Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Inizia la corsa alle ricche risorse petrolifere libiche
    Nazioni alla conquista del petrolio libico

    Inizia la corsa alle ricche risorse petrolifere libiche

    La ridefinizione dei rapporti d'affari tra nuovo governo libico e paesi esteri in un'area non ancora stabilizzata, tra giacimenti noti o ancora da esplorare e compagnie petrolifere in competizione.
    14 settembre 2011 - Clifford Krauss
  • Libia: lo show delle armi, armi per tutti

    Libia: lo show delle armi, armi per tutti

    Solo sette mesi fa Finmeccanica annunciava che la Libia avrebbe potuto avere un suo consigliere nel cda visto che i libici della Lia (fondo sovrano gestito dal ministero della difesa di Tripoli) erano entrati nel capitale della società con una quota del 2,01% delle azioni, oggi lancia missili aria-superficie a guida laser capaci di neutralizzare strutture fisse corazzate e sotterranee e quelli nati per la soppressione di radar nemici.
    27 agosto 2011 - Rossana De Simone
  • Il colosso petrolifero statunitense ConocoPhilips spinto  a scusarsi per le fuoriuscite di petrolio
    Marea nera nel Golfo di Bohai in Cina

    Il colosso petrolifero statunitense ConocoPhilips spinto a scusarsi per le fuoriuscite di petrolio

    La notizia della catastrofe ambientale era trapelata grazie ad un blogger ambientalista cinese che per primo aveva rivelato il disastro.
    26 agosto 2011 - Wang Qian
  • La Libia e il Mondo del Petrolio

    Una lucida analisi di Chomsky sulla protezione che il mondo del petrolio offre a Gheddafi in nome di interessi economici che non si fermano neanche di fronte alla violazione sistematica dei diritti umani
    20 aprile 2011 - Noam Chomsky

Parco Val d'Agri, toccato il fondo del barile

Parco barattato con le royalties del petrolio? La gestione rischia di essere "congelata" a tutto vantaggio del cosiddetto "parco dell'energia", propagandato dalla Fondazione Mattei con il sostegno della stessa Regione.
3 novembre 2008 - OLA | Organizzazione Lucana Ambientalista

Parchi Il Parco Nazionale della Val d'Agri si avvia ad essere barattato con le royalties del petrolio? Se lo chiede la OLA - Coordinamento apartitico Territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini - commentando la decisione della "ministra" all'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, di nominare un Commissario al posto del presidente del Parco Appennino Lucano Val d'Agri-Lagonegrese e la conseguente "crociata federalista" della Regione Basilicata che ha omesso, sino ad oggi, di perorare e rendere noto il proprio nominativo proposto alla presidenza del Parco.

Il risultato è che la gestione del parco rischia di essere "congelata" per molti anni ancora, a tutto vantaggio del cosiddetto "parco dell'energia", propagandato dalla Fondazione Mattei con il sostegno della stessa Regione. Mentre il duopolio Eni-Total diviene padrone del territorio, la Regione Basilicata è stata "silurata" dal Governo anche sul versante delle autorizzazioni alle compagnie petrolifere che preluderebbe all'azzeramento delle royalties petrolifere.

Infatti - ieri - la Camera dei Deputati, approvando il DDL 1441 Ter esclude, di fatto, il "parere vincolante" della Regione sul rilascio dei permessi di ricerca e concessioni, raschiando così il fondo del barile della politica lucana che sembra affondare in una crisi d'identità. Affinché il neo-Commissario del parco, Domenico Totaro, non diventi "commissario-fantoccio" delle compagnie petrolifere, è necessario che svolga il ruolo di garante della legge e delle misure di salvaguardia contenute nel DPR del parco - che fanno "divieto di ricerca ed estrazione di idrocarburi liquidi e gassosi nonché di attività petrolifere nell'area parco" - evitando che il divieto venga aggirato con stratagemmi burocratici che disattendono l'intesa tra Ministero dell'Ambiente e Regione, rispettivamente, approvato dal Consiglio Regionale della Basilicata nel mese di dicembre 2002 e richiamata nel DPR istitutivo del Parco Nazionale.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy