Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
  • Siria, i frutti avvelenati della guerra

    Siria, i frutti avvelenati della guerra

    6 settembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Il documentario “Young Syrian Lenses”
    E' stato realizzato ad Aleppo

    Il documentario “Young Syrian Lenses”

    In versione integrale sul web per 48 ore
    19 agosto 2016 - Ruben Lagattolla
  • La battaglia di Aleppo
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
Siria

La barbarie: 68 bambini fatti a pezzi

Ribelli fanno strage di civili sciiti provenienti da zone filogovernative. Il bilancio complessivo dell'attentato kamikaze è salito a 126 morti. Tra questi, almeno 68 bambini e 13 donne
16 aprile 2017 - Alessandro Marescotti
E' ormai chiaro che l'autobomba è stata lanciata contro civili siriani provenienti da zone filogovernative. I terroristi hanno agito con uno spirito di barbarie unico. Siria, strage di 68 bambini con un'auto bomba

La Stampa scrive: "“Almeno 68 bambini morti ad Aleppo”. I ribelli accusano il regime ma i sospetti sono su Al-Qaeda".

Questi "ribelli" sono sempre meno credibili.

Sanguinari. Dovrebbero condannare chi fra di loro ha fatto a pezzi 68 bambini. E invece ripropongono l'improponibile versione che un'autobomba sarebbe stata lanciata dal regime su civili provienienti da un'area controllata da Assad. 

Un veicolo imbottito di esplosivo, stando alle ricostruzioni un pickup, è saltato in aria nell'area in cui stazionavano 75 bus e 20 ambulanze destinati a portare cinquemila sciiti provenienti dalle due città filogovernative Kafaraya e Foa verso altre zone controllate dai militari fedeli al presidente Bashar al-Assad.

Questi "ribelli" non sono migliori di Assad. Non possono ricevere neanche un briciolo di solidarietà. La loro violenza non è migliore di quella del regime.

Purtroppo emerge una verità drammatica: i "ribelli" sunniti hanno colpito i civili - bambini compresi - perché i civili da uccirere erano sciiti. E lo hanno fatto con l'inganno.

Barbarie allo stato puro.

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies