Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Taranto as in the Niger river delta: violated rights and children in danger

    A dossier for Amnesty International

    The similarities between Taranto and the Niger delta come from the extent of contamination and the objective responsibility of the industrial area
    8 luglio 2014 - Alessandro Marescotti
  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • L’uomo che ha umiliato la Chevron
    Una storia esemplare

    L’uomo che ha umiliato la Chevron

    L’avvocato ecuadoriano Pablo Fajardo ha ottenuto contro il gigante del petrolio il più grande risarcimento della storia per disastro ambientale
    16 ottobre 2013 - Pablo Ximénez de Sandoval
  • Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador
    Quando la mucca da mungere si ribella

    Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador

    L'Ecuador sta raccogliendo la documentazione da presentare alla fine dell'anno davanti alla Corte dell'Aia. È stato stabilito il danno al delicato ecosistema amazzonico a cominciare dallo sversamento di 680.000 barili di greggio nei fiumi, flora e fauna delle province amazzoniche. Lo sfruttamento di questi pozzi è stato effettuato senza alcuna protezione nei riguardi dell'ambiente circostante. La popolazione delle province di Orellana e Sucumbios ha una percentuale di malati di cancro tre volte superiore agli abitanti del resto del paese. Ci sono più di 80.000 analisi che rilevano l'esistenza di prodotti tossici nel suolo e nell'acqua risultanti dalla contaminazione di acqua tossica proveniente dall'estrazione del petrolio.
    9 ottobre 2013 - Luis Padilla en Mié
Giallo sulla possibile morti di quattro manifestanti per mano dell'esercito

Nigeria: Manifestanti occupano le installazioni della Chevron-Texaco

Riprende la lotta delle popolazioni locali contro le multinazionali del petrolio del Delta del Niger, come due anni fa occupata la stazione di Escravos. La compagnia accusata di non rispettare gli accordi del 2002, e mentre la popolazione riprende le proteste, purtroppo si registra il solito bollettino di guerra.
4 febbraio 2005 - Matteo Figus
Fonte: BBC, IRINNEWS

Nell'area del Delta del Niger sono riprese le occupazioni delle installazioni petrolifere, accusate dalle popolazioni locali di devastare e sfruttare le loro terre. Il 4 febbraio, centinaia di persone hanno invaso la stazione petrolifera della Chevron-Texaco a Warri, con susseguenti scontri tra forze di sicurezza nigeriane e manifestanti.
Dal villaggio di Ugborodo, vicino alla citta' di Warri, circa 200 persone hanno occupato l'installazione della Chevron Texaco di Escravos, dopo che un gruppo di manifestanti e' entrato con un'imbarcazione nell'area della stazione.
La compagnia e' accusata di non aver rispettato gli accordi scaturiti dopo dopo l'ultima occupazione della stazione petrolifera nel luglio 2002, quando centinaia di donne occuparono le installazioni per 10 giorni. Si raggiunse allora un accordo che prevedeva da parte della compagnia Chevron=Texaco l'impegno per un piano di sviluppo economico dell'area e l'intesa per favorire unaumento delle opportunita' di lavoro anche per i residenti.
Purtroppo, come gia' allora, anche questa volta a parlare sono state le armi delle forze armate nigeriane, che secondo Helen Joe, leader degli attivisti locali, ha provocato quattro morti e almeno tre feriti. Sia la compagnia che l'esercito nigeriano, per parola del brigadiere Elias Zamani, non confermano queste fonti, ma un giornalista di Warri ha riferito alla BBC che almeno 12 persone sono state ricoverate all'ospedale, e alcuni sono in gravi condizioni. Come spesso accade in queste situazioni diventa difficile rperire informazioni dettagliate, specie in una zona che da alcuni anni e' praticamente considerata un'area di guerra, con l'esercito nigeriano inviato a riportare l'ordine, anche con l'uso della forza, spesso indiscriminato.
La fermezza del governo federale di Olusegun Obasanjo nel dispiegare migliaia di soldati nel Delta del Niger e' chiaramente legato all'enorme importanza economica che riveste quest'area. Il Delta del Niger e' in grado di produrre oltre 2.5 milioni di barili al giorno di petrolio, l'intera produzione di greggio della Nigeria, in mano per il 90% a joint ventures tra governo federale e compagnie internazionali. Il governo federale detiene la maggioranza delle azioni in queste joint ventures, e con la Chevron-Texaco il 60%, che costituisce il terzo gruppo del paese. E' chiaro che con queste cifre in campo si capisce che la difesa delle installazioni petrolifere va ben oltre la semplice natura di un problema di ordine pubblico, che purtroppo spesso sconfina in aperti abusi e nell'uso dell'esercito come forza "privata" di difesa da aprte delle compagnie.

Note:

l'autrice dell'articolo della BBC fonte del presente e' Anna Borzello,
"Protestors hold Nigeria oil plant", http://bbc.co.uk

IRIN, "Soldiers kill four protesters at oil terminal, activists say", http://irinnews.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies