Voltana

Ho raccontato la corsa a perdifiato di mio padre per sfuggire ai tedeschi

Il ricordo più bello di quest'anno scolastico

Una mamma mi ha fermato per dirmi che quella storia non l'avrebbe mai dimenticata e che suo figlio gliel'aveva raccontata. Vorrei una scuola così, che lasci un ricordo e storie da custodire, perché la vita, anche in classe, può diventare bella, indimenticabile e commovente.
31 maggio 2020

Il ricordo più bello di quest'anno scolastico?

E' il giorno in cui mi ha fermato per la strada la mamma di uno studente. Voleva dirmela quella cosa. E cioè che suo figlio non avrebbe scordato la testimonianza nel Giorno della Memoria. Il giorno della Memoria infatti avevo raccontato nell'aula magna la fuga di mio padre. Una fuga disperata e a perdifiato, per scappare. Era stato catturato a Cremona dai tedeschi, ma non voleva finire nel campo di concentramento. Quel giorno dissi ai ragazzi: "Non sarei forse qui fra voi se mio padre quel giorno non fosse riuscito a scappare".

In quei minuti pensai che fosse giusto ricordare la fuga dell’8 settembre 1943, quando venne arrestato dai tedeschi per essere deportato in Germania.

Quella mamma aveva ricevuto dal figlio una storia, attraverso un passaparola che raramente si innesca nella vita della scuola, se non per cose curiose o buffe.

Sul momento, lì per la strada, non avevo realizzato cosa avessi detto di così importante, non me le ricordavo neppure le parole che avevo usato. Poi piano piano ho focalizzato, era passato del tempo. Quel momento aveva avuto molta attenzione, si era creato il silenzio. E ho capito meglio quanto è importante la narrazione delle storie a scuola.

Mi piace questa scuola che ci lascia dei bei ricordi.

La scuola per me è questa dimensione emozionale della vita, e mal si concilia con i voti che pur devo mettere, con questa esibizione del mio potere di assegnare un numero da cui far nascere tristezze o sorrisi. Come odio dare i voti! E che mal di pancia mi fanno venire! La scelta di un voto mi gira dentro come un rospo ingoiato vivo.

Io non voglio che i miei studenti mi ricordino per i voti, non voglio che studino per un voto, vorrei che lo facessero perché mi vogliono bene, perché magari mi stimano anche, perché le cose le sentono importanti per sé, perché la scuola può diventare bella, indimenticabile e commovente. Un papavero rosso

Note: Dedicato a mio padre, scomparso il 31 maggio 2017, esattamente tre anni fa.

Articoli correlati

  • Dare l'esempio
    Laboratorio di scrittura
    Ripensando a mio padre

    Dare l'esempio

    Facendo un primo bilancio della mia vita, devo realisticamente prendere atto di ciò che si è potuto fare e di ciò che non si è fatto. Di ciò che posso fare e di ciò che non posso. E allora unica mia occasione di cambiamento reale, possibile, direi pure certa, è quella di dare l'esempio.
    10 aprile 2020 - Alessandro Marescotti
  • Gli ideali della Resistenza oggi
    Pace
    Taranto, 24 aprile

    Gli ideali della Resistenza oggi

    Verrà presentato il libro "Li incontrerai sugli alberi in primavera". Il libro è a cura dell'Archivio Luciano Marescotti
    19 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
  • "L'amore è un valore rivoluzionario"
    Voltana
    Una testimonianza umana

    "L'amore è un valore rivoluzionario"

    Luciano Marescotti ha partecipato alla Resistenza. Nel suo processo di formazione personale ha definito l'amore come un "valore rivoluzionario" capace "forse" di salvare l'umanità dalla barbarie
    1 aprile 2018 - Archivio Luciano Marescotti
  • Presentazione del libro "Li incontrerete sugli alberi in primavera"
    Voltana
    Archivio Luciano Marescotti, iniziativa del 24 aprile 2018

    Presentazione del libro "Li incontrerete sugli alberi in primavera"

    Per condividere la memoria di chi ha saputo resistere al nazifascismo
    1 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)