PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • L’uomo che ha umiliato la Chevron
    Una storia esemplare

    L’uomo che ha umiliato la Chevron

    L’avvocato ecuadoriano Pablo Fajardo ha ottenuto contro il gigante del petrolio il più grande risarcimento della storia per disastro ambientale
    16 ottobre 2013 - Pablo Ximénez de Sandoval
  • Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador
    Quando la mucca da mungere si ribella

    Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador

    L'Ecuador sta raccogliendo la documentazione da presentare alla fine dell'anno davanti alla Corte dell'Aia. È stato stabilito il danno al delicato ecosistema amazzonico a cominciare dallo sversamento di 680.000 barili di greggio nei fiumi, flora e fauna delle province amazzoniche. Lo sfruttamento di questi pozzi è stato effettuato senza alcuna protezione nei riguardi dell'ambiente circostante. La popolazione delle province di Orellana e Sucumbios ha una percentuale di malati di cancro tre volte superiore agli abitanti del resto del paese. Ci sono più di 80.000 analisi che rilevano l'esistenza di prodotti tossici nel suolo e nell'acqua risultanti dalla contaminazione di acqua tossica proveniente dall'estrazione del petrolio.
    9 ottobre 2013 - Luis Padilla en Mié
  • Il PEE ILVA non ci lascia tranquilli!

    Le osservazioni di Peacelink al Piano di Emergenza Esterno dell'ILVA

    Il PEE predisposto per l'ILVA suscita molti dubbi in quanto risulta privo di un'analisi storica delle situazioni di incidenti accadute negli anni passati ed elaborato distinguendo nettamente tra quanto può avvenire all'interno dello stabilimento e le possibili conseguenze esterne.
    Inoltre il documento proposto dalla Prefettura non tiene in alcun conto alcune osservazioni già presentate per l'analogo documento dell'ENI.
    26 agosto 2013 - Fabio Petrosillo
Tutto fermo fino a fine anno

Una moratoria per il centro oli in Abruzzo

La Regione ha approvato un disegno di legge grazie al quale fino al 31 dicembre 2008 non si potranno costruire industrie insalubri, al fine di garantire la conservazione dello stato dei luoghi nel tratto di costa tra Francavilla e San Salvo
7 marzo 2008 - Maurita Cardone
Fonte: La Nuova Ecologia

- Tutto fermo fino a fine anno per il centro oli sulla costa teatina. Dopo un acceso Consiglio Regionale circondato dalle proteste degli agricoltori e degli abitanti della zona, la Regione ha approvato un disegno di legge in virtù del quale fino al 31 dicembre 2008 non si potranno costruire industrie insalubri, al fine di garantire la conservazione dello stato dei luoghi nel tratto di costa tra Francavilla e San Salvo.

Un sub-emendamento sottolinea inoltre che, a tutela dell'immagine, della qualità e della salubrità delle produzioni vitivinicole, olivicole e frutticole di pregio, la Regione controllerà le variazioni delle caratteristiche biochimiche di aria, acqua e suolo. Provvedimenti che evidenziano le preoccupazioni di una regione che nell'ultimo anno ha scoperchiato il vaso di pandora dei problemi ambientali e che ora guarda con apprensione al futuro.

Tuttavia non c'è piena soddisfazione nel fronte del no, che reclama posizioni più decise e un blocco definitivo. Neppure le voci secondo le quali in caso di cancellazione del progetto l'Eni chiederebbe un risarcimento di 7 milioni di euro frenano la verve polemica di chi questa centrale non la vuole e basta. Di certo c'è che la decisione del Consiglio regionale va verso il superamento della fase del petrolio, così come già dichiarato dai consiglieri in una precedente seduta.

Il Consiglio è infatti compatto nella propria contrarietà al centro e il disegno di legge è stato votato da entrambi gli schieramenti. Ad essere ancora favorevole è soltanto il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco il quale però, per ora, non può che incassare il colpo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy