuntivi. L’insieme di tali testi è inevitabilmente percepito come complesso e di difficile lettura. E’ chiaro che se prendessimo in considerazione solo alcuni articoli potremmo darne una visione più semplice, ma la ratifica riguarda l’insieme, il tutto e tiene conto anche del Trattato di funzionamento dell’Ue con uguale dignità. La stessa Carta dei diritti contiene una serie di rimandi e aggiunte protocollari che ne fanno un testo più complesso (e contestato proprio in alcuni punti per alcuni meno evidenti) di quanto potremmo far sembrare in apparenza. Per completezza e imparzialità, tutto dovrebbe essere il più possibile portato a conoscenza. Sta all’Ue trovare le forme di comunicazione, diffusione e partecipazione più adatte allo scopo.

Per quanto riguarda la modalità di ratifica, è mio parere debba essere parificata per tutti i 27 Paesi; via parlamentare o referendaria, per tutti. Un sistema con eccezioni si rende meno omogeneo e paritetico e perde di credibilità. Siamo d’accordo sul fatto che il criterio dell’unanimità, in un’Unione di ben 27 paesi, sia in un certo senso utopistico ed è anche nel tentativo di superare questo sistema frenante che le istituzioni hanno spinto per una ratifica per via parlamentare, cercando di evitare i referendum. Tra l’altro non sono pochi i Paesi che approvano il “Trattato” senza averne fatto una seria riflessione, poiché si è arrivati ad un movimento di pressione con scadenza marzo-giugno 2009.

Nel mio articolo ho messo in evidenza la forzatura e l’inopportuno criterio dell’unanimità, l’ovvia consapevolezza che non si sarebbe potuto elaborare un piano B e non se ne aveva la volontà stessa, la percezione dei cittadini della lontananza da sé dell’Europa “altra”.

Ti ringrazio per le osservazioni ma, nel merito, sono già presenti nell’articolo; con parole diverse forse ma con sostanza, lo s’intuisce, identica.



    Dal sito

    • Latina
      Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

      Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

      Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
      22 gennaio 2021 - David Lifodi
    • Latina
      Honduras

      Grave regressione dei diritti delle donne

      Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
      22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
    • Editoriale
      Svolta storica nel diritto internazionale

      Da oggi le armi nucleari diventano illegali

      Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
      22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
    • Disarmo
      Un evento online promosso da Abolition 2000

      All’entrata in vigore del TPAN, ricordando la prima Risoluzione delle N.U.

      Ecco dei giorni che sembrano incastrarsi in un incrocio di eventi e di opportunità per l’obiettivo del disarmo atomico. Il nuovo Presidente U.S.A. Biden. Il TPNW. E il 75° anniversario della Risoluzione 1 (1) delle Nazioni Unite
      21 gennaio 2021 - Roberto Del Bianco
    • Disarmo
      Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

      Nucleare civile e militare: una bomba!

      Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
      17 gennaio 2021 - Laura Tussi
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)