Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • È stato tradito? Ovviamente.
    Il Pakistan ha sempre saputo dove si nascondeva Bin Laden

    È stato tradito? Ovviamente.

    Ieri in Pakistan è morta un’entità astratta di mezz’età, un fallimento politico ormai superato dalla storia, dai milioni di arabi che chiedono libertà e democrazia in Medio Oriente. E poi il mondo è impazzito.
    3 maggio 2011 - Robert Fisk
  • L’uccisione di Bin Laden senza processo scardina i principi del diritto

    L’uccisione di Bin Laden senza processo scardina i principi del diritto

    L’uccisione di Osama Bin Laden ci ricorda in maniera inquietante che la retorica occidentale sull’universalità dei diritti umani e dei principi del diritto, è sacrificata con facilità sull’altare dell’interesse.
    5 maggio 2011 - Greg Barns
  • Pace e libertà per il popolo kurdo
    Appello per il 18 ottobre e 13 novembre 2010

    Pace e libertà per il popolo kurdo

    Nel Kurdistan turco è ancora guerra sporca contro il popolo kurdo e contro le sue strutture democratiche. Una guerra condotta in violazione di qualsiasi normativa o convenzione internazionale che la Turchia abbia sottoscritto.
    19 ottobre 2010 - Rete Italia di solidarietà con il popolo kurdo
  • Il processo è a rischio prescrizione
    Torture al Cpt di Lecce Regina Pacis

    Il processo è a rischio prescrizione

    Cesare Lodeserto fu condannato in primo grado per "gravi violenze con sevizie e crudeltà"
    Stefano Mencherini
29 ottobre 1997: processo penale a Giovanni Pugliese

Sotto processo un costruttore di pace

23 ottobre 1997 - Alessandro Marescotti

A Taranto si apre il 29 ottobre la prima udienza del processo penale a Giovanni Pugliese, fondatore e coordinatore generale di rete PeaceLink nonche' segretario dell'associazione di volontariato telematico PeaceLink.
Anni di impegno di volontariato scambiati per pirateria telematica a scopo di lucro. Perche' e' questa l'accusa che e' puntata su di lui, un'accusa che e' stata trasformata in decreto di condanna penale con un automatismo giuridico che ha prodotto l'immediato ricorso di Giovanni.

Ora finalmente potra' esserci quel dibattimento in aula che il decreto di condanna penale aveva scavalcato.

Questo processo intendiamo ribaltarlo e trasformarlo in un atto di accusa contro quei militari della Guardia di Finanza che hanno agito in modo anomalo e contro i loro occulti ispiratori. Si dovra' chiarire perche' si e tentato di disarticolare la telematica per la pace in Italia. Vogliamo sapere, vogliamo vederci chiaro, vogliamo che chi ha sbagliato paghi.

Ne vedremo delle belle.
Dovranno chiarire come e perche' si e' giunti a costruire un processo su prove inesistenti. Un collegio di difesa costituito dai migliori avvocati italiani sosterra' Giovanni Pugliese.

E con loro saremo tutti noi a sostenerlo.
Un costruttore di pace e' sotto processo: non avvenga mai piu'!

Intanto: che fare?

  1. Teniamoci in contatto.
    Collegatevi alla conferenza telematica PeaceLink News dove inseriremo tutti gli aggiornamenti sul processo in tempo reale.
    Per collegarsi:
    - inviare un messaggio a: listserv@peacelink.it
    - con la scritta: subscribe pcknews
  2. Aiutiamo Giovanni Pugliese.
    Le spese da sostenere per il processo, che si profila di lunga durata, sono notevoli e invitiamo a contribuire sul c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, via Galuppi 15, 74010 Statte (TA).
  3. Diffondiamo l'informazione sul processo.
    Carlo Gubitosa ha realizzato un ottimo ipertesto con tutta la documentazione (lo si puo' richiedere ad a.marescotti@peacelink.it ).
    Inoltre sul sito web www.metro.it/gubi/pck/crackpck.html
    C'e' un ampio racconto su come sono andati i fatti e sui retroscena di questa inquietante vicenda.
    E' il momento della solidarieta': diffondiamo questo editoriale.
    Con i modem e con i fax.

Un costruttore di pace e' sotto processo: non avvenga mai piu'!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy