Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Lo scioglimento dei ghiacci artici sta causando il rilascio di tossine nocive nell'ambiente.
    Allarme inquinamento nelle zone artiche

    Lo scioglimento dei ghiacci artici sta causando il rilascio di tossine nocive nell'ambiente.

    Quantità sconosciute di agenti inquinanti organici non smaltiti, intrappolati nei ghiacci artici, stanno costituendo una nuova minaccia per la vita marina e la vita umana via via che la temperatura globale si innalza.
    18 ottobre 2011 - Damian Carrington, The Guardian
  • Qualità dell'aria: rispondi alle 10 domande della Commissione per cambiare la Direttiva Europea
    E' importante prendere confidenza con le istituzioni europee

    Qualità dell'aria: rispondi alle 10 domande della Commissione per cambiare la Direttiva Europea

    La consultazione pubblica termina il 15 ottobre. Il questionario è destinato a semplici cittadini ed è facile da compilare. Naturalmente è in inglese, ma basta superare il disagio delle prime volte
    14 ottobre 2011 - associazione PeaceLink
  • I veleni dentro l'auto
    Un consiglio pratico: evitate di tenere i bambini per troppo tempo dentro le auto. Se potete scegliete la bicicletta

    I veleni dentro l'auto

    Un problema non affrontato è quello dell'infiltrazione degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) dentro l'abitacolo. Praticamente l'auto inquina il suo stesso abitacolo che dimostra di non essere sufficientemente protetto. Gli IPA sono cancerogeni e contengono sostanze genotossiche come il benzo(a)pirene che possono essere particolarmente pericolose per le donne in stato di gravidanza. Vi possono essere errori di progettazione delle case automobilistiche e non vi sono attualmente norme per verificare la presenza di alte concentrazioni di IPA negli abitacoli delle auto.
    20 maggio 2011 - Alessandro Marescotti
  • Tutela penale e ambiente: solo quindici minuti da dedicare alla direttiva europea 2008/99/CE
    L'Europa chiede sanzioni "efficaci, proporzionate e dissuasive" ma il governo prevede un'ammenda che può arrivare "al massimo" a 150 mila euro

    Tutela penale e ambiente: solo quindici minuti da dedicare alla direttiva europea 2008/99/CE

    Nel paese delle ecomafie e dei grandi porti l’attenzione dovrebbe essere massima. Invece ci si è ridotti agli ultimi giorni, con una direttiva tenuta nel cassetto e lontana dai riflettori dei media. Mercoledì prossimo nelle Commissioni Ambiente si avranno pochi minuti per formulare un parere sulle norme preparate dal governo e trasmesse l'8 aprile alle Camere.
    15 maggio 2011 - Lidia Giannotti

Tornano i fermenti del termovalorizzatore in provincia di Matera

L’idea di praticare la via del termodistruttore è inaccettabile e perdente non solo perché non si giustifica nel ciclo dei rifiuti ma anche e soprattutto perché in questa regione non si è fatto quasi nulla...
9 ottobre 2008 - Forum Ambientalista Nazionale

fumi in valbasento Davvero non si ha pace in questo territorio. Sembra che il destino cinico e baro abbia decretato la necessità di far fronte alla mancata raccolta differenziata dei rifiuti attraverso la costruzione di un termovalorizzatore in una delle province italiane che ha uno dei tassi più bassi di RSU prodotti!

Ma non è mica colpa dei cittadini (che differenziano anche in quei luoghi nei quali, pur essendoci i contenitori per la differenziata, la stessa non funziona) se siamo in una condizione di arretratezza rispetto alla raccolta differenziata? Ed ora gli stessi cittadini dovrebbero anche sopportare i danni di un termodistruttore (di questo si tratta, basta con gli eufemismi lessicali che nascondono la realtà!) perché gli amministratori, regionali, provinciali e comunali non hanno fatto abbastanza per assecondare una pratica già da tempo patrimonio acquisito di decine di migliaia di cittadini della provincia di Matera che vorrebbero differenziare i propri rifiuti ma non possono.

Ma davvero nessuno è responsabile, e a pagare dovranno essere le popolazioni residenti nelle vicinanze del termodistruttore? Come dire, alcuni sbagliano, o semplicemente non decidono, e tutti pagano. Un po’ come la crisi economica globale che rischia per i capricci di pochi architetti del neoliberismo di far pagare a tutti il costo delle loro iperboliche invenzioni.

L’idea di praticare la via del termodistruttore è inaccettabile e perdente non solo perché non si giustifica nel ciclo dei rifiuti ma anche e soprattutto perché in questa regione, e quindi nelle sue due province, non si è fatto quasi nulla affinché dai proclami si passasse alla pratica della riduzione del conferimento dei rifiuti, alla raccolta differenziata, al riuso.

I cittadini, singoli o organizzati, non potranno permettere che l’assenza della programmazione porti gli Enti pubblici all’esito di costruire un termodistruttore. Perché non è il fato a volerlo ma la mancanza di capacità politica e pratica di dare nuovi e diversi strumenti per risolvere il problema. Non può essere ancora una volta il mercato, con l’affidamento alla filiera industriale dei rifiuti, l’esito di questa complessa questione. La vicenda campana è l’emblema del fallimento delle politiche che volgono lo sguardo alla filiera industriale come soluzione, perché la soluzione è collocata proprio ad un punto cardinale opposto che parla di riuso, riduzione, riciclo. Certo il riuso, la riduzione, il riciclo non garantiscono affari ai potentati economici dell’industria della “monnezza”, non determinano un iperguadagno per gli investitori di borsa che portano al tracollo dell’economia. Invece di essere attenti ai richiami del mercato e prima di arrivare ad un punto di non ritorno sarebbe utile che i nostri Amministratori pensassero, perché in Basilicata siamo ancora nella condizione di farlo, a soluzioni diverse e meno onerose per la salute, per la natura, per le tasche della collettività.

Oppure sarà la lotta, in barba ai decreti militari del Governo nazionale contro le popolazioni, a determinare esiti differenti. La vicenda contro il sito unico di stoccaggio di scorie nucleari dovrebbe illuminare rispetto a certe scelte.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy