Azione nonviolenta a Roma davanti all’ENI

Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion

Gli attivisti chiedono di incontrare i ministri Patuanelli e Gualtieri, che detengono la Golden Share con cui si può indirizzare l’ENI verso la fuoriuscita dal fossile e verso nuove politiche sostenibili in Italia e nel mondo
9 ottobre 2020
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion Solidarietà agli attivisti che manifestano davanti all’ENI a Roma

Esprimo solidarietà e sostegno ai giovani attivisti di Extincion Rebellion che stanno manifestando a Roma di fronte alla sede dell’ENI.

Essi chiedono di incontrare i ministri Patuanelli e Gualtieri in quanto tali ministri hanno il potere di influire sulle politiche dell’ENI, multinazionale di cui lo Stato italiano possiede il controllo detenendo oltre il 30% delle azioni, fra Tesoro e Cassa Depositi e Prestiti.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico, è titolare della cosiddetta Golden Share che consente allo Stato di esercitare dei poteri speciali finalizzati a tutelare l’interesse della collettività.

Tutto ciò conferisce ai ministri Patuanelli e Gualtieri delle responsabilità particolari che dovrebbero usare nell’interesse pubblico, orientando l’ENI verso una effettiva e rapida transizione green in funzione degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per la sostenibilità ambientale. I cambiamenti climatici sono in atto e il governo italiano deve usare la Golden Share per fermarne la corsa il più rapidamente possibile.

L’ENI ha avuto inoltre forti responsabilità relativamente ai diritti umani come multinazionale, ricevendo gravi contestazioni dalle popolazioni indigene dove svolge le attività estrattive. La disastrosa situazione ambientale e sociale nella zona del Delta del Niger, solo per fare un esempio, pesa sulla coscienza e l’immagine delle compagnie petrolifere che lì operano e Amnesty International ha denunciato gravi negligenze anche da parte dell’ENI.

Tutto ciò è più che sufficiente per chiedere al governo italiano di esercitare doverosamente i suoi poteri di controllo e di indirizzo dialogando con coloro che sono gli interlocutori naturali di un governo realmente democratico: i cittadini.

Invito i ministri Gualtieri e Patuanelli a compiere un gesto importante di discontinuità rispetto al passato avviando un dialogo con i giovani di Extinction Rebellion e, attraverso loro, con la società civile organizzata che sui temi della sostenibilità e della giustizia ambientale pone domande sempre più urgenti ed esigenti ai decisori politici.

Questi giovani si sono incatenati davanti all’ENI per fare le domande che tutti noi abbiamo il diritto di porre per un futuro sostenibile.

Alessandro Marescotti

Presidente di PeaceLink

Articoli correlati

  • Agisci adesso per contrastare i cambiamenti climatici!
    Ecodidattica
    Venerdì 24 settembre 2021

    Agisci adesso per contrastare i cambiamenti climatici!

    Parla con chi hai intorno, coinvolgi attivamente la tua classe, il gruppo di amiche e amiche, la tua associazione, i tuoi familiari. Non risparmiare energie perché questo è un momento storico per il nostro futuro.
    23 settembre 2021 - Fridays for Future
  • Giustizia climatica
    Ecologia
    Un glossario per comprendere

    Giustizia climatica

    Casacomune propone la seconda edizione di una formazione per insegnanti ed educatori su cambiamenti climatici, biodiversità, conflitti ambientali. Il titolo del corso è "La scuola per il futuro". Qui si riportano le slides di Alessandro Marescotti sulla giustizia climatica.
    28 agosto 2021 - Laura Tussi
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per un futuro senza carbone in Italia bisogna cominciare dal mostro climatico
    Editoriale
    L'ONU parla apertamente di "codice rosso per l'umanità"

    Per un futuro senza carbone in Italia bisogna cominciare dal mostro climatico

    L'ultimo decennio, secondo gli esperti dell'ONU, è stato il periodo più caldo probabilmente degli ultimi 125 mila anni. PeaceLink chiede al ministro della Transizione Ecologica un progetto di reimpiego dei lavoratori dell'ILVA in esubero nell'ambito di programma di riassorbimento della CO2.
    9 agosto 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)