Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Presentazione del libro "La follia del nucleare"
    Recentemente l'ONU ha votato a favore della messa al bando delle armi atomiche

    Presentazione del libro "La follia del nucleare"

    PeaceLink a Taranto dedica l'iniziativa del 4 novembre al disarmo nucleare e alle persone che lavorano per la pace. Alla libreria Gilgamesh (via Oberdan 45, Taranto) alle ore 18 sarà presentato il libro "La follia del nucleare".
    3 novembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Bombe atomiche ad Aviano
    Una plateale violazione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare

    Bombe atomiche ad Aviano

    Quello delle atomiche ad Aviano è il classico segreto di Pulcinella: tutti lo sanno che sono lì, e tutti fanno finta di non saperlo, anche se periodicamente autorevoli analisti vengono a ricordarcelo. Abbiamo avviato una causa legale con cui intendiamo dimostrare l'illegalità della presenza delle atomiche ad Aviano ed al tempo stesso la loro pericolosità. In conseguenza, il Tribunale Civile dovrebbe ordinare agli Stati Uniti di portarsi via le bombe nucleari.
    13 marzo 2006 - Tiziano Tissino
  • Hiroshima e Nagasaki furono necessarie? Ecco alcune informazioni storiche per smontare un luogo comune

    I retroscena del lancio delle atomiche a sessant'anni da Hiroshima

    Gli americani erano venuti a conoscenza della volontà del Giappone di mettere porre fine alla guerra e di arrendersi. Ma c'era un problema: il Giappone stava per trattare la pace anche con l'Urss. I servizi segreti americani intercettarono e lessero i messaggi in codice del governo giapponese all'ambasciatore giapponese a Mosca. E fu deciso il bombardamento atomico prima che il Giappone concordasse la resa anche con l'Urss.
    6 agosto 2005 - Alessandro Marescotti
  • A New York per dire NO all’armamento nucleare
    Alla importante manifestazione di Central Park a New York il 1° maggio scorso, in occasione della revisione del Trattato di non proliferazione nucleare, era presente anche la delegazione di IPB-Italia...

    A New York per dire NO all’armamento nucleare

ONU, Palazzo di Vetro

Le armi nucleari sono state dichiarate illegali

Una pagina di storia è stata scritta pochi minuti fa. L'Italia? Assente.
7 luglio 2017 - Alessandro Marescotti

Un minuto di applausi. Assemblea generale dell'ONU

Il mondo ha ora un trattato che dichiara "illegali" le armi nucleari. Così come le armi chimiche e biologiche. Illegali perché non distinguono fra militari e civili. Perché armi di distruzione di massa.

L'Italia è assente come assenti sono in questo evento le potenze nucleari.

L'Assemblea generale dell'ONU vara finalmente - dopo mesi di trattative - un testo definitivo per la messa al bando delle atomiche. Questo è un momento stotico. Un momento per cui avevamo lavorato da tempo. Il sogno è diventato realtà. È il successo di una campagna internazionale a cui ha partecipato anche PeaceLink.

Il premier Paolo Gentiloni, dopo aver guidato quando era giovane il movimento contro i missili atomici di Comiso, oggi non c'è a New York, al Palazzo di Vetro.

La motivazione è che questo bando delle armi atomiche sarebbe "divisivo".

Ma in realtà c'è un piano di ammodernamento delle armi nucleari da 12 miliardi di dollari per le nuove bombe B12. Bombe che potranno essere trasportate dai cacciabombardieri F-35. Così anche i piloti militari italiani potranno provare il brivido di chi trasportò la bomba di Hiroshima.

Le testate nucleari B61

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)